Speciale
di Luca Mazzocco
il 10 giugno 2016, 07:43
in Speciali

 

Come ogni anno lo staff di I Love Videogames seguirà da vicino l’E3 2016, offrendovi una copertura completa dell’evento videoludico dell’anno. In attesa dell’inizio dell’edizione 2016 della kermesse losangelina, vi proponiamo una serie di speciali, nei quali andremo ad analizzare cosa aspettarci dalle conferenze di quest’anno, facendo il punto della situazione in base ai vari rumor usciti in questi mesi:

Aspettando l’E3: Speranze e Paure

E per rimanere sempre informati su tutte le novità dell’E3 2016 non perdete la Guida pratica e la nostra copertura completa.

 

E dopo una serie di articoli dedicati a Microsoft, Sony e Nintendo è giunta l’ora di parlare di quei titoli che, per un motivo o per l’altro, vengono distribuiti su più console: i celeberrimi multipiattaforma. Nonostante la maggior parte delle produzioni faccia parte di questa categoria, capita spesso di sentire qualcuno trattare i multipiattaforma come qualcosa di qualitativamente inferiore rispetto alle (sempre più rare) esclusive per le varie console. È inutile ricordare come, con il passare del tempo e il progredire delle generazioni videoludiche, ci sia stato un numero sempre maggiore di titoli che, rispetto ai primi episodi dei vari brand, si sono aperti alla pubblicazione su altre piattaforme. Resident Evil e Metal Gear Solid sono solo un paio di esempi per quanto riguarda Sony, mentre il concetto di esclusiva in casa Microsoft sembra vacillare proprio in questi giorni, con l’arrivo di gran parte delle produzioni migliori anche su PC. Nintendo è l’unica che, puntando sulle proprie IP, riesce a mantenere un discreto numero di titoli in esclusiva, ma il suo recente percorso con WiiU non gli ha permesso di avere altrettanta fortuna con i titoli di Terze Parti. L’E3 2016 è ormai alle porte (avete già visto gli orari delle varie conferenze, vero?!) e nel corso di questo grandissimo evento saranno presenti una marea di titoli disponibili prossimamente su tutte le principali console. In questo speciale andremo ad analizzare insieme, conferenza per conferenza, quali sono i titoli più attesi e, perché no, anche quelli che non sono ancora stati annunciati e che potrebbero comparire proprio durante l’importante evento losangelino. Siete pronti? Partiamo!

EA Sports, It’s in the game!
EA Games quest’anno ha le carte in regola per regalare ai videogiocatori una conferenza completa e appagante

Alle 22 (italiane) di domenica 12 giugno ad aprire le danze ci penserà EA Games, con la sua vagonata di titoli sportivi che, senz’ombra di dubbio, sapranno soddisfare tutti gli amanti degli sport digitali. FIFA, NHL, Madden NFL e NBA sono riusciti, nel tempo, a crearsi una nutrita schiera di videogiocatori che, anno dopo anno, aspettano trepidanti l’arrivo della nuova versione del loro titolo sportivo preferito. Ma non di solo sport vive EA. Quest’anno, annunciato in pompa magna da un trailer imponente e caratterizzato da un’ambientazione opposta alla serie rivale Call of Duty, è giunto il momento di Battlefield 1, che ci porterà a combattere all’interno della Grande Guerra. Al momento non si sa ancora nulla su questa nuova incarnazione del celebre brand, ma siamo sicuri che durante la conferenza EA molte domande sapranno trovare risposta. L’unico dubbio al momento? Che si tratti del caro, vecchio Battlefield con l’aggiunta di una semplice “mod grafica”. Speriamo ovviamente che non sia così e che il titolo riesca ad offrire un gameplay più raffinato e modalità di gioco innovative, nel tentativo di non incorrere ancora in quel tipo di errori che hanno caratterizzato Battlefield Hardline. Altro titolo che in molti stanno aspettando è Mass Effect Andromeda, annunciato lo scorso anno, ma ancora avvolto da una coltre di nebbia non indifferente. Durante la conferenza di Los Angeles ci aspettiamo di vedere almeno un trailer, se non, addirittura, qualche frammento di gameplay di questo nuovo titolo appartentente al tanto amato brand fantascientifico. E poi? Quali altri titolo possono essere annunciati a sorpresa durante la conferenza? La nostra speranza è di vedere una nuova incarnazione di Burnout (da Burnout Paradise sono passati davvero troppi anni) e, magari, qualcosa riguardo i tanto vociferati titoli a tema Star Wars (magari con qualche accenno anche alla versione per PlayStation VR di Star Wars: Battlefront). Personalmente, infine, spero nel ritorno di qualche “vecchia gloria” (ovviamente in forma di sequel e non di remastered) come Dead Space, Dante’s Inferno o qualcosa legato al mondo del Signore degli Anelli. Si sa: la speranza è l’ultima a morire.

Bethesda colpisce ancora (?)
Bethesda ha tutti i numeri per fare il colpaccio anche questa volta!

Chiariamolo subito: con una conferenza dal ritmo martellante e con l’annuncio di Fallout 4 Bethesda è riuscita, lo scorso anno, a ritagliarsi un gradito spazio nel cuore di noi videogiocatori. Riuscirà quest’anno, vista la scarsa probabilità di vedere un nuovo Fallout o un nuovo The Elder Scrolls, a colpire ancora nel segno? Beh, non possiamo certo dirlo noi, ma ci teniamo a sottolineare come Bethesda abbia tutti i numeri per fare il colpaccio anche stavolta. In questi ultimi giorni, infatti, si è tanto vociferato l’annuncio di una serie di titoli che, se confermati, saprebbero sicuramente far felici un gran bel numero di persone. Prey 2, dopo la “recente” cancellazione, potrebbe tornare in una nuova veste e, personalmente, spero in qualcosa di più simile all’ottimo primo capitolo piuttosto che alla nuova direzione che sembrava aver preso la produzione. Wolfenstein: The New Order e The Evil Within, invece, sono due titoli che, lentamente, sono riusciti a far breccia nei cuori di molti di noi e che, secondo i succitati rumor, potrebbero avere dei seguiti in arrivo. Personalmente ho amato tutte e due le produzioni, ma l’idea di un The Evil Within 2, al momento, mi gasa più del possibile annuncio di Resident Evil 7 (ma ne parleremo più avanti). Al di là di tutta questa carne al fuoco, durante la conferenza Bethesda si pensa possa essere annunciata anche una versione rimasterizzata di The Elder Scrolls V: Skyrim e, probabilmente, saranno anche definiti i futuri DLC di Fallout 4 e di The Elder Scrolls Online. Insomma: al momento non si sa con chiarezza cosa verrà presentato alle 4.00 di mattina di lunedì 13 , ma siamo certi che Bethesda, in un modo o nell’altro, saprà stupirci ancora una volta. Se dovessi esprimere un desiderio (anche se palesemente irrealizzabile) sarebbe quello di vedere, al fianco di The Evil Within 2, anche l’annuncio di un sequel di Wet, titolo che, nonostante la sua marea di imperfezioni, seppe divertirmi parecchio non molti anni fa. E poi diciamolo: la protagonista di Wet rimane una delle più interessanti degli ultimi anni!

Microsoft è multipiattaforma anche senza le altre console
Nonostante la priorità data giustamente alla esclusive, la conferenza Microsoft potrebbe regalarci qualche sorpresa

Con il probabile annuncio dell’unione di Xbox One con il mondo del PC, Microsoft tenta un colpo coraggioso che, senza ombra di dubbio, saprà far gridare allo scandalo più di qualcuno. Dopo l’arrivo di Ryse, Quantum Break e Gears of War 4 su PC, si succedono i rumor che vedono altri grandi titoli per One (Sunset Overdrive, ad esempio) diventare “multipiattaforma”. Tralasciando i pareri personali (non è questo il momento), siamo certi che durante la conferenza di Microsoft (prevista per le 18.30 di lunedì 13 giugno) saranno presentati anche titoli che, vuoi per un’esclusiva temporale o per qualche DLC disponibile con qualche mese di anticipo, “sfrutteranno” l’occasione per fare la loro entrata ad effetto. Tra i titoli più probabili, al momento, spicca Resident Evil 7, del quale si prospetta un ritorno alle origini con l’abbandono di un’impostazione prettamente action e la ripresa di quel gameplay survival e di quelle atmosfere horror che tanto hanno saputo conquistare nella seconda metà degli Anni 90. Per il resto ci aspettiamo la presenza di un lungo video di gameplay di Call of Duty: Infinity Warfare e, probabilmente, di qualche titolo Ubisoft per i quali vi rimando al prossimo paragrafo. Nel mio cuore, però, spero nell’annuncio anche di un altro titolo: visti gli ultimi rumor e visto quanto mi ha conquistato il primo “episodio”, non posso che continuare a sperare nell’arrivo di L’ombra di Mordor 2 e credo che le conferenze di Microsoft e Sony siano i momenti migliori all’interno dei quali poter assistere al ritorno di Talion. Per tutti i dettagli sulle esclusive della Software House americana vi rimando allo speciale di Giacomo Favilla che, come sempre, saprà rispondere a tutte le vostre curiosità.

PC e Console per sempre rivali?
La conferenza PC, al momento, è avvolta nel mistero

Alle 20.30 di lunedì 13 giugno toccherà poi alla conferenza PC, della quale, però, non possiamo assolutamente prevedere alcunché. Al di là di nuovi trailer e gameplay di altri titoli che abbiamo già citato (ci aspettiamo quantomeno Battlefield 1 e Call of Duty: Infinity Warfare), le uniche cose che al momento ci vengono in mente sono il possibile annuncio di Half Life 3 (*aggiungere risate di sottofondo*) e la presentazione di un nuovo progetto targato Crytek, che da sempre preferisce spingere sull’utenze PC piuttosto che su quella console. Sicuramente seguiremo con interesse anche questa conferenza, nella speranza di venire sorpresi da qualche particolare annuncio e, nel caso venisse confermata la “partnership” con Xbox One, per comprendere tutti i dettagli di questa interessante possibilità.

1 2


due parole sull'autore
Il Luca è quell'animale mitologico a metà tra un nerd ed un videogiocatore, ma con la testa di Ca***. Dall'animo tranquillo, pare che questa creatura sia stata vista solamente poche volte in modalità berserk (con ATK+3 e danno da fuoco), ma si narra che, in quei casi, la bestia cambi colore e ripeta solamente una cosa: LUCA SPACCA!
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su