ATTENZIONE:
Questo articolo contiene spoiler su Attacco dei Giganti. Se state seguendo la quarta stagione su Prime Video o non seguite assiduamente i volumi, state alla larga. Se invece gli spoiler non vi danno fastidio, o siete al passo con l’opera, continuate pure con la lettura dell’articolo.

L’Attacco dei Giganti è un’opera del mangaka Hajime Isayama ancora in fase di pubblicazione, anche se il manga finirà col capitolo 140, stando alle fonti dell’autore. La storia presenta molti misteri, tra i quali il più criptico è sicuramente cosa sono e come sono nati i giganti.

Oggi tratterò questa tematica per risolvere ogni vostro dubbio in merito, esponendovi anche le diverse verità che il manga ha già mostrato e che getteranno una nuova luce su quelli che sono presentati, a tutti gli effetti, come i nemici principali della serie.

Attacco dei Giganti, Eren affronta il Gigante Colossale che si affaccia dalle mura

Cosa sono i giganti?

All’inizio dell’avventura, i giganti vengono descritti come un’entità misteriosa. Sappiamo soltanto che esistono dall’alba dei tempi, sono discendenti della gigantessa Ymir ed hanno una forma umanoide di grandezza variabile (tra i 3 ed i 15 metri).

Per sventare la loro minaccia, l’umanità ha pensato bene di costruire dei muri, in cui si sono sviluppati vari distretti con edifici e abitazioni. I tre muri prendono i nomi di Wall Maria, Wall Rose e Wall Sina.

Per quanto riguarda l’altezza, un’unica eccezione che si vedrà sin dall’inizio dell’opera è il gigante colossale, stimata attorno ai 60 metri e risultando essere quindi il quadruplo di un gigante considerato “enorme”. Questo crea non pochi grattacapi ai residenti delle mura, visto che le mura hanno un’altezza massima di 50 metri. Oltre a ciò, i giganti hanno un elevato potere di rigenerazione.

Le varie forme dei giganti rapportate alle mura che proteggono la città di Paradais

Grazie a questa facoltà possono ricreare in un secondo arti amputati. Il loro unico punto debole è la parte posteriore del collo. Per anni il popolo di Eldia ha studiato queste forme di vita, scoprendo particolari estremamente macabri come l’attività nutritiva delle creature.

Lo studio effettuato in merito, infatti, ha dimostrato come i giganti non attaccano gli animali o altri esseri viventi, ma solo gli umani. Inoltre, non li mangiano per nutrimento, dato che i corpi vengono poi rigettati. Lo fanno solo perché mossi da un’istinto primitivo.

Ma la verità è un’altra

I giganti, si verrà a scoprire molto dopo, sono sì discendenti di Ymir, ma mentre per gran parte dell’opera si è creduto che lei fosse a sua volta un gigante, la verità è che era una comunissima donna. Tutto questo viene svelato dal capitolo 122, ove verrà mostrata per filo e per segno la vera storia dietro la loro creazione.

Ymir, 2000 anni prima della storia originale, dopo essere stata accusata ingiustamente dai suoi compaesani per aver rubato dei maiali, fugge dalle guardie del re che la vogliono uccidere. Scappando si rifugia dentro un albero, al cui interno si cela un lago. Non accorgendosene, ci finisce dentro.

Mentre sta per annegare, un parassita si attacca alla colonna vertebrale della sfortunata, dando origine al primo gigante della storia. Dopo questo evento, il re Fritz del regno di Eldia, la prende come moglie e la utilizza come forza bellica nelle sue guerre.

Durante questo periodo Ymir concepisce tre figlie: Rosa, Maria, Sina (sì, come i nomi dati alle mura). Però come ogni storia che si rispetti c’è un evento tragico. Durante la cattura di un regno, Ymir viene trafitta dalla lancia di un soldato nemico per proteggere suo marito.

Il re Fritz, per non perdere il suo vantaggio bellico, fa mangiare il corpo di Ymir alle 3 figlie, in modo tale che possano ereditare il potere dei giganti. Ciò che rende ancor più macabra la scena è che, per poter ereditare i poteri del gigante, il corpo che ospita quel gigante deve essere mangiato mentre è ancora in vita.

Con gli anni, le figlie generarono altri giganti, creando i cosiddetti nove primordiali con abilità uniche. Grazie a questa progenie maledetta, il regno di Eldia riuscì a soggiogare quello di Marley con estrema facilità. Dopo 1700 anni di conquista, però, Marley riuscirà a ribellarsi, grazie anche all’aiuto di alcuni dei nove primordiali, rovesciando il regno Eldeiano.

Ymir e re Fritz all'interno del Patch

Ed è qui che ha inizio la storia

Dopo il colpo di stato, il re Fritz si nascose sull’isola di Paradis per sfuggire ai marleyani. Fece costruire le tre mura attorno al suo castello e grazie ai poteri del gigante Fondatore, che detiene lui, cancellò la memoria a tutti gli abitanti dell’isola discendenti di Ymir.

Diversi eldiani rimasero comunque sul continente originale, venendo obbligati a sottostare ad una segregazione forzata e venendo utilizzati come forza bellica data la loro potenza.

Differenze tra le origini dei Giganti

I giganti possono essere creati principalmente in tre modi:

  1. Grazie al midollo spinale di un gigante iniettato in un ospite.
  2. Mangiando un altro gigante, o il corpo che ospita il parassita.
  3. Per linea di discendeza con Ymir.

Per il primo punto sappiamo che iniettando liquido spinale preso da chi ha il parassita è possibile ottenere la trasformazione in gigante. Ciò ci viene dimostrato in maniera palese nel capitolo in cui Eren Grisha viene deportato sull’isola di Paradis.

Il secondo punto viene spiegato agli inizi del manga, ma ne troviamo una prova più approfondità quando Armin mangia Bertholdt. Inoltre vediamo che, se un gigante mangia uno dei primordiali, esso eredita il potere di quel gigante senza conseguenze.

Sull’ultimo punto invece, quello della discendenza, non c’è bisogno di spiegazioni. Si sa che chi discende, per linea diretta o indiretta, da Ymir acquisisce automaticamente il potere dei giganti

I vari tipi di Giganti

Nell’opera i giganti possono essere divisi in tre macrocategorie: Giganti Puri, Giganti anomali, i Nove Primordiali. I Giganti Puri, sono quelli che si trovano più spesso, mentre gli anomali sono quelli che hanno delle abilità aggiuntive (esempio il gigante che salta).

I nove primordiali invece sono i discendenti per linea diretta dalla figlie di Ymir. Essi hanno abilità uniche che nessun altro gigante ha.

Giganti Puri

Il gigante Bestia attacca insieme ad un gruppo di giganti puri

I giganti puri sono quelli che si trovano maggiormente sull’isola. La loro altezza varia tra i 3 e i 15 metri. Per fisionomia sono identici agli umani, ma non hanno apparato riproduttivo e hanno deformazioni e particolari inquietanti. Si muovo attraverso il solo istinto e sono privi di intelletto.

Grazie a questa caratteristica sono quelli più facili da eliminare, dato che possono essere attirati in trappola senza utilizzare tattiche particolarmente complesse. Data però la loro altezza e il loro numero, questi giganti sono una vera spina nel fianco per i nostri protagonisti.

La maggior parte di essi sono eldiani trasportati su Paradis trasformati dai marleyani come punizione per particolari reati compiuti sul continente. Oltre a ciò, alcuni vengono utilizzati come forza bellica dai Marleyani, potendo essere impiegati molto facilmente a causa dell’intelletto assente.

Giganti Anomali

Il Gigante Sorridente

Questi giganti sono simili a quelli puri, ma hanno delle particolarità sia dal punto di vista fisico che comportamentale. Questi giganti sono quelli più temuti all’inizio della storia, in quanto hanno dei comportamenti imprevedibili (a differenza di quelli Puri), nonostante rimangano senza particolari tracce di intelletto.

Tra i vari comportamenti notati esistono: corsa improvvisa, salti lunghi e la possibilità di parlare la lingua degli umani. Tali caratteristiche destabilizzano il corpo di spedizione, che deve pensare a tattiche alternative per il loro abbattimento.

Tra i vari giganti, configurano tre tipi che saltano subito all’occhio dello spettatore.

I nove primordiali

I nove giganti primordiali sono un sottogruppo dei Giganti Anomali, oltre a rappresentano la scissione del potere del Gigante Progenitore. Chi acquisisce questo potere mantiene la propria intelligenza e la coscienza anche durante la trasformazione, oltre a poter regredire a persona standard in qualsiasi momento. Inoltre, chi acquisisce il potere di uno dei Nove Primordiali, va incontro ad una sorta di maledizione.

Gli ospitanti di uno dei Primordiali hanno a disposizione 13 anni di vita, numero legato agli anni in cui Ymir ha vissuto col parassita. Al momento, l’origine della maledizione non è stata ancora chiarita.

Ed è questo uno dei motivi per cui il potere dei primordiali viene passato da persona a persona, per non perdere uno dei poteri più distruttivi al mondo (anche se come vedremo, alcuni primordiali non hanno poteri particolarmente utili).

Gigante Primordiale

Il gigante primordiale è colui che ha dato origine ai Nove Primordiali, ed è il potere posseduto da Ymir. Come abbiamo spiegato prima, questo potere è stato tramandato nella famiglia reale.

Il suo potere è quello di comandare gli altri giganti, poter cancellare i ricordi e trasformare le persone normali in gigante. Per poter utilizzare questo potere, basta che utilizzi la sua voce anche in forma umana. Il potere, però, può essere utilizzato solo da membri della famiglia reale.

Inoltre, esso ha un potere aggiuntivo, quello di essere connesso agli altri giganti tramite una sorta di collegamento spirituale, dando la capacità di impartirgli ordini. Il potere, al momento, è in possesso di Eren Yager.

Gigante d’Assalto

Il gigante d'assalto

Il Gigante d’Assalto e uno dei primi primordiali ad essere visto (oltre al Colossale e Corazzato). Esso ha una fisionomia diversa dagli altri giganti, data dalla muscolatura più pronunciata e dalla resistenza fisica.

Il vero potere, però, non sta nella sua forma fisica, ma nel vedere i ricordi dei suoi predecessori. Purtroppo, però, i ricordi non possono essere ritrovati a piacimento, ma tornano in maniera casuale.

Gigante Colossale

Eren si lancia all'attacco del gigante Colossale

Uno dei nemici di Eren e colui che darà inizio agli eventi della storia. Questo gigante è alto 60 metri e può espellere a piacimento vapore caldo da qualsiasi parte del corpo. Di contro, questo potere, se utilizzato in maniera prolungata, arreca danni al portatore.

Questo potere apparteneva a Bertoldt Hoover, ma dopo la battaglia di Shingashina, viene ereditato da Armin Arlert, divorando il suo corpo.

Gigante Corazzato

Il gigante colossale

Altro antagonista delle prime battute di trama, il Gigante Corazzato è uno dei primordiali più forti. Laddove gli altri giganti possono cristallizzare il proprio corpo, il gigante corazzato ha una corazza protettiva innata.

Per poterlo sconfiggere, il corpo di spedizione ha dovuto creare le cosiddette lance fulmine dall’elevato potere penetrante. Al momento è aancora in possesso di Reiner Braun.

Gigante Femmina

Il Gigante Femmina è uno dei giganti appartenente alla fazione di Marley. Ha una buona resistenza e forza fisica. Un’altra capacità che ha è quello di poter indurire il corpo a proprio piacimento e di potersi cristallizzare (anche se è un potere comune a tutti i giganti primordiali). Al momento è detenuto da Annie Leonhart.

Gigante Bestia

Il Gigante bestia

Uno dei giganti più letali, grazie anche alle capacità tattiche del portatore Zeke Yager, ha diverse caratteristiche uniche. Prima di tutto, le sembianze che assume ricordano una scimmia. Inoltre le sue braccia sono più lunghe dei altri giganti, donandogli una forza di lancio superiore.

Visto che Zeke possiede anche il sangue reale, possiede anche il potere di controllo e di trasformazione dei giganti.

Gigante Mascella

Il gigante mandibola attacca un membro del corpo di spedizione

Il Gigante Mascella è quello più piccolo tra i nove, risultando essere alto appena 5 metri. Il suo potere caratteristico sta nella forza mascellare, essendo in grado di distruggere qualsiasi cosa con un semplice morso. Inoltre, a detta di Reiner, possiede anche agilità e velocità impareggiabili tra gli altri 9.

Il primo possessore di questo potere durante la storia è stato Ymir, l’amica di Historia (quindi non la progenitrice). Dopo essere stata catturata, purtroppo, verrà divorata dal nuovo portatore Porko Galliard, fratello del precedente possessore del gigante mandibola, Marcel. Ora appartiene a Falco Grice.

Gigante Carro

Il gigante carro attacca le truppe nemiche col cannone montato sulla schiena

Il Gigante Carro non ha particolari poteri. Viene utilizzato fondamentalmente per trasporto truppe o come arma, montando dei cannoni sulla sua schiena. Si muove a quattro zampe e possiede un’ottima velocità e resistenza.

Al momento è utilizzato da Pieck Finger.

Gigante Martello

Il Gigante Martello è uno dei giganti più forti. Può indurire la sua pelle e trasformala in una qualsiasi arma, riducendone però notevolmente la stamina. Può essere anche comandato dalla distanza dal portatore, creando una sorta di “corridoio” esterno tra lui e colui che lo controlla.

L’attuale possessore è Eren.

Gigante Martello

E con questo si conclude il nostro articolo di Attacco dei Giganti. Come avete potuto vedere, l’origine e le varie tipologie dei giganti possono essere difficili da ricordare, ma spero di aver gettato abbastanza chiarezza sulla loro origine e caratteristiche.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion