Speciale
di Pietro Iacullo
il 25 ottobre 2017, 08:55
in Speciali

Si torna di prepotenza – e col pad in mano – nella Terra di Mezzo, ma a sorpresa anche The Evil Within 2 si piazza benissimo. Pur inchinandosi alla Mano de Dios di Fifa 18…

La scorsa settimana avevamo chiuso pronosticando un buon piazzamento per L’Ombra della Guerra, il grande esordiente di questi ultimi sette giorni, mentre per il sequel del survival di Shinji Mikami (orfano tra l’altro di Shinji Mikami) prospettavamo una strada più in salita. Ci abbiamo azzeccato a metà: La Terra di Mezzo virtuale in Italia va forte, e si porta a casa tre posizioni su dieci – di cui una sul podio, alla medaglia d’argento. Ma su The Evil Within 2 sbagliavamo, e chiusi nel nostro pessimismo non ci aspettavamo questo terzo posto: un segnale abbastanza importante, in un periodo dove da più parti si prospetta la morte dei prodotti esclusivamente single player.

 

Posizione Titolo Piattaforma
1 Fifa 18 PS4
2 la Terra Di Mezzo L’ombra Della Guerra PS4
3 The Evil Within 2 PS4
4 Fifa 18 xbox One
5 La Terra Di Mezzo L’ombra Della Guerra Edizione Speciale PS4
6 La Terra Di Mezzo L’ombra Della Guerra One
7 Fifa 18 Legacy Edition PS3
8 Grand Theft Auto V PS4
9 Crash Bandicoot N.Sane Trilogy PS4
10 Destiny 2 PS4

 

Ottimi i due esordi di questa settimana quindi: certo, nessuno dei due nuovi concorrenti riesce a schiodare Fifa 18 dal suo trono, ma realisticamente fino al 27 ottobre difficilmente qualcuno potrà insidiare la simulazione sportiva di EA. Benzina già finita invece per Forza Motorsport 7: dopo un esordio con un modesto ottavo posto, il racing firmato Microsoft finisce prevedibilmente fuori dalla top 10. Inevitabile, visto che si tratta di un’esclusiva Microsoft in un territorio che è dominato da Sony (con occasionali incursioni di Nintendo), e al colosso americano restano solo le briciole.

Sarà interessante vedere a questo proposito come si comporterà la Distinta Concorrenza di Gran Turismo, che – a dover per forza azzardare una previsione – ci aspettiamo di ritrovare al di sopra della metà classifica, complici le voci confortanti arrivate dall’Inghilterra (dove il lancio è stato molto più felice di quello del sesto capitolo, ma meno di quello del glorioso GT5) e la platea decisamente pro-PlayStation che contraddistingue la nostra penisola. Poco importa se al lancio le recensioni (inclusa la nostra, aggiornata qualche ora fa tra l’altro) non hanno indicato una valutazione numerica all’uscita: da tempi non sospetti riteniamo che la critica, in questi casi, abbia un impatto marginale rispetto al marketing – se non siamo riusciti a salvare Okami, difficilmente potremmo mai condannare un brand che nel cuore degli appassionati è ancora il The Real Driving Simulator. Un Racing elegante, per chi vuole guidare in modo elagante, citando il nostro Stefano.

recensione
Gran Turismo Sport
Racing game di gran classe. La Gran Turismo Difference è tutta nel filmato iniziale di questo nuovo capitolo, che vi invitiamo a godervi per intero in calce a questo paragrafo. Quell'imperfetta perfezione che negli anni è stata levigata dalla gall...

L’altro esordiente della prossima settimana è più difficile da inquadrare: Fire Emblem Warriors esce su una piattaforma in salute che è riuscita a far registrare entusiasmo anche su autentiche scommesse (vedi alla voce Arms) e fa parte di una serie che è indubbiamente in ascesa. D’altra parte abbiamo visto che in classifica ormai i nomi forti quasi non si contano più, tra il già citato Fifa 18, gli esordienti di questa settimana (ci aspettiamo di rivedere, almeno per altri 7 giorni, Mordor fare capolino nei magnifici 10), Operazioni Nostalgia low-cost per l’utenza come la solita N. Sane Trilogy e un Destiny 2 sempre più schizofrenico, che continua a comparire in top 10 a settimane alterne. Difficile a dirsi: indicativamente diciamo sotto la metà classifica, in settima o ottava posizione magari. Sicuri di non azzeccarci mai come al solito.



due parole sull'autore
Laureato con disonore in Informatica, tra una cosa e l'altra ha a che fare con la tecnologia praticamente da quando ne ha memoria. È il magnaccia a capo degli aspetti creativi del progetto, dal layout fino alle questioni autorali: la sezione Speciali è la sua Mother Base, e Gameromancer - il podcast videoludicamente scorretto il mezzo con cui terrorizza anche l'etere.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su