Yu degli spettri (conosciuto come Yu Yu Hakusho all’estero) rappresenta un punto centrale nell’evoluzione del mangaka Yoshihiro Togashi, per cui una sua visione è sempre altamente consigliata.

Nonostante però l’adattamento animato sia fedele al manga originale, ogni tanto ha la brutta abitudine di inserire episodi filler, spezzando temporaneamente il susseguirsi di avvenimenti canonici in favore di un breve riempitivo.

Oggi andremo proprio a vedere quali sono questi fantomatici episodi, distinguendoli anche dai riempitivi che contengono informazioni canoniche (mixed filler) o dagli episodi originali dell’anime ritenibili però importanti per il resto della trama (anime canon).

Prima di iniziare, comunque, vi ricordo che se volete maggiori informazioni per quanto riguarda la serie e il mangaka stesso, potete sempre dare un’occhiata ai nostri articoli su trama, personaggi e caratteristiche di Yu degli Spettri ed alla biografia e carriera di Yoshihiro Togashi.

Quanti episodi filler ci sono in Yu degli Spettri?

Fortunatamente estremamente pochi. Anzi, di strettamente filler non ne è presente nemmeno uno su 112, fatto molto strano (ma sicuramente gradito) considerati altri grandi esponenti della categoria quali Inuyasha oppure, ancora peggio, Detective Conan o Naruto Shippuden. Esiste in verità un’eccezione, ma la specificherò in seguito.

Ha comunque un paio di mixed filler e qualche anime canon, che però non intaccheranno la qualità complessiva della visione.

I personaggi principali di Yu degli spettri

Da questo punto di vista, bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare ed ammettere l’ottimo lavoro da parte di Studio Pierrot, lo studio incaricato dell’adattamento animato.

Tutti i mixed filler e gli anime canon

Arco narrativoNumero totale episodiMixed fillerAnime canon
Arco del detective del mondo degli spiriti2520
Arco del torneo delle arti marziali nere 4100
Arco del capitolo nero e di Sensui 2800
Arco dei tre re1804

Arco del detective del mondo degli spiriti

Ci sono giusto due episodi mixed filler, mentre il resto è completamente canonico. Questi riguardano principalmente fasi del torneo a cui Yusuke dovrà inizialmente partecipare per apprendere la tecnica segreta della maestra Genkai.

Arco del torneo delle arti marziali nere 

Nessun anime canon o mixed filler, quindi siete liberi di proseguire con la visione tranquillamente.

Arco del capitolo nero e di Sensui 

Stesso caso dell’arco narrativo precedente, quindi andate sereni.

Arco dei tre re

Con l’ultimo arco narrativo, Studio Pierrot ha voluto giusto allungare un poco la sezione finale dell’opera, visto che nel manga originale veniva interrotto in modo quasi eccessivamente brusco.

Ne risultano 4 episodi che vanno a dare più enfasi agli avvenimenti conclusivi, risultando essere in tutto e per tutto canonici nonostante i fatti narrati non siano presenti nel manga di Togashi.

L’OAV Two Shots e All or Nothing

Giusto per concludere la sequenza di archi narrativi, va specificato che con il blu ray rilasciato nel 2019 per il 25esimo anniversario della serie, è stato incluso assieme ai normali episodi un OAV spezzato in due episodi.

Questi ultimi sono chiamati Two Shots e All or Nothing. Il primo tratta del primo incontro tra Kurama e Hiei, mentre All or Nothing racconta di come i protagonisti risolvono una presa di ostaggi nel mondo degli spiriti.

Se dovessimo farli rientrare nella classificazione di canon, filler o mixed filler, Two Shots sarebbe canon, prendendo a piene mani dal materiale originale per trasporre una storia mai vista nell’adattamento animato.

Two Shots, il primo episodio esclusivo del blu ray di Yu degli spettri

All or Nothing, invece, racconta a tutti gli effetti una storia fine a sé stessa che non aggiunge nulla al resto della trama, non seguendo alcun punto di riferimenti cartaceo e risultando essere quindi il primo e ultimo episodio filler della serie.

Restano comunque aggiunte graziose per celebrare l’anniversario della serie, quindi ad ogni modo ne consiglio la visione.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion