Pasquale Murano

Anime&Manga Cosa c’è nella cantina di Attack on Titan?

Numerosi sono i misteri che avvolgono la trama de l’Attacco dei giganti. . Oltre all’origine dei giganti, sono i segreti riguardanti la cantina di casa Yager ad essere il motore principale dell’azione dei personaggi, soprattuo nella prima parte dell’opera.

Come una sorta di promemoria, Eren porta appesa al collo la chiave per aprire la cantina. Grazie a questa chiave, il protagonista potrà entrare nello studio del padre, che utilizzava come laboratorio, per i suoi studi e ricerche da medico. Li è convinto di poter trovare nuove informazioni sui giganti e sull’origine del mondo.

Perchè non accedono subito alla cantina?

Il problema fondamentale è che la casa si trova nel distretto di Shingashina. Il distretto caduto in mano ai giganti già dalla prima puntata e mai più riconquistato.

La presenza dei giganti nell’area,dovuta alla breccia nel Wall Maria, rappresenta l’ostacolo principale che Corpo di Spedizione dovrà superare per raggiungere la cantina.

Nelle battute finali della prima parte, con una disperata lotta nel distretto di Shingashina, il Corpo di Spedizione cercherà di liberare l’area dai giganti, così da poter entrare all’interno della cantina e, forse, trovare un chiave di volta alla lotta contro i giganti.

Quindi se volete scoprire la risoluzione di questo mistero, saltate al prossimo paragrafo e scoprite cosa cela la cantina, ma vi avverto che incapperete in un GROSSO SPOILER se avete iniziato questa opera da poco tempo.

Cosa c’è nella cantina

La battaglia di Shingashina si è conclusa ma ad un prezzo troppo alto. Non ci sono vincitori ne vinti. Il Corpo di Spedizione, dopo aver resistito all’attacco del Gigante Bestia e ai due altri giganti, quello corazzato e colossale, piange i suoi caduti. Oltretutto, per salvare Armin, viene sacrificato per il bene dell’umanità il comandate Arwin.

Al termine dello scontro, Berthold, che ha il potere del gigante Colossale, viene sconfitto, ma Armin e Erwin sono gravemente feriti e l’unico modo per essere salvati e quelli di trasformali in giganti.

Il comandante Levi ha a disposizione una sola siringa per poter trasformare uno dei due in gigante, in modo che possano sfruttare il potere rigenerativo ed avere salva la vita.

Erwin in un monologo struggente, suggerisce a Levi di salvare Armin, mente tattica del corpo di spedizione, spiegandogli che il sacrificio che sta per effettuare, porterà l’umanità alla vittora.

Mikasa utilizza l'equipaggiamento 4D

Così Levi salva Armin, e quest’ultimo in forma gigante, mangia Berthold e acquisisce il potere del gigante colossale.

Dopo ciò i sopravvisuti si recano a casa Yager. Il gruppo è composto da: Eren e Mikasa che conoscono l’ubicazione esatta, Hanji come mente scientifica e Levi come supporto militare e di comando.

In un flashback, Eren e Mikasa ricordano i bei momenti passati nelle strade del distretto. Mentre si lasciano andare ai ricordi, riconoscono l’ubicazione della loro vecchia casa, con conseguente flashback di Eren e dell’uccisione della madre.

La botola che fa da ingresso alla cantina, è nascosta sotto le macerie della casa. Sollevata la botola, i quattro si ritrovano una scalinata di pietra la cui fine li conduce finalmente all’ingresso. Arrivati davanti la porta, con la consapevolezza che la cantina non è stata distrutta, cercano di aprirla con la chiave dorata in posseso di Eren.

Ma la chiave non serve per aprire la cantina. Preso dallo sgomento, Levi in un impeto di ira, sfonda la porta con un calcio. Ma un dubbio rimane.

Cosa apre la chiave dorata?

Il quartetto entra nella cantina, che si palesa a loro come un normale studio medico. Ricerche, studi medici e medicinali sono ancora ben conservati. Levi ricorda che il dottor Grisha fosse solito avere dei posti segreti, in caso di perquisizione della polizia interna.

Quindi i nostri eroi iniziano a cercare un nascondiglio segreto. Sarà Mikasa a trovare una serratura segreta al lato della scrivania. Eren prende la chiave, gira la chiave nella toppa della serratura e rivela un cassetto vuoto.
Levi intuisce che il cassetto è un cassetto a doppio fondo. Scoperchiando lo strato protettivo del cassetto, al loro interno trovano tre libricini.

Presi dall’eccitazione aprono il primo volume e scoprono una stampa di una famiglia. La famiglia raffigurata è la prima famiglia di Grisha Yager. Inoltre sono raffigurati un neonato e una bellissima donna.

A turbare ancora di più i nostri eroi non è il fatto della prima famiglia del padre di Eren, ma che la stampa è una fotografia.

Eren, Mikasa Levi ed Hanjia entrano all'interno della cantina

Nel mondo di Eren tale tecnologia non esiste. Al nostro eroe non resta che aprire il diario e scoprire il contenuto.

Il Flashback di Grisha

Grazie ai diari si scopre che i protagonisti vivono su un’isola, chiamata Paradis. L’umanità non si è estinta ed anzi, al di là dell’isola esistono ancora umani. Da qui inizia il flashback di Grisha.

Grisha era un giovane ragazzo che viveva nel regno di Marley. Ha una vita infelice in quanto fa parte del popolo eldeiano, razza che viene vista come maledetta dai marleyiani per la discendenza con Ymir.

Per questo motivo gli eldiani vengono rinchiusi in un ghetto. Oltre alle mura che circondano il quartiere etnico, gli eldiani non possono uscire.

Un giorno però, Grisha e sua sorella contravvengono a questa regola, per poter vedere dei dirigibili. I due ragazzi vengono scoperti dalla polizia marleyana. Grisha viene riportato a casa, mentre la sorella sarà sbranata dai dei cani. Saputa la notizia, Greisha inizierà a tramare contro i marleyiani.

Appena raggiunta la maggiore età, inizia a seguire un gruppo sovversivo capitanato dal Gufo, una figura misteriosa che cerca di ristabilire, agli occhi del mondo, l’immagine del popolo eldeiano.

Tra i cospirazionisti, Grisha, farà la conoscenza di Dina Fritz. In seguito, i due si sposeranno e daranno alla luce Zeke, il futuro Titano Bestia.

Grisha e la sorella vedono in lontanza un dirigibile

Sarà proprio loro figlio a tradire i genitori, indicando alla polizia segreta di Marley, che i due sono dei sovversivi. Al che i due verrano spediti su Paradais come dissidenti politici.

Mentre Dina verrà trasformata nel Gigante Sorridente, Grisha verrà salvato dal Gufo, e inizierà la sua rivoluzione proprio sull’isola iniziando a cercare il potere del Gigante Fondatore.

Questo è tutto ciò che c’è da sapere riguardo al contenuto della cantina. Vi ricordiamo che se avete proposte oppure volete discutere di anime, nel link riportato sotto potete entrare nel nostro gruppo Telegram.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.