Il termine dell’evento di capodanno segna anche la ripresa del countdown all’inizio del Tour di Pokémon GO di Kanto, che si terrà a fine febbraio. In attesa di quel giorno, Pokémon GO ci riporta indietro nelle regioni che abbiamo visitato, passo passo e con eventi a tema.

Il primo è dedicato ad Unima, teatro delle avventure di Pokémon Bianco e Nero. Dalle 10 del 5 alle 20 del 10 gennaio i Pokémon che abbiamo incontrato in questa regione saranno i protagonisti. Passiamo subito a vedere quali sorprese ci riserva questo evento non molto lontano.

L’evento

Allo stato selvatico potrete incontrare i tre iniziali Snivy, Tepig ed Oshawott, insieme a Lillipup, Herdier, Blitzle, Roggenrola, Drilbur, Scraggy, Tympole, Venipede, Trubbish, Gothita, Solosis e Ferroseed. Questo evento sarà il primo a vedere il rilascio della forma cromatica di un Pokémon iniziale al posto di un Community Day. Si tratta di Snivy, che ancora non ne ha avuto uno dedicato. Ricordate inoltre che catturare Trubbish vi ricompenserà con generose quantità di polvere di stelle, che possono arrivare quasi a 1000 unità con potenziamento meteo (ancora di più con un pezzo stella).

La polvere di stelle sarà ricompensa anche delle missioni sul campo, dove inoltre potrete incontrare anche Snivy, Tepig, Oshawott o Ferroseed. I tre starter saranno anche nei raid di livello 1 insieme a Timburr, Klink e Dwebble. Dalle uova da 5km invece schiuderanno Roggenrola, Sewaddle, Petilil, Emolga, Karrablast, Joltik, Elgyem e Shelmet.

I raid di livello 3 ospiteranno Herdier, Excadrill, Amoonguss e Tranquil, di cui Excadrill può tornare utile anche in Lega Lotte GO. Nei raid leggendari il protagonista sarà Genesect forma Piromodulo, un debutto di cui abbiamo già parlato ma che per questa volta non potrà essere incontrato cromatico.

Nei megaraid infine troveremo MegaCharizard Y, MegaAbomasnow e MegaBlastoise. Il primo sarà anche più forte durante l’evento e fino al 12 gennaio.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion