Con l’annuncio all’E3 di Shin Megami Tensei V, Atlus ha cominciato a rilasciare trailer giornalieri coprendo ogni volta un demone diverso, mostrandone animazioni, modello e varie caratteristiche. Oggi è il turno di Rangda, un demone femminile di origine indonesiana.

Origine mitologica

Una strega considerata nella mitologia balinese come la regina dei demoni malvagi. Controlla una legione di streghe per affrontare le forze del bene, comandate da Barong.

In giavanese antico, il suo nome è traducibile come “vedova”. D’aspetto è spesso rappresentata come una donna nuda con capelli incolti e viso mostruoso, ricordando con le sue zanne figure demoniache.

Viene spesso impersonata durante la famosa danza Barong.

Apparizioni nella serie e design

La sua prima apparizione risale addirittura a Megami Tensei.

Per quanto riguarda il design utilizzato, invece, il primo apparso la traspone come creatura quadrupede, il secondo, di Shin Megami Tensei II, punta più alla rappresentazione da donna mentre l’ultimo, quello di Soul Hackers, ne mette in risalto le caratteristiche femminili, modificandone però diversi aspetti.

Quest’ultimo è quello che verrà utilizzato su Shin Megami Tensei V.

Informazioni generali in battaglia

Le statistiche qui elencate sono quelle mostrate nei trailer, però potrebbero subire modifiche nella versione finale del gioco.

Le abilità mostrate sono Nihil Claw e Wind Breath, mentre rifà la sua comparsa nel menu quello stesso Steel Needle che apparve nel trailer di Fafnir diversi giorni fa.

Altri demoni mostrati

In battaglia sono visibili Tsuchigumo, Slime, Orobas e Girimehkala, tutti già mostrati in precedenti Showcase o trailer.

Rangda in battaglia

Prossimo demone in arrivo

Il demone successivo nella lista è Arahabaki, restando in tema di demoni che possono riflettere o assorbire i danni fisici.

Tutti i Demon Showcase rilasciati

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion