PS5 vs Xbox Series X: la differente comunicazione rivela gli intenti

Sony e Microsoft – per la presentazione di PS5 e Xbox Series X – stanno utilizzando due strategie di comunicazione che definire agli antipodi sarebbe riduttivo. Stando ai “bookmaker”, Microsoft sembra in vantaggio nella console war che sta appassionando il pubblico. Una console war che probabilmente non esiste, date le caratteristiche dei due prodotti. Il nostro Francesco Alteri, a tal proposito, ha detto la sua sulla questione, analizzando la filosofia di fondo che muove le due aziende e che animerà la next gen. Nel suo articolo emerge che è la modalità di fruizione dei giochi a rendere differenti le due nuove console: lenta per PS5 e veloce per Xbox.

Che Sony e Microsoft non abbiano nessuna intenzione di fare la gara a chi vende più unità, calpestandosi i piedi a vicenda e cercando di offrire un prodotto simile ma migliore, è chiaro anche osservando le due strategie di comunicazione.

ps5 vs xbox series x presentazione comunicazione sony
Xbox Series X

Xbox Series X: un cavallo da corsa consegnato con “spedizione rapida”

Puntare tutto, subito e forte. Si potrebbe riassumere così la strategia di Microsoft. La presentazione delle specifiche tecniche ha portato gran parte del pubblico a ritenere la console di Bill Gates superiore alla controparte Sony. Numeri da paura: una potenza che, se riflessa direttamente nel mercato, porterebbe Xbox Series X a prevalere su PlayStation 5. Ovviamente sappiamo che i numeri non sono tutto (anzi), e lo sanno sicuramente anche in casa Microsoft, che ha perciò deciso di giocare d’anticipo. Prima ancora di svelare le specs, Microsoft ha mostrato il design e il nome ufficiale della nuova console. Hanno dato un nome e un volto all’oggetto in questione, e non un volto qualsiasi: un monolito nero, imponente, che possa dare al giocatore tutto ciò di cui ha bisogno, come il monolito di 2001: Odissea nello spazio che dona la conoscenza alle scimmie.

Xbox Series X è un computer, sia nell’aspetto che nelle prestazioni. Punterà agli hardcore gamer, agli esports. Non vuole una console war. Vuole differenziare il pubblico, anche considerando che Xbox One ha venduto (probabilmente) meno della metà di PlayStation 4. Perciò sta giocando d’anticipo, facendo capire al suo pubblico che Xbox sarà migliore (per chi è interessato a determinati aspetti) di PlayStation.

Microsoft ha puntato forte, subito

PlayStation 5: una mystery box col marchio di qualità

Il punto di partenza della strategia di comunicazione di PS5 è lo stesso di quella di Xbox Series X: PlayStation 4 ha venduto più del doppio della concorrente. La console Sony ha un nutrito gruppo di fedeli soddisfatti del lavoro fatto fin’ora, che si aspettano esattamente lo stesso in futuro. L’impressione è che l’azienda giapponese abbia molti assi nella manica ancora da giocare, tra cui il design della console ancora inedito.

Alcuni sviluppatori credono che PS5 potrebbe essere superiore a Xbox in modi che non sappiamo o che non sono stati valorizzati (tra cui l’SSD), ma anche che Sony sia indietro nella comunicazione. Se questo sia voluto o meno solo il tempo potrà dircelo. Nel frattempo, le opzioni possibili sono due: o Sony non è in grado di comunicare i suoi punti di forza, oppure non vuole (ancora?) farlo. Nel secondo caso la mossa potrebbe rientrare nell’attesa, ciò che sembra stia delineando la strategia di comunicazione di PS5: aspettare che Xbox mostri ciò che deve mostrare, conquisti il suo pubblico, e poi giocare le proprie carte con una super presentazione.

Sony ha ancora molti assi nella manica

PS5 vs Xbox Series X: la presentazione che vuole evitare la console war

Per concludere: non c’è nessuna gara. La strategia di comunicazione di PS5 e Xbox Series X sembra confermare ancora una volta che le due console punteranno a pubblici differenti e porteranno con sé filosofie diverse. Nessuna guerra fratricida questa volta, nessun vincitore e nessun vinto.

Quel che è certo è che sarà una next gen rivoluzionaria.