Speciale
di
il 3 gennaio 2017, 09:00
in Speciali

In parallelo agli Ilvg Awards, che eleggeranno il gioco dell’anno dell’utenza, i redattori di I Love Videogames hanno deciso di preparare degli articoli più personali a proposito del loro 2016 videoludico stilando la loro personale classifica sui giochi dello scorso anno.

È di nuovo quel momento dell’anno. Quello fatidico in cui è quasi automatico ripensare al giocato ed al non giocato e trarre qualche considerazione finale sull’annata videoludica trascorsa. Chi mi conosce sa bene quanto ami le citazioni, i riferimenti incrociati, i rimandi e, su tutto, le narrazioni di tipo circolare. Era questo il frame in cui inquadravo l’analogo articolo dello scorso anno, essenzialmente ripetendo valutazioni, buoni propositi e punti di vista di quello ancora precedente. Quest’anno il ciclo s’interrompe, per una serie di motivi che spaziano dal personale alla semplice evoluzione dei gusti videoludici. Ho finalmente comprato una PlayStation 4. L’ho usata pochissimo, se non per i giochi del PlayStation Plus e per Doom, unico vero titolo a tripla A da me acquistato e giocato quest’anno. Non ho giocato quanto avrei voluto ed ho lasciato indietro alcuni titoli che vanno tragicamente ad accumularsi sulla pila della vergogna. Su tutto mi è mancato l’apporto della mia amata Nintendo, che quest’anno non ha fatto scintille come i due precedenti. Per questo quella che vi trovate di fronte è una top 5 atipica, che rispecchia chiaramente in quale direzione le mie abitudini ed i miei gusti videoludici si stiano ormai incamminando, a dispetto di tutto e di tutti.

Quinto posto: Zero Escape: Zero Time Dilemma

La conclusione della trilogia di Zero Escape si guadagna il quinto posto in questa personale classifica, misura allo stesso tempo della qualità del titolo e delle altissime aspettative rimaste insoddisfatte. I precedenti 999 e  Virtue’s Last Reward erano stati tra i migliori titoli Visual Novel di tutti i tempi, con trame avvincenti ed intricate ai limiti dell’inverosimile, in grado di stupire e meravigliare anche il più navigato dei giocatori. Zero Time Dilemma riesce ad essere soltanto la naturale prosecuzione di questo, senza sconvolgere come fecero all’epoca i precedenti capitoli. Con porzioni di trama visibilmente realizzate in maniera frettolosa, un paio di colpi di scena non credibili e la generale impressione che lo sviluppo del gioco abbia dovuto subire dei sacrifici per motivazioni economiche, non c’è dubbio che Zero Time Dilemma non riesca a bissare l’immenso livello qualitativo dei suoi precursori. Questo non basta, tuttavia, a cancellare i tanti meriti di una trama nettamente superiore a gran parte di quanto presente attualmente sul mercato videoludico, e di quella che nel complesso è un’altra tra le migliori VN degli ultimi anni.

 

Quarto posto: Doom

Doom è stato un vero e proprio fulmine a cielo sereno. Uno sparatutto che riesce ad omaggiare il capostipite del genere traghettandone lo spirito nel terzo millennio. In un mercato videoludico in cui gli sparatutto sono omologati su due tipologie predominanti (quelli militari alla Call of Duty e gli “Hero shooter” alla Overwatch), il ritorno ad uno stile classico come quello di Doom è una boccata d’aria fresca. Doom è intenso e frenetico, con l’accento posto su di uno stile di gioco che premia l’aggressività e la capacità di prendere decisioni in una frazione di secondo. Giocarlo ai più alti livelli di difficoltà è un esperienza molto impegnativa ma incredibilmente soddisfacente.

speciale
Il fenomeno Doom e gli Sparatutto in Prima Persona
La storia del videogioco è ricca di titoli che, per un motivo o per l’altro, sono riusciti a raggiungere un’importanza tale da essere considerati delle pietre miliari per l’industria. Alcune produzioni però sono riuscite ad andare anche oltre, non li...

 

Terzo posto: Sorcery! Part 4: The Crown of Kings

Nel corso degli ultimi tre anni Sorcery! è stato una presenza fissa nelle mie classifiche di fine anno. Il capitolo conclusivo della saga si guadagna di buon diritto una posizione anche quest’anno. L’epica conclusione delle avventure dell’Analander è un compendio di quanto visto ed amato negli scorsi capitoli, dalle brillanti meccaniche che adattano sapientemente il concept di libro game in formato videoludico, alla rivoluzione open world del terzo episodio. Leggermente meno “aperto” di quest’ultimo, Sorcery! 4 è il capitolo meglio scritto e più avvincente di tutta la serie. Un testamento alla volontà degli autori di dimostrare come giochi eccezionali possano nascere anche in formato mobile.

 

Secondo posto: The Silver Case

Uno dei giochi che più mi sono piaciuti nel 2016 è in realtà un titolo del 1999, la cui localizzazione occidentale si è fatta attendere per ben 17 anni. Lavoro centrale della prima parte della carriera di Suda51, The Silver Case è una Visual Novel bizzarra e surreale, in bilico tra noir, cyberpunk e quello che oggi definiremo vaporware. La potenza di alcune sue tematiche ed intuizioni è incredibile, soprattutto se si considera l’anno in cui furono concepite ed il fatto che sono valide oggi forse più che allora. Un gioco folle, profondo e visionario, adatto a chi ha amato Killer7 e Flower, Sun and Rain, ma anche a chi cerca un Suda51 diverso da quello degli ultimi anni ed esperienze diverse dal solito.

speciale
Kill the Past: la storia nascosta di Suda Goichi
Suda "Suda51" Goichi è, da una decina d'anni a questa parte, uno dei più famosi, chiacchierati e – perché no? – anche criticati game designer giapponesi. Dall'uscita del seminale Killer7 nel 2005, i giochi a lui attribuiti hanno dimostrato di possede...

 

1 2


due parole sull'autore
Classe 1987, Nintendaro per vocazione, videogiocatore a tutto tondo per passione. Apprezza ogni genere di gioco esistente tranne le simulazioni sportive e passa a leggere, discutere e scrivere di videogiochi tanto tempo quanto ne passa a videogiocare. Uno dei pochi superstiti del team originario de I Love Videogames, è il resettler residente della redazione.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su