Grazie all’enorme impatto mediatico avuto nelle scorsi decadi e ancora oggi, è praticamente impossibile non aver mai sentito parlare di One Piece, manga battle shonen disegnato da Eiichiro Oda. Proprio come Dragon Ball, la serie ha ispirato un’intera generazione e continua tutt’oggi ad essere prodotta e distribuita.

Con un totale di oltre 900 episodi, la serie animata è tutt’ora in fase di produzione, ma si sta avvicinando verso l’epilogo. Per questo, oggi vi spiegheremo come recuperare l’anime facilmente attraverso canali televisivi o piattaforme di streaming, assieme a qualche indicazione per leggere il manga.

Dove recuperare la serie animata di One Piece e il live action in streaming

Nonostante attualmente la serie sia divisa in 19 saghe, potrete vedere l’anime legalmente in Italia solo in streaming su Crunchyroll e unicamente in modo parziale. Sul portale infatti potranno essere visionate solo le prime 325 puntate in lingua originale giapponese con sottotitoli in italiano.

Il 13 maggio, inoltre, è stato annunciato che gli episodi dell’arco narrativo Thriller Bark (dall’episodio 326 al 384) verranno resi disponibili nel resto del mondo a partire da giugno.

Vi rimandiamo ad una guida per capire quali puntate di One Piece sono filler e per potervi godere al meglio l’anime, scegliendo se saltare o meno le saghe o le puntate riempitive. Per maggiori dettagli sulla struttura dell’opera vi rimandiamo alla nostra lista delle saghe di One Piece.

Alcuni personaggi di One Piece

Oltre ai primi episodi, in simulcast potranno essere visionate anche tutte le puntate a partire dall’episodio 921 sulla saga di Wano Kuni, con uscite settimanali al passo con l’uscita giapponese.

In ultimo, rimanendo in tema di piattaforme di streaming, su Netflix è in produzione un adattamento in live action dell’opera, in uscita nel 2021.

Guardare la serie animata di One Piece in televisione

Nata alla fine degli anni ’90, la serie di One Piece ha raggiunto il territorio italiano a Novembre 2001, con un adattamento gestito dalla ormai defunta società di doppiaggio Merak Film.

La serie è andata in onda per un totale di 578 episodi, saltando da diversi canali televisivi, partendo da Italia 1 per arrivare in onda su Italia 2, oltre che alcuni canali per spettatori giovanissimi come Boing e Hiro.

Con la dipartita singhiozzante della casa di doppiaggio sopracitata, l’anime in Italia è tutt’oggi a un momento di stallo. Attualmente non sono previste né repliche, né è stato annunciato il proseguimento del doppiaggio italiano da parte di altre società del settore. Gli ultimi 14 episodi sono andati frettolosamente in onda dal 7 al 10 Febbraio 2018 su Italia 2.

Dove recuperare il manga di One Piece

Il manga di One Piece ha già pubblicato più di mille capitoli e Star Comics si è accaparrata la distribuzione italiana. La casa fumettistica ha all’attivo un centinaio di albi, che potete comprare direttamente sul loro sito.

Proprio perché raccoglie dieci capitoli alla volta in un tankobon, non è di pari passo alle uscite di Weekly Shonen Jump, ma grazie a Star Comics potrete godervi ufficialmente tutte le uscite del manga fino ad oggi in lingua italiana.

Un’alternativa per chi vuole recuperare i capitoli in simulcast col Giappone e si accontenta della lingua inglese è anche di utilizzare l’applicazione ufficiale di Shueisha, MANGA plus, ottimo sito legale per leggere manga online.

Recuperateli in fretta però, poiché verranno solo mantenuti gli ultimi 3 capitoli per un breve periodo di tempo. Quelli precedenti, invece, verranno cancellati man mano che ne usciranno di nuovi.

La copertina del primo tankobon di One Piece mostra Rufy, Nami e Zoro

Se invece non volete spendere spese di spedizione e volete risparmiare comunque un discreto valore, potete leggere il manga anche in versione digitale grazie ad Amazon Kindle, servizio di lettura di e-book della nota piattaforma di rivendita statunitense.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

Tag:

#LiveTheRebellion