Con l’annuncio all’E3 di Shin Megami Tensei V, Atlus ha cominciato a rilasciare trailer giornalieri coprendo ogni volta un demone diverso, mostrandone animazioni, modello e varie caratteristiche. Oggi è il turno di Sraosha, il particolare Herald introdotto da Devil Summoner.

Origine mitologica

Nello zoroastrismo, Sraosha è una delle entità note come Yazatas (traducibile in “esseri meritevoli di venerazione”), e viene spesso associato agli Amesha Spenta, un gruppo di 6 divinità che si dice aiutò il dio supremo Ahru Mazda nella creazione.

Il suo nome è traducibile come “coscienza” o “obbedienza”, ed il suo scopo è quello di diffondere la dottrina di Ahru Mazda sulla Terra, assieme a concetti quali la bellezza della vita. Ha anche l’incarico di ascoltare le preghiere dei fedeli in vece del dio creatore stesso.

La sua prima apparizione risale al libro Gathas, le scritture sacre più antiche dello zoroastrismo, anche se viene citato pure in testi successivi. Verrà successivamente descritto come una vera e propria piaga per esseri malvagi e demoni, combattendoli utilizzando una clava. La sua nemesi nonché antitesi completa è Aeshma, il daeva dell’ira.

Apparizioni nella serie e design

Sraosha è comparso per la prima volta nei MegaTen a partire da Shin Megami Tensei: Devil Summoner, il primo capitolo della serie di Devil Summoner. Da lì è apparso in svariati altri titoli, debuttando nella serie principale a partire da Strange Journey.

Rispetto ad altri demoni, ha solo un design che è stato utilizzato in tutti i vari capitoli in cui è apparso, dandogli l’aspetto di un angelo molto magro con 6 ali, pelle bluastra e lineamenti quasi alieni. Porta sempre con sé una pergamena, che utilizza attivamente durante la battaglia

Design di Sraosha su Devil Summoner
Sraosha da Devil Summoner

Informazioni generali in battaglia

Le statistiche qui elencate sono quelle mostrate nei trailer, però potrebbero subire modifiche nella versione finale del gioco.

Le abilità utilizzate nel video sono Mediarahan e Mahamabarion, quest’ultima delle quali è una nuova abilità che infligge danni di elemento Luce grave ad area. Sono inoltre presenti nel menu delle abilità anche Megidolaon e Makarakarn.

Più che sulle abilità di per sé, però, vorrei spostare la vostra attenzione sul loro costo in MP.

Mediarahan infatti, nonostante non sia nemmeno l’abilità curativa migliore del gioco, viene mostrata avere un costo di ben 112 MP, superando anche i 100 MP di Salvation, ritenuta la migliore abilità curativa in molti titoli della serie, su Shin Megami Tensei IV Apocalypse.

Ricordate poi che sempre su quest’ultimo le affinità diminuivano il costo in MP delle abilità per cui era presente affinità, e Sraosha ha +3 di affinità nelle abilità curative, per cui è più che probabile che il costo base superi i 120 MP.

Inutile dire che questi costi siano più che anomali, e considerato che anche le abilità fisiche richiederanno l’uso di MP in battaglia, potremo trovarci davanti ad una seria limitazione alle abilità che sarà possibile utilizzare in battaglia.

Potrebbero comunque esserci delle meccaniche di battaglia non ancora mostrate che bilanciano questa modifica, ma ancora non possiamo saperlo.

Altri demoni mostrati

Tra i vari demoni mostrati in battaglia, è stato confermato Black Ooze, una cattiva notizia se devo essere onesto visto che adesso sappiamo che tra questi più di 200 demoni saranno presenti anche dei recolor (Black Ooze è un recolor di Slime).

Per il resto, sono comparsi anche Mothman, Fafnir, Dakini e Kaiwan, tutti già visti in trailer o presentazioni precedenti.

Prossimo demone in arrivo

Domani, alle 12:00, verrà pubblicato come al solito il prossimo demone. La silouette mostrata alla fine del trailer di Sraosha mostra chiaramente i lineamenti tipici di Xuan Wu, l’accoppiata tartaruga-drago conosciuta anche come Gui Xian o Genbu in alcuni capitoli della serie.

Silouette di Xuan Wu

Tutti i Demon Showcase rilasciati

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion