I monster movie sono tipologie di lungometraggi da sempre molto in voga in Giappone. Questi film ritraggono enormi mostri alle prese contro le metropoli come Tokyo e che hanno influenzato tantissime opere, come per esempio Dragon Ball con gli Scimmioni, detti anche Oozaru.

Queste mastodontiche creature sono presenti da sempre in ogni saga, canoniche e non, della serie e persino alcuni dei personaggi principali si trasformeranno varie volte in questi giganteschi primati. Ma perché esistono gli Oozaru e quali sono le loro caratteristiche lo potrete scoprire in questo articolo.

Cosa sono gli Oozaru?

Gli Oozaru sono la conseguenza di una metamorfosi della razza dei Saiyan, razza aliena originaria del pianeta Sadala.

Questi osservando la luna piena o un suo sostituto se sono in possesso della coda diventano giganteschi scimmioni. Questa metamorfosi avviene solo se il saiyan ha la coda e se assorbe un quantitativo idoneo di Onde Bluetz.

Queste onde sono emanate dai raggi di una stella riflesse da un satellite e per trasformarsi un saiyan necessita di 17 milioni di onde Bluetz.

Questi scimmioni riescono a moltiplicare la potenza base della loro forma saiyan fino a dieci volte. Questo è considerevole, visto che un terrestre umano medio adulto in piene forze riesce ad arrivare intorno al livello 5 di potenza.

L’unico modo per poter far tornare un Saiyan al suo stato originale è aspettare il calare della luna o tagliargli la coda per invertire immediatamente la trasformazione.

Il controllo o meno su questa trasformazione dipende dall’abilità del guerriero e finora solo Vegeta dimostra di avere il pieno controllo su questa forma.

Goku Oozaru ha subito un taglio della coda da parte di Pual e sta ritornando alla forma base.

Appena nato Goku ha un livello di potenza pari a 2 e si ritroverebbe ad affrontare il pianeta Terra con un potere di circa 20, riuscendo però a rinforzarsi con gli scontri grazie allo Zenkai Power.

Durante la prima saga ha un livello di potenza pari a 10 e quindi quando si trasforma in Oozaru la prima volta arriva al tremendo potere di 100, trovandosi quindi alla pari del potente Nam, conosciuto solo succesivamente durante il torneo Tenkaichi.

Degno di nota è l’assenza di coda nei figli dei saiyan purosangue. Solo Gohan ha la coda ufficialmente, mentre Trunks, Goten, Bra e Pan non la hanno.

Lo stesso autore, Akira Toriyama ha dichiarato che l’avere la coda è un tratto genetico non dominante della razza dei Saiyan, quindi questa progenie non ha ereditato i geni giusti.

L’Oozaru nella serie originale

La prima comparsa di queste mastodontiche creature è nella serie originale di Dragon Ball. Dopo aver rovinato il sogno di Pilaf di conquistare il mondo, Goku si trova imprigionato da parte di Pilaf in una cella inespugnabile insieme a Bulma, Yamcha, Oolaf e Pual.

Non riuscendo ad aprire un varco nella prigione per scappare il protagonista intravede la luna piena e ad un certo punto racconta che quando era piccolo, proprio durante una notte di luna piena, un mostro gigantesco distrusse il suo villaggio e uccise suo nonno Gohan.

Dopo la speculazione da parte dei compagni di viaggio che si chiedevano se fosse lui il mostro, questi gli chiedono di fissare la luna. Nonostante non succeda niente nell’immediato improvvisamente Goku subisce una metamorfosi e diventa un gigantesco scimmione impazzito che distrugge la prigione e l’intero palazzo di Pilaf.

Goku comincia la metamorfosi in Oozaru dopo aver fissato la luna nella prigione di Pilaf

In preda ad un istinto distruttivo lo scimmione distrugge ogni cosa intorno a lui e sembra anche non subire particolari danni dai mitragliatori dell’aereo di Pilaf.

Successivamente l’Oozaru raccoglie Bulma e, nel tentativo disperato di salvarla, Yamcha si appende alla coda di Goku, indebolendolo.

Dopodiché chiede a Pual di trasformarsi in un paio di forbici per tagliare la coda di Goku ritrasformando il giovane saiyan nella sua forma umana, completamente nudo e addormentato.

Probabilmente questa versione rocambolesca di Goku non è altro che una parodia del re scimmia Sun Wukong, protagonista della fiaba “Il viaggio in Occidente“, dalla quale Akira Toriyama si è ispirato per la prima saga.

Nonostante lo scimmione torni in qualche episodio della serie originale a seguito del taglio definitivo della coda da parte del Dio della Terra Goku non si trasformerà più in Oozaru nelle serie canoniche.

La motivazione della trasformazione in Oozaru si ha solo con l’arrivo di Vegeta sulla Terra, durante la saga dei saiyan in Dragon Ball Z.

I Saiyan e la conquista dei pianeti

Il popolo dei Saiyan era soggiogato e agli ordini di Freezer e, grazie alla loro indole combattiva e le loro doti in battaglia, erano addetti a conquistare nuovi territori per l’armata.

Sul pianeta Vegeta, quando nasceva un Saiyan, gli veniva assegnato un pianeta da conquistare in base al proprio livello di potenza.

Mentre gli infanti più forti erano destinati a soggiogare pianeti con combattenti forti i neonati più deboli venivano impiegati per la conquista di pianeti di seconda scelta, con fauna ed abitanti molto deboli.

In entrambi i casi i piccoli saiyan venivano spediti tramite una navicella spaziale chiamata Attack Ball.

All’interno di questa era presente un ripetitore di Onde Bluetz che aumentavano di conseguenza le possibilità al bambino di diventare un Oozaru, per cominciare la conquista del pianeta immediatamente dopo l’atterraggio.

La Attack Ball di Raddish quando atterra sulla Terra.

I piccoli Saiyan hanno comunque un’indole combattiva tenace e iraconda e nonostante siano infanti possono porre enormi disagi ai pianeti che invadono.

Bardack, il padre di Goku, decide di mandarlo sul pianeta Terra non per conquistarla ma per sopravvivere alla distruzione del pianeta Vegeta.

Il giovane saiyan viene trovato dal Nonno Gohan e nonostante sia molto debole riesce a sopraffare il potente guerriero che era l’allievo prediletto del Maestro Muten.

Per un evento fortunato batte la testa e cambia indole, diventando burlone e pacifico per quanto innamorato del combattimento, cosa che lo farà diventare il salvatore di vari universi.

Alcuni esempi di Oozaru

Oltre a Goku altri saiyan si sono trasformati in giganteschi scimmioni distruttori di mondi.

Per esempio dopo la saga di Radish Gohan si trasforma in Oozaru durante gli intensi allenamenti con Piccolo provocandogli diversi grattacapi che lo costringeranno a distruggere la luna per salvare l’intero pianeta.

Piccolo osserva da lontano Gohan trasformato in Oozaru

Durante la saga di Vegeta lo stesso principe dei Saiyan si trasforma in Oozaru creando una luna artificiale con la sua energia.

A differenza degli altri scimmioni però è l’unico Saiyan conosciuto in grado di mantenere l’intelligenza della forma base Saiyan, riuscendo a dialogare e ad adottare tattiche intelligenti e non esclusivamente furibonde.

Tuttavia viene notato da Goku che il livello di combattimento di Vegeta è diminuito per aver creato la luna artificiale, dando al principe dei Saiyan un aumento sì drastico, ma inferiore rispetto a quello voluto delle dieci volte superiori.

Durante alcuni flashback ed alcuni episodi speciali, si scoprirà che molti saiyan usano questa tecnica per aumentare il loro livello combattivo, come Bardack, il padre di Goku, e i suoi commilitoni Seripa, Toma, Toteppo e Panbuukin.

L’Oozaru Dorato

Nonostante questa forma di scimmione venga solo citata in una puntata filler della serie Z, dove viene raccontata come la versione originale del Super Saiyan Leggendario, compare nuovamente in Dragon Ball GT.

Sul nuovo pianeta Plant, durante lo scontro con Baby Vegeta, Goku subisce gravissime ferite e vedendo il pianeta Terra da lontano si trasforma in un gigantesco Scimmione Dorato. Proprio come la sua versione base aumenta di 10 volte il potere combattivo del Saiyan a cui però va “aggiunto” il moltiplicatore del Super Saiyan, che è di 50 volte.

Goku in preda alle Onde Bluets si sta per trasformare in Oozaru Dorato

Questa forma è molto superiore a quella del Super Saiyan 3 ma lascia l’utilizzatore fuori controllo. L’unica eccezione a questa regola è Baby Vegeta, ma solo perché è un Saiyan affetto da un parassita.

Solo dopo un toccante dialogo scambiato fra Goku e Pan e l’assaggio di una lacrima della giovane nipote il protagonista riesce a ritrovare il senno e a trasformarsi in Super Saiyan 4.

Oltre alla serie GT la Grande Scimmia Dorata compare anche in Super Dragon Ball Heroes, dimostrandosi nell’occasione persino più potente di un Super Saiyan Blue.

Solo Vegeth Super Saiyan Blue con il Kaioken riesce a battere faticosamente Cumber nella forma di Oozaru Dorato.

Conclusioni sugli Oozaru

Alla fine di questo articolo si possono trarre diverse conclusioni sui vantaggi e sui difetti di questa minacciosa trasformazione del popolo Saiyan.

L’aumento della forza sconsiderata fino a 10 volte superiore del livello base del Saiyan è notevole, ma in confronto alla trasformazione in Super Saiyan l’Oozaru è una forma obsoleta.

La trasformazione inoltre richiede una concomitanza di elementi difficilmente ottenibili in concomitanza come l’essere un Saiyan, avere la coda integra, una luna piena e un quantitativo immane di Onde Bluetz.

Baby Vegeta nella forma di Oozaru urla verso l'orizzonte in maniera minacciosa

Oltre a questo è da notare che la forma di Oozaru per la maggior parte dei Saiyan significa sì un aumento di forza, ma incontrollata, fattore che potrebbe portare al ferimento di alleati non trasformati o peggio ancora alla distruzione di risorse molto utili.

Inoltre il punto debole dei Saiyan, la coda, è ancora più facile da poter individuare, afferrare e tagliare, costringendo il lottatore ad uno stato di inerzia.

Voi cosa ne pensate degli scimmioni e delle tattiche militari dei saiyan? Ditecelo nei commenti qua sotto!

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion