Redazione ILVG

News+ Chi ci sarà all’E3 2021

L’Electronic Entertainment Expo, meglio conosciuto come E3, è un evento che si tiene ogni anno dove piccoli studi di sviluppo e grandi Software House presentano al mondo intero quello su cui stanno lavorando. Da un anno però, per colpa del COVID, si è scelto di rendere tale evento totalmente digitale rinominandolo Electronic Entertainment Experience. C’è ovviamente chi vi prende parte e chi decide di staccarsi del tutto portando le proprie novità con degli eventi privati (come il Nintendo Direct, ad esempio). Ma chi ci sarà all’E3 2021?

Presenze ed assenze

Che l’E3 sia uno dei più grandi eventi su base videoludica non vi è alcun dubbio. Ciò che forse non salta spesso all’occhio sono le presenze ed assenze di alcune delle Software House più o meno note. Una delle Software House che ha preso poche volte parte all’E3 è proprio Nintendo che, da sempre, ha il suo Nintendo Direct (il primo mandato in onda nell’ormai lontano 2012). Grazie a questi eventi personali hanno il completo controllo sia sugli orari che sul dover o meno annunciare una nuova IP od il seguito di un titolo già uscito in precedenza.

Ma chi ci sarà in questo E3 2021? Presto detto. A salire su un palcoscenico tutto digitale, tra il 12 ed il 15 Giugno, vedremo Nintendo, Xbox, Capcom, Konami, Ubisoft, Take-Two, Warner Bros e Koch Media. Sembra che manchi qualcuno o sbaglio? Ed infatti manca l’azienda in blu, Sony. Non è una novità però che Sony non prenda parte ad un E3.

Partendo dall’E3 2015 (stesso anno dell’inizio del Playstation Experience diventato poi State of Play) Sony ha marcato sempre di più il suo voler diventare indipendente partecipando sempre meno ad eventi “per tutti” arrivando così al decidere di partecipare ad una cerchia ristretta di eventi digitali. Ma cosa ne pensa la community di Sony della scelta di non partecipare? Come per ogni anno ci si aspettano sempre grandi annunci, soprattutto in un momento come questo dove per forza di cose siamo tutti obbligati ad uscire il meno possibile cercando una distrazione nei videogames.

All’appello, però, non manca solo Sony ma anche EA, Activision Blizzard, Sega, Bandai Namco e Square Enix. Perché queste Software House non vogliono presentarsi ad un evento come l’E3?

Fotografia randomica dell'evento E3 del 2020
Quando ancora l’E3 era un’esperienza da fare almeno una volta nella vita.

Assenza di informazioni

Purtroppo le informazioni sull’evento, i partecipanti e chi resta in panchina finiscono qui e non sappiamo chi altro ci sarà all’E3 2021. Queste assenze si faranno sicuramente sentire ma non è stata data alcuna spiegazione su nessun canale di comunicazione, che sia Twitter, Facebook o comunicati stampa che potrebbero comparire online sotto forma di leak. Che sia cominciato davvero il declino dell’E3? Con Nintendo che ha dato l’esempio perfetto su quanto possano funzionare gli eventi privati, una mossa che ha reso così tanto da far cambiare idea ad aziende come Microsoft e Sony sugli eventi pubblici.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion