Lunediscord #1: Je suis Valve

Non ve ne potrebbe fregare meno del calcio? Su Gameromancer.com il nostro Avvocato è sulla stessa barca, ma si è recensito Football Drama comunque. E gli è piaciuto, a giudicare dalla rece videoludicamente scorretta che ha tirato fuori.

Gli italiani Open Lab Games e Demigiant si ispirano alla letteratura calcistica per portarci in uno sport disilluso, cinico eppure ancora epico ed esaltante.

Rocco Galliano, allenatore francese ed esistenzialista, era sparito dal calcio che conta per troppo tempo. È  il destino di chi non vuole scendere a patti col sistema, di chi non abbassa la testa davanti a chi può rovesciarti addosso un quintale di letame, andando incontro a un Football Drama. Ostracizzato da questo mondo – ma mai umiliato e sempre spocchioso –, almeno fin quando il magnate russo (o che almeno cerca di imitare quell’accento) del Calchester Assembled non gli offre una panchina bollente, dalla quale sembra destinato ad alzarsi nel giro di qualche giornata, pochi punti e tantissimi insulti dalle gradinate. Ha inizio così la Divina Commedia del rettangolo verde, ogni partita un girone infernale popolato da personaggi di natura ambigua, persi nella selva oscura dei retroscena, del dietro le quinte intimista, spostando il focus da una squadra de-caratterizzata in 11 semplici pedine. Non più epicentro calcistico ma strumento per muovere le vite che ruotano attorno al circo della Thiefa League.

Teatro calcistico

La sensazione che restituisce Football Drama è quella di una pièce teatrale sperimentale, una messinscena plateale che drammatizza il calcio come nelle insinuazioni di chi si infervora al bar sport. Il giocatore/spettatore diventa la coscienza di Rocco, influenzandone i rapporti personali, l’atteggiamento, l’idea tattica, talvolta con conseguenze tangibili e altre “troppo complicate per un narratore pigro e di pochi mezzi”, mettendo in luce tutta l’ironia con cui l’opera è scritta. Si tessono rapporti torbidi che raccontano di corruzione, giornalismo sensazionalista e, perché no, amore. L’equilibrio della bilancia che pesa karma e caos si sposta con qualche clic, dando il via a reazioni a catena sulla matematica nascosta dell’opera, lontano dagli occhi del giocatore, con risultati che si rifletteranno soprattutto in campo. Le partite sono un esercizio di tattica e interpretazione, duelli che ricordano addirittura Fire Emblem, con statistiche mutevoli in grado di condizionare contrasti e azioni da gol, difesa e possesso palla. Un gioco di nervi a turni in cui urlare indicazioni dalla gabbia dell’area tecnica, leggendo il match come farebbe un impiegato dell’ISTAT.

Un gioco di nervi a turni in cui urlare indicazioni dalla gabbia dell’area tecnica, leggendo il match come farebbe un impiegato dell’ISTAT

Un po’ di info Football Drama sarà disponibile su Steam, iOS e Android a partire dal 18 settembre, ad un costo di 5.50€.

C’è distacco fisico, ma totale partecipazione mentale. Le opzioni sono poche, atteggiamenti aggressivi che aumentano la fatica (e oltre il 50% bisognerà aspettare, prima di contrastare duramente o rischiare la giocata a centrocampo) o passivi che la abbassano e permettono, coi numeri dalla nostra parte, di mantenere il pallino del gioco. Il talento di Galliano lo si vede però nella maestria con cui gioca letteralmente le sue carte, disegnate con il tagliente sarcasmo di chi il calcio lo detesta (scoprirete tutti i retroscena nella prossima puntata di Gameromancer). Idee, indicazioni, urla dalla panchina verso giocatori che potrebbero seguirle come ignorarle. Cambiare modulo oppure sacrificare l’individualismo sull’altare del Tiki-Taka, tuffarsi in area di rigore o simulare infortuni. Pensieri che Rocco elaborerà nel corso del suo viaggio filosofico, da usare a cinque a cinque nell’infernale catino dello stadio. Fosse però solo una questione algebrica si tradirebbe la bellezza di un calcio certamente grottescom ma sempre carico di pathos, come una tormentata storia d’amore. Il pubblico diventa realmente il dodicesimo uomo, spingendo le squadre, ignorandone i parametri. L’esaltazione dello sfavorito, dell’underdog che può ribaltare una contesa grazie al grido curva, della torcida. Trance collettiva, rituale preistorico che trasforma uomini in eroi. Quando si sentono i tamburi rimbombare per gli spalti è il momento giusto per osare, affondare, anche se fino a un minuto prima erano piovuti cori denigratori al nostro indirizzo. Poi la partita si conclude, il fuoco del tifo si spegne e si affronta la penitenza per i nostri peccati sotto forma di conferenza stampa. Domande sempre uguali cui dare risposte sempre uguali, il che sarebbe un difetto per un titolo che fa del dialogo il suo punto forte, se non fosse che in effetti anche nella realtà sembra di assistere ad un loop post-partita di domande e risposte preconfezionate, poi rimodellate dai quotidiani.

football drama recensione rocco galliano

C’è ovunque una sagacia pungente, uno spiccatissimo gusto per l’allegorico e il desiderio di ridicolizzare certi cliché, certe brutture del calcio, con grande eleganza. Una scrittura mai prolissa ma fenomenale, tra citazionismo e ispirazioni (Pasolini, Shakespeare, Philip K. Dick tra gli altri) che non ne annacquano la personalità, tanto nel descrivere eventi e tratteggiare copioni quanto nei dettagli. Fate caso ai nomi delle squadre, agli allenatori, a loschi figuri come Splatter e Silvio Luciano Poggi, arrivando poi ad achievment geniali da consultare su una pagina creata ad hoc dagli sviluppatori, Football Drama Insights. Dopo una partita, ad esempio, ho deciso di non dare la mano all’allenatore (parodia di un club bianconero blasonato, non ho resisto) e quest’ultimo se n’è andato via inferocito, probabilmente bestemmiando, sbloccando un obiettivo chiamato “Handshake Gate”. Una breve e brillante descrizione con due link a corredo che rimandavano rispettivamente ad un libro di grande ispirazione agli sviluppatori, “Football Clichés” e alla famigerata battaglia dell’Old Trafford del 2017, con la maxi-rissa dopo il triplice fischio tra giocatori e staff di Manchester United e City. Un modo interessantissimo per capire il big bang che ha portato al bisogno di creare Football Drama o semplicemente per scoprire nuovi aneddoti su questo sportspecchio della società.

Un noir sportivo capace di raccontare il calcio attraverso il videogioco come nessuno era mai riuscito a fare

Un noir sportivo capace di raccontare il calcio attraverso il videogioco come nessuno era mai riuscito a fare, senza peli sulla lingua, mettendone a nudo l’essenza politica su note di jazz da piano bar.

Verdetto
8.5 / 10
Romanzo Calcistico gli spiccia casa
Commento
Football Drama potrebbe essere il copione di un’omonima opera teatrale. Il dietro le quinte del calcio che in tanti hanno raccontato su carta e milioni hanno immaginato senza freni inibitori al pub, soprattutto fino all’eruzione di Calciopoli. Tra momenti di esaltazione sportiva e introspezione onirica, Rocco Galliano si racconta e si fa amare senza mezze misure, baluardo di un calcio disilluso, burbero ma ancora romantico. Una visual novel condizionata dalle scelte dello spettatore fuori dal campo, uno strategico semplice ma raffinato sul rettangolo di gioco. Artisticamente ispiratissimo, nelle illustrazioni e nelle sonorità, elegante e graffiante nella scrittura, l’opera Open Lab Games e Demigiant riesce a portare nel videogioco il modo tipicamente italiano di vivere il calcio: complottista ma irrimediabilmente innamorato.
Pro e Contro
Gusto narrativo clamoroso
Match tattici eleganti
Estetica di gran classe

x Certe situazioni poco approfondite
x Una certa dose di casualità nelle partite si avverte comunque