Molte delle missioni secondarie di Elden Ring portano a veri e propri finali alternativi e possono includere ardue bossfight per essere completate. Una di queste è sicuramente quella contro il Necrodrago Fortissax, utile per ottenere l’omonimo trofeo e finire la missione di Fia.

In questa guida vedremo come batterlo senza troppe difficoltà.

Quindi eccoci qua a darvi dei consigli su come sconfiggere questo boss con facilità. Maggiori dettagli sul gioco li trovate invece nella nostra guida completa.

Dove trovare il Necrodrago Fortissax

Per arrivare a combattere contro il Necrodrago Fortissax dovrete prima aver portato a termina la missione di Fia, di cui abbiamo fatto una guida dedicata data la sua lunghezza.

Preparazione

Strategia

necrodrago fortissax
A dispetto delle aspettative e della sua indiscutibile presenza scenica Fortissax non sarà un boss così difficile da battere a patto di seguire un semplice consiglio: non utilizzate mai il lock della telecamera.

Questo perchè, come da tradizione, la telecamera nei giochi From Software ha sempre avuto dei problemi con i nemici molto grandi (vedi Midir in Dark Souls 3) e il lock in questi casi diventa persino un malus.

Fatta questa premessa vi renderete conto durante la bossfight che Fortissax condivide buona parte del moveset con molti altri draghi presenti in Elden Ring e, come con gli altri nemici di questo tipo, il metodo migliore per batterlo è attaccare con continuità le sue zampe posteriori.

Gli unici attacchi a cui dovrete stare attenti sono i fulmini che bersaglieranno continuamente il vostro personaggio e i colpi ad area che scatena praticamente con ogni sua mossa.

Potrete evitare i fulrmini semplicemente schivando quando appare un luccichio rosso intorno al vostro personaggio mentre potete ignorare i danni ad area dati i loro danni relativamente bassi.

Sotto al 50% di vita Fortissax caricherà un attacco molto potente in cui impugnerà due lance elettriche. Questo attacco è facilmente schivabile aumentando la distanza tra voi e il drago in modo da evitare le onde d’urto causate dal nemico.

Il resto della battaglia è identico alla prima fase e con poco sforzo potrete avere ragione di questo imponente ma debole nemico.

Ovviamente sono consigliate armi che provocano sanguinamento per devastare la grande barra degli HP del boss e, per chi riscontra maggiori difficolta, uno scudo con alte difese fisiche e elettriche dato che la maggior parte dei colpi del boss sono di questo elemento.

Ricompense

Dopo aver sconfitto il boss otterrete le seguenti ricompense:

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion