L’uscita dei remake dei giochi Pokémon di quarta generazione, Pokémon Diamante Lucente e Pokémon Perla splendente su Nintendo Switch, è ormai vicina, e rispetto agli originali capitoli per DS apportano diverse migliorie per svecchiarne un minimo la formula.

Oggi quindi andremo un attimo a prendere considerazione tutte le differenze rispetto ai titoli originali, in modo tale da avere una migliore idea su quali modifiche sono state apportate prima dell’acquisto.

Il tipo Folletto

Come evidenziato da uno dei trailer usciti, i remake di quarta generazione comprenderanno il tipo folletto. Ricordiamo che quest’ultimo è stato introdotto nella sesta generazione nei titoli Pokémon X e Y e da quel momento è stato sempre presente.

L'allenatrice femminile e Piplup, uno degli starter di quarta generazione

I nascondigli Pokémon

Questa invece è una feature nuova di zecca per la serie che verrà sperimentata per la prima volta in Pokèmon Diamante Lucente e Perla Splendente.

Per quel che ne sappiamo al momento, saranno delle zone contraddistinte da tratti di natura come foreste, deserti o zone vulcaniche dove potrete trovare Pokèmon selvatici che non possono essere trovati in altri luoghi.

Sarà possibile accedere a questa nuova meccanica attraverso i Grandi Sotterranei di Sinnoh.

L'allenatore in una zona desertica

I Pokémon seguono l’allenatore

Le vostre creature tascabili ora potranno seguirvi a piedi al di fuori della Pokéball lungo tutta la mappa, e non solo all’interno del Parco Concordia com’era nei titoli originali.

Per quanto riguarda quest’ultimo, adesso sarà possibile portarsi appresso 6 Pokémon all’interno della zona invece che uno solo.

L'allenatore alle prese con Shynx, un Pokemon di tipo elettro di quarta generazione

Nuova varietà di avatar a inizio gioco

Nei titoli originali avevate a disposizione solo le versioni “standard” dei personaggi che avreste poi usato durante tutta l’avventura.

Ora invece potrete decidere le loro sembianze a piacimento all’inizio del gioco, come già era possibile su Pokémon Spada e Scudo.

Tipi allenatori iniziali

Cambiare i vestiti

Dopo aver acquistato i vestiti nei vari negozi sparsi per la regione, potrete cambiare l’outfit al vostro personaggio, piccola chicca non disponibile nelle prime versioni.

Ricordiamo che questa funzione è stata introdotta in Pokémon Sole e Luna, di settima generazione.

Esempio di outfit dei nuovi allenatori

L’assenza delle mosse MN

Come ormai accade da ogni gioco della serie da Pokémon Sole e Luna in poi, le mosse MN non saranno più presenti.

Verranno infatti saranno sostituite dalle “tecniche segrete“, che vi consentiranno di chiamare dei Pokémon selvatici con il PokéKron che eseguiranno il lavoro al posto vostro, facendovi risparmiare un prezioso slot mossa.

L'allenatore mentre evoca un Pokémon in una lotta

L’influenza di Platino

Come è solito per (quasi) tutti i giochi rilasciati fino ad ora della serie principale di Pokémon, anche Diamante e Perla originali avevano una “terza versione” rilasciata ad anni dalla loro uscita e che ne correggevano diversi aspetti di gameplay, ovvero Pokémon Platino.

Nonostante Però sia considerabile a tutti gli effetti la loro iterazione migliore, solo alcune delle novità introdotte al suo interno sono state ereditate dai remake, mentre diverse altre sono state scartate in toto.

Condividi Esperienza per tutti

Su Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente il Condividi Esperienza funziona su tutta la squadra e non è disattivabile in alcun modo. Se volete evitare di salire troppo di livello con alcuni membri dovete lasciarli nel box.

Salvataggio automatico (disattivabile)

I giochi prevedono una funzione di salvataggio automatico che è disattivabile liberamente dal menù di gioco.

Le Macchine Tecniche (MT) monouso

Ritornano stranamente le Macchine Tecniche (MT) a uso singolo, uno dei retaggi dei giochi passati di Pokémon. Si tratta sicuramente di un downgrade rispetto alle novità introdotte nei giochi recenti.

Possibilità di cambiare team liberamente

A quanto pare sarà possibile cambiare team liberamente nel corso dell’avventura senza bisogno di recarsi fisicamente presso un box come negli altri titoli.

Cosa ritornerà

Partiamo da quelle che, almeno dai trailer mostrati, è confermato ritorneranno.

Il Pokédex aggiornato

Anche se non abbiamo la conferma che si applichi per tutto il Pokédex, sappiamo già che alcuni dei Pokémon esclusivi di Platino appariranno nei remake, come ad esempio Houndoom.

Houndoom su Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente

Questo significa che almeno da questo punto di vista abbiamo un bilanciamento decisamente migliore tra tipi.

Riprendendo Houndoom, ad esempio, vuol dire che non avremo una situazione come Diamante e Perla originali in cui era presente solo un Pokémon fuoco al di fuori dello starter prima della Lega (Ponyta).

Come accennato in precedenza, però, dovremo aspettare una conferma ufficiale o direttamente l’uscita dei due titoli per sapere se il Pokédex di Platino ritorna nella sua interezza oppure no.

Gracidea

In uno dei trailer di gameplay mostrati fino ad ora, molti utenti hanno segnalato la presenza di un personaggio nel paesino di Giardinfiorito che non era presente negli originali Diamante e Perla.

NPC che dona la Gracidea su Pokémon Platino

Questa donna infatti era stata introdotta per donare al giocatore uno strumento chiamato Gracidea nel caso in cui avesse in squadra il Pokémon evento Shaymin.

Non solo questo andrebbe a confermare il ritorno di Shaymin, ma anche che altri NPC unici di Platino potrebbero essere presenti all’interno dei remake.

I Sotterranei

Una delle novità più interessanti degli originali Diamante e Perla erano i Sotterranei, che aggiungevano decisamente spessore alla componente multigiocatore del titolo. Anche nei remake sono presenti con modifiche, dato che sarà possibile collocare statue dentro le basi segrete per ottenere effetti particolari nei Sotterranei.

Saranno anche presenti delle stanze dove combattere contro Pokémon durante le esplorazioni sottoterra, elementi non presenti nei giochi originali.

Cosa non ritornerà

Il mondo distorto

La parte che sarà più difficile che appaia in questi remake è senza dubbio il mondo distorto, e quindi tutta la parte di trama riguardante il leggendario spettro simbolo di Platino.

Essendo infatti molto centrale per gli avvenimenti di storia introdotti per la prima volta in quel titolo, è praticamente impossibile che ci si concentri su di essa mettendo in secondo piano i leggendari di copertina.

Il Mondo DIstorto di Pokémon Platino

Al contrario, è estremamente più probabile che il Pokémon sarà catturabile nel postgame all’interno della Grotta Ritorno, ricalcando quindi perfettamente il tipo di cattura presentato sugli originali Diamanti e Perla.

A questo punto è pure ignoto se la Grigiosfera sarà ottenibile, e di conseguenza se sarà possibile utilizzare la sua iconica Forma Origine.

Il Parco Lotta

Qui parliamo più una mancanza in trending con certe scelte fatte anche in Omega Rubino e Alfa Zaffiro, poiché un altra modalità che non sarà presente all’interno dei remake sarà il cosiddetto Parco Lotta.

Per chi non lo sapesse, su Platino, una volta raggiunta l’Area Sfida, era possibile entrare nella struttura nota come Parco Lotta, un conglomerato di 5 palazzi nei quali era possibile sfidare vari avversari in modalità parecchio inusuali.

Questa è stata la modalità di gioco che ha introdotto per molti concetti come il potenziale competitivo di Pokémon, essendo senza dubbio la zona che richiedeva più impegno in assoluto per essere affrontata. Come se ciò non bastasse, offriva come ricompense diversi oggetti fondamentali per l’ottimizzazione dei set di ogni Pokémon, come il focasfero o l’assorbisfera.

Dopo aver mostrato la mappa della regione di Sinnoh dei remake, è ormai confermato che sarà presente solo la Torre Lotta come nei capitoli originali, riducendo quindi il contenuto del Parco Lotta di Sinnoh ad 1/5.

La zona della mappa di Sinnoh dove era presente il Parco Lotta

Non è di certo una novità inaspettata, poiché, come accennato in precedenza, un simile fato aveva avuto il Parco Lotta di Smeraldo all’interno dei remake Omega Rubino e Alfa Zaffiro.

I motivi dietro questa scelta allora furono anche abbastanza frustranti, poiché riguardavano unicamente il fatto che fosse una modalità ignorata dalla maggior parte dei giocatori (confermato da Game Freak stessa), ritenuti in generale troppo inesperti e disinteressati all’esperienza delle battaglie Pokémon per intraprenderla.

Che sia questo il motivo o un altro ignoto, l’assenza di un solido endgame simile peserà sicuramente sulla godibilità finale del prodotto, avendo a tutti gli effetti una parte di gioco completamente assente.

Le incognite

Lascio infine un paio di aspetti che hanno ugual probabilità di apparire o no all’interno dei remake.

Articuno, Zapdos e Moltres

Una volta finito Platino, tra i vari leggendari catturabili appariva l’iconico trio degli uccelli di prima generazione in giro per la mappa, incontrabili in zolle di erba al posto dei normali incontri casuali.

Al momento non è possibile sapere se questo sistema farà il suo ritorno o se in generale potranno essere ottenibili ingame, quindi bisogna aspettare conferme.

NPC dell’Area Provviste

Altro contenuto di endgame di Platino è la cosiddetta Area Provviste, dove era possibile allenarsi in vista del Parco Lotta. Nella mappa dei remake è presente, ma è ignoto se gli NPC esclusivi di Platino saranno qui inclusi.

Mi riferisco principalmente ai Capipalestra ed ai Superquattro, qui affrontabili in un rematch, e l’Esperto Mosse che insegnava mosse esclusive in cambio di specifiche quantità di Cocci.

In realtà anche gli altri due Esperti Mosse che richiedono cocci non si sa se saranno presenti, ma questi erano collocati nel percorso 212 e a Nevepoli.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion