La prossima volta che vi lamentate della burocrazia, pensateci bene. A Ryunosuke Naruhodo sono serviti sei anni. Sei anni. Tutto per ottenere un visto per l’Europa e uscire dal Giappone insieme al proprio gioco: The Great Ace Attorney. L’attesa è stata lunga, ma tutti i personaggi sono finalmente pronti per venire a trovarci in Europa questo 27 luglio. Shu Takumi ha rilasciato questa e molte altre informazioni il 21 aprile, tramite il canale Youtube di Capcom. Il gioco è pieno di novità, in effetti. Vediamo cosa ci aspetta.

Questo è il video che ha fatto emozionare i fan Europei della serie

Un ripassino: di cosa si parla?

Momenti storici Il periodo a cavallo fra la fine del 1800 e l’inizio del 1900 in Giappone si chiama Meiji, ed è molto importante: dopo quasi trecento anni di chiusura, la nazione si apre all’Occidente.

Prima di parlare di cosa cambierà, è utile sapere di cosa tratta il gioco. O meglio, di cosa trattano i giochi. Di fatto, stiamo parlando di una collezione di due titoli, sotto il nome di The Great Ace Attorney Chronicles. Il pacchetto include i giochi The Great Ace Attorney: Ryunosuke Naruhodo’s adventures e The Great Ace Attorney: Ryunosuke Naruhodo’s resolve. Entrambi i giochi sono ambientati all’inizio del Novecento fra Giappone e Inghilterra. Il protagonista, Ryunosuke Naruhodo, è un giovane studente di una prestigiosa università giapponese. Come molti altri in quegli anni, parte per un viaggio di studio all’estero, in Inghilterra. È là che il ragazzo fa pratica per diventare avvocato, una professione nuova in Giappone. Il cast è ampio e variegato, come al solito. In più, l’ambientazione storica permette di introdurre comparse interessanti.

Durante il processo saranno molti i giudici da affrontare!

Vorrei dire che la struttura dei giochi è simile a quella del resto della saga, ma non lo penso. Sì, il giocatore veste i panni di un aspirante avvocato. Sì, il giocatore prende parte a processi come difensore. Per quanto mi riguarda, le somiglianze finiscono qui. Pensate che l’introduzione dei sigilli emotivi nel secondo capitolo della serie principale fosse una grande novità? Qui vi scontrerete con un’intera giuria. Durante i processi il giocatore dovrà convincere non uno, ma molti giudici!

Le novità non finiscono qui. Giocare con le prove è normale per chi ama la serie. In questo caso, vale lo stesso: ogni oggetto si può ribaltare e manipolare. Anche correggere un detective è normale, no? Quante volte avete fatto mordere la lingua a Gumshoe? Qui correggere l’investigatore non è una cosa che capita durante la storia. Ora mettere in ordine le deduzioni di Sherlock Holmes diventa una meccanica di gioco fatta e finita. L’investigatore propone delle deduzioni di dubbia qualità, e tocca a noi dargli una mano. L’intero processo è molto scenico, e con un’ottima colonna sonora. Bacchettare qualcuno non è mai stato così piacevole. E, sì, ho detto proprio Sherlock Holmes. O meglio, uno che gli somiglia. Ma di questo parliamo più avanti.

Cosa cambia?

Per noi, nulla. The Great Ace Attorney non ha mai messo piede in Europa. Almeno, non lo ha fatto al di fuori della trama del gioco. Anche se la storia tratta dei contatti fra il Giappone e il Vecchio Continente, il pacchetto che arriva quest’anno è la prima versione ufficiale del gioco a cui possiamo accedere. Come prima esperienza, possiamo già godere di un bel po’ di aggiunte, a quanto pare. Nel video di presentazione, Takumi elenca alcune aggiunte all’esperienza di gioco. Queste si trovano sul sito ufficiale del gioco, sistemate in sottosezioni molto comode da consultare.

In generale, chi acquista il pacchetto potrà accedere a contenuti aggiuntivi nella forma di colonne sonore e artwork. Per chi ordina il gioco entro il 31 agosto, agli extra già presenti se ne aggiungono altri. Inoltre, sono a disposizione otto storie brevi dedicate alle vite dei personaggi fuori dall’aula di tribunale. Il secondo titolo del pacchetto (Resolve) prevede anche una modalità ‘tailorche consente di cambiare gli abiti ad alcuni personaggi. Oltre a tre brevi animazioni che raccontano storie alternative, sarà presente la traccia audio giapponese, insieme a quella inglese. Insieme alla possibilità di acquistare in una volta sola sia The Great Ace Attorney: Chronicles e Phoenix Wright: Ace Attorney Trilogy, queste sono le novità ‘di pacchetto’ più importanti.

Pensa fuori dal pacchetto!

‘Fuori dal pacchetto’ per modo di dire. L’arrivo in Europa di The Great Ace Attorney è accompagnato da una novità che non riguarda solo l’Occidente. Per la prima volta nella saga, sarà introdotta una ‘modalità storia’. Ciò vuol dire che il giocatore potrà stare fermo e lasciare che il gioco scorra come un normale film o un romanzo. La scelta può far storcere il naso ad alcuni. Tuttavia, questa possibilità va sicuramente incontro a chi desidera conoscere le avventure dei personaggi e non ha tempo o voglia di risolvere i rompicapi. Nessuno perde, se tutti si possono godere un bel gioco.

Herlock Sholmes? Uno dei motivi per cui si è pensato che il gioco non arrivasse in Occidente è proprio il diritto d’autore sul nome dell’investigatore.

Oltre alla modalità storia, un elemento importante di cui parlare è l’adattamento. Il gioco è ambientato in un periodo storico particolare. I localizzatori in passato hanno trasformato l’ambientazione dei giochi principali per avvicinarla alla sensibilità occidentale. In questo caso non è fattibile. I giochi sono pieni di riferimenti, e alcune comparse sono davvero molto importanti. Natsume Soseki, ad esempio, è un famoso scrittore giapponese di quel periodo, e appare nella storia. Immaginate di dover difendere Manzoni, in tribunale! Non è proprio il solito periodo, ma ci intendiamo. Come ho detto prima, c’è anche uno che somiglia a Sherlock Holmes! Dal video di presentazione, tuttavia, sembra che questo si chiami Herlock Sholmes. Naturalmente per valutare l’adattamento serve vedere il prodotto finito. Ma il team di localizzazione di Capcom è sempre riuscito a superarsi, con Ace Attorney. Personalmente, non vedo l’ora.

Il gioco sarà rilasciato il 27 luglio su Nintendo Switch, Playstation 4, e Steam.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion