Quello del fantasy è senza alcun dubbio uno dei generi più vasti e diramati per quanto riguarda qualsiasi medium, e il settore degli anime non fa di certo eccezione.

Nuovi anime fantasy escono a velocità allarmante, per cui non c’è da stupirsi se può sembrare molto difficile essere introdotti al genere per qualcuno che volesse cominciare ad esplorarlo.

Per questo, oggi vi propongo 10 anime fantasy considerabili dei must per qualsiasi appassionato, o se non proprio must comunque dei prodotti di qualità. Molti di questi saranno usufruibili in streaming, per cui vi rimando al nostro articolo sulle migliori piattaforme gratuite di streaming per maggiori informazioni.

Berserk

Come parlare di opere fantasy senza parlare di Berserk, il famoso manga dark fantasy partorito dalla mente geniale dell’ormai defunto Kentaro Miura.

Se seguite le top di ilovevg lo avrete visto menzionato diverse volte, ma per chi non fosse abbastanza informato in merito, l’opera parla delle avventure di Gatsu, un ragazzo che si troverà a combattere contro formidabili nemici e demoni mostruosi in un contesto simil medievale.

Gatsu dal manga di Berserk

La sua fama immortale si deve principalmente alla profonda introspezione dei personaggi, nonché alla rappresentazione estremamente cruda degli avvenimenti che lo spadaccino nero si troverà a vivere sulla sua stessa pelle. Senza contare gli stessi disegni di Miura, i cui dettagli e composizione vi lasceranno spesso a bocca aperta.

Dal manga originali sono stati creati diversi adattamenti animati, tra cui però il mio consiglio è di recuperarvi giusto la serie originale degli anni ’90 e al limite la trilogia di film “Berserk – L’epoca d’oro”, mentre la serie del 2016/2017 è meglio ignorarla in toto a causa della scarsa qualità.

Dove vederli: Yamato Video (serie del 1997 e OVA), Amazon Prime Video (serie del 1997), Crunchyroll (serie del 2016)

Attack on Titan (Shingeki no Kyojin)

Anche per i non appassionati del genere sarà molto difficile non aver quantomeno sentito parlare di Attack on Titan, visto il mostruoso seguito e interesse generati negli ultimi anni durante la messa in onda dell’adattamento animato.

Ambientato nel mondo fittizio di Paradis, vi troverete in un contesto simile alla Germania medievale dove è collocato il principale insediamento umano circondato da alte mura, note come Wall Maria, Wall Rose e Wall Sina.

Questo complicato sistema di difesa è progettato per tenere lontani dalle abitazioni i giganti, dei grotteschi umanoidi senza apparente coscienza di sé che attaccano e divorano le persone per motivi misteriosi.

Seguendo i panni del giovane ragazzino Eren e degli amici Mikasa e Armin, si susseguiranno una serie di vicende che porteranno i possenti nemici a sfondare le mura, cambiando per sempre la vita dei protagonisti dopo che la madre del primo verrà divorata davanti ai suoi occhi.

Il gigante colossale e Eren

Nonostante all’inizio possa sembrare la classica serie da vedere “a cervello spento” tra combattimenti vari e tattiche da battaglia, tutto diventerà man mano che proseguirete sempre più intricato e profondo, arrivando a toccare vere e proprie narrazioni su ideologie, problemi sociali e contrasti geopolitici.

Al momento il manga è concluso completamente, avendo ricevuto l’ultimo capitolo qualche mese fa, mentre l’adattamento animato è ancora in corso ed è al momento fermo alla prima parte della quarta stagione. La seconda parte, che coprirà gli ultimi capitoli rimasti, verrà rilasciata questo inverno.

Dove vederlo: Amazon Prime Video

Fullmetal Alchemist: Brotherhood

Come per il precedente, difficile che siate entrati a contatto col mondo dell’animazione nipponica senza aver sentito nominare Fullmetal Alchemist: Brotherhood, il secondo adattamento animato del manga di Hiromu Arakawa Fullmetal Alchemist.

In una società dove alchimia e scienza coesistono in armonia, sarà possibile assistere al viaggio di Edward e Alphonse Elric, due fratelli in cerca della famosa Pietra Filosofale che si dice possa permettere l’esecuzione di qualsiasi tipo di trasmutazione alchemica si desideri senza limitazioni.

A seguito infatti di un incidente anni prima, nel quale i due hanno tentato una trasmutazione proibita per far resuscitare la defunta madre, si troveranno a perdere diverse parti del loro corpo, con Alphonse che ne uscirà messo peggio con l’intero corpo sparito e l’anima legata ad un’armatura di ferro.

Per questo motivo, viaggeranno per tutto il continente per trovare il leggendario oggetto e riacquisire ciò che hanno perso, affinando nel frattempo le loro capacità di alchimisti.

I fratelli Edward e Alphonse Elric

L’incredibile viaggio tra mille peripezie e la coerenza narrativa delle vicende vi faranno sin da subito innamorare dell’opera, motivo per cui è da molti ritenuto tra le migliori mai uscite dal Giappone.

Se comunque siete curiosi di recuperare l’adattamento animato, puntate al secondo fatto (Brotherhood) e non al primo. L’originale adattamento infatti è stato creato in un periodo nel quale l’opera non era ancora giunta al termine, modificando intere parti della narrazioni tra cui lo stesso finale.

Brotherhood, al contrario, si tiene al 100% fedele, concludendo le vicende come originariamente inteso. Si tratta di una delle opere magne del medium, che rientra senza ombra di dubbio tra i migliori anime di sempre.

Dove guardarlo: Netflix

Made in Abyss

Made in Abyss è un altro esempio di anime fantasy relativamente recente che ha da subito impressionato la community, soprattutto grazie al forte contrasto tra lo stile artistico dell’opera, tendente al cartoonesco, con i toni cupi, misteriosi e spesso violenti della storia.

Le vicende narrate seguono le avventure di Riko, una bambina di dodici anni che abita nell’orfanotrofio Belchero della città di Orth. La caratteristica peculiare di questo luogo è la presenza di una gigantesca voragine, denominata Abisso, contenente artefatti misteriosi e oggetti in generale di particolare interesse per il mondo esterno.

I suoi apparenti vantaggi vengono però con un costo. Man mano che si scende attraverso i suoi vari livelli, infatti, risalire diventa sempre più complesso per un umano, partendo da lievi sintomi quali vertigini e giramenti di testa per poi arrivare a traumi psicologici e fisici talmente forti da portare potenzialmente alla morte dell’individuo.

La padre della ragazzina era una delle più famose esploratrici dell’Abisso, motivo per cui, ha seguito della sua sparizione, il desiderio più grande di Riko è diventato di esplorare il misterioso luogo e raggiungerla.

Riko e Reg

Motivo per cui, con l’arrivo del misterioso robot Reg in superficie, prende la decisione di partire dall’orfanotrofio e addentrarsi al suo interno, incontrando sulla strada mille difficoltà e nemici mortali che metteranno a dura prova il compimento della spedizione.

Se cercate una visione un po’ più impegnativa del classico fantasy generico, questo anime fa sicuramente per voi. Essendo inoltre giusto presente una singola stagione da 11 episodi (per il momento) riuscirete a vederla anche abbastanza in fretta.

Dove guardarlo: VVVVID, Netflix

Drifters

Ambientato inizialmente nell’era Sengoku del mondo reale, Drifters narra delle avventure del samurai Shimazu Toyohisa, che sul punto di morte si troverà in un altro mondo a lui sconosciuto.

Il giovane ragazzo, infatti, durante la battaglia di Sekigahara, riuscirà ad infliggere ferite fatali all’avversario Ii Naomasa, nonostante pure le sue condizioni non siano delle migliori.

Dopo aver spirato l’ultimo respiro, però, invece che morire si troverà in uno strano corridoio con tante porte, dove un uomo di guardia lo noterà e lo spedirà immediatamente all’interno di una di esse.

Sarà così che Shimazu si troverà all’interno di un nuovo mondo, questa volta di ispirazione all’Europa medievale, abitato però sia da umani che da creature fantastiche, come elfi e draghi.

Anime di Drifters

Al suo interno, si troverà coinvolto con altri guerrieri da varie epoche storiche all’interno di una violenta guerra contro la fazione Ends, il cui obiettivo è la totale dominazione del mondo.

Sicuramente il punto forte dell’opera è quello di creare uno scenario surreale ma al contempo intrigante nel quale guerrieri leggendari di differenti epoche si scontrano, mettendo alla prova le loro capacità.

Drifters è nato come manga ed è attualmente ancora in corso, con 71 capitoli racchiusi in 6 tankobon e diversi altri ancora non presenti in alcuna raccolta.

Nel 2016 è stato prodotto un adattamento animato da parte di Hoods Entertainment, che copre i primi 4 tankobon in 12 episodi e 3 OVA.

Dove recuperarlo: Netflix, VVVVID

The Ancient Magus Bride

Andiamo quindi a coprire generi completamente diversi rispetto alle opere precedenti con The Ancient Magus Bride, il manga di Kore Yamazaki successivamente adattato in un anime di 24 episodi.

Se infatti altri anime che abbiamo già coperto in questo articolo tendono più a mettere un’enfasi sui combattimenti durante il viaggio dei vari protagonisti, qui sarà presente anche una particolare enfasi sul lato sentimentale dei protagonisti.

La storia infatti avrà come protagonista la giovane Chise Hatori, che dopo aver perso la sua intera famiglia negli anni precedenti, decide di svendere sé stessa ad un’asta, per cambiare vita e, possibilmente, trovare un po’ di luce nella sua vita dopo tanti anni di sofferenza.

Verrà acquistata quindi per la cifra esorbitante di 5 milioni di sterline da un particolare mago di nome Elias Ainsworth, che spicca principalmente per l’elevata altezza e la testa a forma di teschio canino.

The Ancient Magus Bride

Lo strano individuo la prenderà principalmente per farle da maestro nell’arte della magia, sviluppando le sue caratteristiche innate di maga.

L’opera quindi coprirà la vita della giovane da questo momento in poi, enfatizzando il suo percorso di apprendimento della magia e lo sviluppo del suo rapporto sentimentale con Elias stesso.

Dove recuperarlo: Crunchyroll

Magi: The Labyrinth of Magic

Magi: The Labyrinth of Magic è una reinterpretazione moderna del famoso scritto “Le mille e una notte”, che prende i personaggi al suo interno e li inserisce in un contesto tutto nuovo.

Tutti i protagonisti di Magi: Labyrinth of Magic

Il protagonista Aladdin e il Djinn che risiede all’interno del suo flauto si ritroveranno, durante uno dei loro vagabondaggi, a incrociare la via con il giovane Alibaba.

Dopo una serie di peripezie, i 3 decideranno di esplorare uno dei misteriosi Dungeon. Questi sono misteriose strutture apparse visibilmente da nulla diversi anni prima, le quali contengono svariati tesori dal valore inestimabile.

Sarà da qui che inizierà la loro avventura. Non solo verrà infatti rivelato che Aladdin stesso è un Magi, un potente utilizzatore di arti magiche, ma senza saperlo ha scelto l’amico Alibaba come candidato al titolo di re.

Oltre all’epicità del viaggio di per sé, anche le ambientazioni e i personaggi vi sapranno catturare fin dall’inizio, e grazie al contesto in cui è inserito riesce a risaltare perfettamente anche rispetto a tutte le altre opere viste in precedenza.

Hunter x Hunter

Non può esistere una classifica dei fantasy che non prenda in considerazione l’opera più famosa di Yoshihiro Togashi, Hunter x Hunter.

Considerato come uno dei migliori Shonen mai esistiti, tratterà della storia di Gon Freecs, un giovane ragazzo, e la sua avventura per incontrare il padre, partito in missione diversi anni prima.

Quest’ultimo, chiamato Gin, è un Hunter, ovvero uomini con peculiari poteri in cerca di ricchezze, misteri e altri tipi di avventura all’interno del mondo.

Visto quanto il suo lavoro gli richieda di viaggiare in giro per il globo tra mille pericoli, Gon decide di raggiungerlo diventando egli stesso un Hunter, affrontando i relativi esami per ottenere la licenza.

Gon, Kurapika, Leorio e Killua

Con queste premesse inizierà la sua avventura, durante la quale incontrerà sia particolari alleati che potenti e crudeli nemici, oltre a pericoli che metteranno le sue capacità di sopravvivenza a dura prova.

L’opera potrà intrattenervi per svariati motivi, ma i suoi punti di forza sono senza dubbio la costruzione dell’intero mondo, sia per le sue caratteristiche che per le creature che lo abitano, e il particolare sistema di poteri.

Se non lo sapeste, infatti, Hunter x Hunter ha probabilmente uno dei sistemi di potere più versatile e coerente con sé stesso ritrovabile all’interno dell’intero dei manga/anime di combattimento in generale.

Grazie alle sue regole ben precise e la creatività con cui viene gestito dal mangaka stesso, ogni nuovo personaggio non finirà mai di stupirvi con le sue tecniche particolari, rendendo tutti gli scontri estremamente vari e mai uguali tra loro.

Se quindi cercate tutte queste caratteristiche in un anime di combattimento, Hunter x Hunter è sicuramente una scelta di cui non vi pentirete.

Al momento sono presenti due adattamenti anime, uno del 1999 e uno del 2011. Tra i due, il secondo è quello più completo, anche se è al momento fermo in attesa che Togashi prosegua a sufficienza con l’opera cartacea.

Dei due è inoltre l’unico recuperabile in streaming, essendo iniziata a luglio la pubblicazione su VVVVID. Non è comunque ancora completo, visto che vengono caricati 4 episodi a settimana, ma al momento son disponibili i primi 20 dei 148 originali.

Dove recuperarlo: VVVVID

The Rising of the Shield Hero

Nato come light novel e successivamente adattato in un anime, The Rising of the Shield Hero è un fantasy di sottogenere Isekai, avendo quindi come premessa il viaggio del protagonista in un altro mondo.

Dopo esser stato trasportato in un mondo fantasy attraverso un libro, il giovane universitario Naofumi Iwatani verrà scelto come uno dei quattro eroi a cui viene affidata un’arma leggendaria, responsabili di proteggere il regno dalle ondate cicliche di nemici.

Nel suo caso, viene scelto come eroe dello scudo, la più debole delle armi, e per questo viene ostracizzato e maltrattato dagli altri del gruppo, venendo infine accusato ingiustamente di tentato stupro e allontanato da loro.

Ormai solo e colmo di rabbia, il ragazzo sarà costretto a farsi strada in quel mondo crudele, incontrando anche compagni che lo aiuteranno come la filoiale Filo e la ragazza tanuki Raphtalia.

Raphtalia, Filo e Naofumi

The Rising of The Shield Hero è sicuramente un’opera imperdibile per tutti gli appassionati di Isekai, mostrando in generale una storia e dei personaggi che vi sapranno convincere sin dall’inizio.

I toni più “oscuri” rispetto ad altri esponenti del genere lo aiutano inoltre a risaltare di più se confrontato con essi, risultando probabilmente tra i migliori dell’intera categoria.

Dove recuperarlo: Crunchyroll

Re:Zero − Starting Life in Another World

Concludo quindi con un altro dei principali esponenti del genere Isekai, ovvero Re:Zero. Nato inizialmente come Light Novel, illustrata da Shin’ichiro Otsuka e scritta da Tappei Nagatsuki, ha visto il suo successo esplodere con l’arrivo dell’adattamento animato nel 2015.

I personaggi principali di Re:Zero

Com’è abbastanza classico in opere di questa categoria, tutto inizia col protagonista Subaru Natsuki, un hikikomori incallito, che viene catapultato in un altro mondo di stampo fantasy. Qui fa conoscenza della mezzelfa Emilia, decidendo di aiutarla ma venendo ucciso assieme a lei poco dopo l’inizio della loro avventura.

Questo triste fato però, stranamente, non segna la sua fine. Poco dopo infatti si troverà nuovamente in vita, venendo portato nuovamente nello stesso posto in cui è stato evocato la prima volta.

Comprenderà quindi di avere il particolare potere di essere tecnicamente immortale, subendo come penalità alla morte “solo” il reset dell’intero mondo con solo lui effettivamente consapevole di quel che è successo precedentemente.

Da qui inizierà a sfruttare questa sua particolare caratteristica per capire come proteggere le conoscenze che farà man mano durante l’avventura, includendo sia Emilia che altri personaggi.

Dove recuperarlo: Crunchyroll

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion