Arrivati alla parte finale di Elden Ring il gioco vi proporrà grandi scontri anche contro personaggi che avete conosciuto durante le prime ore. Uno di questi è Gideon Ofnir, personaggio che alla Tavola delle Grazie vi darà un sacco di informazioni nel corso del gioco.

Andiamo quindi a vedere qualche consiglio per sconfiggerlo facilmente. Come al solito vi ricordiamo invece che se siete alla ricerca di guide su altri aspetti del gioco vi basterà consultare la nostra guida completa.

Dove trovare Gideon Ofnir

Troverete Gideon Ofnir a Leyndell, Capitale delle Ceneri. Per sbloccare questa area dovrete aver sconfitto il Gigante di Fuoco e riattivato la Forgia dei Giganti. Essendo un incontro legato alla trama non potrete perderlo.

Preparazione

Ecco qualche consiglio per presentarvi in battagli al meglio:

Strategia

A dispetto del punto in cui si trova nel gioco Gideon rappresenta un avversario di inaspettata pochezza. Questo è dovuto prevalentemente al suo essere la definizione esatta di glass cannon, ovvero dotato di un attacco estremamente alto ma di una difesa e vitalità imbarazzanti.

Tenendo fede al suo soprannome Gideon conoscerà tutti gli incantesimi più forti del gioco e non si farà problemi a scaricarveli addosso in modo ciclico. I suoi danni però rappresenteranno l’unica vera difficoltà rappresentata dalla bossfight dato che in quanto a vita ed equilibrio lascia piuttosto a desiderare.

Quando lo colpirete infatti noterete che le i suoi attacchi verranno sempre interrotti e buona parte della sua vita se ne andrà ad ogni colpo subito.

La strategia è quindi solo una: utilizzate un approccio estremamente offensivo e uccidetelo in poco tempo facendo giusto un po’ di attenzione ai suoi attacchi.

Utilizzare uno spirito evocabile rende questa battaglia semplicissima e indegna di essere una bossfight di trama.

Ricompense

Dopo aver sconfitto il boss otterrete le seguenti ricompense:

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion