Pokémon GO festeggia l’arrivo di New Pokémon Snap a modo tutto suo. Lo spinoff della serie basato sulla fotografia arriva il 30 aprile, e quale miglior gioco per celebrarlo di un altro gioco che fa della fotocamera un suo punto di forza.

Attivate la modalità Realtà Amentata di Pokémon GO, e telefono alla mano via a far foto. L’evento dedicato a Snap ci accompagnerà per qualche giorno (dal 29 aprile al 2 maggio). Richiamate i vostri compagni dalle loro Pokéball, e via a dar la caccia al photobomber Smeargle!

Per maggiori informazioni sul titolo potete consultare la nostra soluzione completa per Pokémon GO.

L’evento

Pokémon GO ci porta nella regione di Lentil. Durante l’evento la mappa si popola di Pokémon che richiamano deserti, giungle e paesaggi sottomarini della nuova regione. Lotad, Cacnea e Ducklett saranno tra i Pokémon più presenti sulla mappa. Anche nei raid la regione si farà sentire, con incontri (tra gli altri) dedicati a Meganium, Vaporeon e Trapinch.

Più presente sarà anche Smeargle, il Pokémon pittore. Può essere sempre incontrato scattando foto ai vostri Pokémon: solitamente si ha una possibilità al giorno di vederlo apparire nella prima foto di un set – e subito dopo sulla mappa. Durante l’evento gli incontri si faranno più frequenti, e c’è la possibilità per la prima volta di incontrarne uno cromatico.

Date uno sguardo al negozio inoltre per qualche novità. Si tratta di un nuovo adesivo per pacchi amicizia, disponibile anche nei Pokéstop, ed una fotocamera da far indossare al vostro avatar.

Ricerche sul campo e a tempo

L’evento è accompagnato da una breve ricerca a tempo, da completare naturalmente prima della scadenza dello stesso. Si compone di quattro fasi.

FaseMissioniRicompense
1– Fai una foto a Metapod, Aipom o Lotad allo stato selvatico (5 Pokéball)
– Usa 3 bacche per catturare Pokémon (Incontro: Bunnelby)
– Fai una foto a 3 Pokémon selvatici (Incontro: Meowth)
Incontro: Dodrio
5 Baccabana
750 PE
2– Fai una foto a Sandshrew, Trapinch o Cacnea allo stato selvatico (10 Pokéball)
– Usa 5 bacche per catturare Pokémon (Incontro: Sandshrew)
– Fai una foto a 3 Pokémon selvatici di tipo Terra (Incontro: Onix)
Incontro: Skarmory
5 Baccabana
1250 PE
3– Fai una foto a Chinchou, Finneon o Ducklett allo stato selvatico (10 Megaball)
– Usa 7 bacche per catturare Pokémon (Incontro: Wailmer)
– Fai una foto a 3 Pokémon selvatici di tipo Acqua (Incontro: Qwilfish)
Incontro: Mantine
5 Baccananas
2000 PE
4– Fai 15 foto a Pokémon allo stato selvatico (5 Pokéball)
– Fai una foto a Dodrio, Mantine o Skarmory allo stato selvatico (Incontro: Skorupi)
– Usa 10 bacche per catturare Pokémon (1000 polvere di stelle)
Incontro: Clamperl
8000 PE

Un evento, come già annunciato, completamente dedicato alle foto. Potete far foto a qualsiasi Pokémon, anche se non è il vostro compagno. Aprite il box, selezionatene uno e cliccate sull‘icona Fotocamera in alto a destra nei suoi dettagli.

Oppure, mentre state catturando un Pokémon selvatico, cliccate sullo slider in alto a destra per entrare in modalità Cattura AR (se il vostro telefono lo consente). Cercatelo nell’erba alta e scattate una foto con l’icona in alto al centro (potete farlo anche fuori da questa modalità).

Si aggiungono al roster di missioni dei Pokéstop alcune missioni tematiche.

Sia per la missione a tempo che per quelle sul campo alcuni incontri sono ormai rari, fuori da eventi. Dodrio è un volto (o tre volti) che non si vede ormai da tempo, specie se non avete partecipato al Tour di Kanto di febbraio (anche senza biglietto). Anche Lapras non si vede più molto facilmente, ed entrambi questi Pokémon si possono incontrare in variante cromatica.

Nelle missioni a tempo fanno la loro comparsa Mantine e Clamperl, altri due volti ormai rari. Per quanto riguarda il secondo, può evolversi in Huntail o Gorebyss con 50 caramelle ed è disponibile in forma cromatica. L’evoluzione però è casuale: una volta premuto il pulsante non c’è modo di sapere chi dei due otterrete.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion