Recensione Animal Crossing X Mario Kart 8

Quasi un anno fa, definimmo scherzosamente Mario Kart 8Il miglior Mario Kart 8 di sempre” non immaginando neppur lontanamente che quanto avevamo scritto sarebbe divenuto realtà nei dodici mesi successivi. Lo scorso Novembre tornammo a parlare degli automobilisti del Regno dei Funghi con il primo dei due DLC annunciati, quello basato sulla serie di The Legend of Zelda, che nascondeva anche parti dedicate ad F-Zero e chiudemmo la recensione dicendo di acquistare ad occhi chiusi anche il secondo contenuto aggiuntivo: lo scorso 23 Aprile Animal Crossing x Mario Kart 8 è approdato su tutti i Wii U allo stesso prezzo del predecessore, soli 8 euro (oppure 12 € per il pack contenente entrambi). In parallelo il titolo di corse Wii U si è aggiornato alla versione 4.1, aggiungendo una nuova classe già temuta da tutti: i 200 CC.

Il sindaco pilota
Il secondo pack si chiama Animal Crossing X Mario Kart 8, dove la X come nel caso di Zelda, sta ad indicare la collaborazione ( o il crossover) tra le due serie.

Mario Kart 8 si sta trasformando in Nintendo Kart
Proprio per celebrarla infatti, il roster dei personaggi di Mario Kart 8 aggiunge tre nuovi piloti: l’Abitante di Animal Crossing, sia maschio che femmina (Classe Media), Fuffi (o Isabel per i puristi) la barboncina aiuto sindaco di Animal Crossing: New Leaf (Classe Leggera) e SkeloBowser, la versione scheletrica del dittatore del Regno dei Funghi (Classe Pesante). Abitante e Fuffi si uniscono quindi a Link nel reparto Guest Star, aumentando le possibilità che entro la fine del ciclo vitale di Wii U, Mario Kart 8 diventi un vero e proprio Nintendo Kart (Nintendo ha rivelato che sono previsti altri DLC fino a Marzo 2016).

Per quanto riguarda i veicoli, anche questa volta ne sono stati aggiunti quattro: La SkeloMoto, una cattivissima motocicletta a tre ruote; lo Scooter Crossing, un vespino rapido e maneggevole (con ruote e deltaplano in coordinato); Lo Scarabuggy, un kart a forma di scarabeo e il Bolide Ala-P, altro veicolo a quattro ruote dotato di alta velocità. A differenza del Kart fulmine e della Blue Falcon, non abbiamo veicoli al limite dell’illegale per quanto riguarda velocità e accellerazione, offrendo semplicemente più varietà nella scelta del mezzo per correre.

[nggallery id=”749″]

8 Piste, 8 euro secondo round
Il lavoro certosino di Nintendo EAD fatto con le otto piste del primo DLC, si ripropone anche in questa seconda ondata, con nuovamente quattro luoghi inediti e quattro rifacimenti di vecchie glorie.

Cura del dettaglio quasi maniacale
Il Trofeo Crossing vede il ritorno del Baby Park da Mario Kart:Double Dash (Game Cube), sette giri di una pista circolare questa volta completamente in antigravità (curioso come pur essendo la più semplice risulti la più caotica dell’intera offerta); si prosegue con la Terra del Formaggio direttamente da Mario Kart Super Circuit (GBA) che regala una landa completamente gialla con salti, curve a gomito e Categnacci affamati; esordiscono poi il Boscodromo, novità assoluta dove i piloti sfrecciano su rami e tronchi e Animal Crossing, una pista da tre giri che in realtà contiene ben quattro versioni, ognuna dedicata ad una stagione diversa, popolata dai simpatici animaletti che hanno reso famoso il simulatore di vita in tempo reale.

Il Trofeo Campanella invece ripropone Koopa City, terrore dei giocatori di Mario Kart 7 (3DS) con una pioggia costante che bagna le cadute dei piloti; Strada del Fiocco, la pista giocattolosa di Mario Kart Super Circuit (GBA) che si dirama tra nastri colorati e enormi Yoshi di lana (oltre che i Toad giocattolo di Mario vs Donkey Kong); chiudono l’offerta la nuovissima Mariopolitana, una corsa sotterrannea tra treni e vagoni, ricca di percorsi alternativi e immancabili tagli, e Big Blue, che un po’ come Mute City a Novembre, si rivela la pista migliore di questo secondo pacchetto, offrendo un contentino a tutti i giocatori che vogliono un nuovo F-Zero.

Animal Crossing X Mario Kart 8 resta impeccabile anche dal punto audio/video, come già detto numerose volte, le piste sono ricche di dettagli che vada dall’increspatura dei nastri di Strada del Fiocco, alla pioggia battente di Koopa city, passando per i modelli poligonali degli abitanti di Animal Crossing, vere mattatrici restano le canzoni che permeano ogni pista e la rendono viva e frenetica.

Con l’aggiornamento 4.0 oltre a nuovi costumi per il Mii tramite amiibo è stata aggiunta gratuitamente per tutti coloro che hanno completato la classe 150 CC (Con la 4.1 è invece diventata disponibile a chiunque), una nuova modalità denominata 200 CC, per la prima volta nella serie i bolidi di Mario Kart sfrecciano incontrollati ed i giocatori sono costretti ad utilizzare il freno, ci sembra doveroso spendere due parole su questa nuova difficoltà, sebbene sia esterna al DLC vero e proprio e non influirà sulla valutazione finale.
Ti presento il tasto B
I 200 CC mettono il giocatore di fronte ad una nuova sfida: per la prima volta in otto capitoli della serie, si è costretti a non basarsi solamente su accelerazione e derapata ma fare un sapiente uso del freno (tasto B).

I 200CC risultano una vera e propria sfida
Molti giocatori non hanno mai sperimentato l’arresto del motore durante una corsa, se non nelle arene battaglia dei precedenti capitoli, dove B era utilizzato anche per le retromarce. I 200CC risultano una vera e propria sfida anche a coloro che contro la CPU non hanno mai sofferto, e regalano numerose soddisfazioni una volta dominate le piste sotto questa nuova visuale; piste che , al contrario di quanto dicono in molti, sono state pensate per essere affrontate anche a questa difficoltà, sebbene spesso la telecamera faccia fatica a star dietro ai corridori (soprattutto nei replay). Con più velocità, alcuni salti diventano più fattibili e richiedono al giocatore di abbandonare i precedenti percorsi e fare in modo di trovarne di nuovi e più utili alla vittoria. È logico pensare che i 200 CC diventeranno da ora una presenza fissa dei prossimi capitoli, un ulteriore ingrediente a quell’enorme pentolone competitivo che è Mario Kart.

Verdetto
Si
DATEMENE ANCORA
Commento
Se avete seguito il nostro consiglio a Novembre, starete già giocando con il secondo DLC di Mario Kart 8 e non avrete bisogno di leggere altro: nel caso contrario però, vi invitiamo a spendere questi 12 euro e portarvi a casa due tra i migliori DLC mai realizzati, contenuti aggiuntivi che realmente aumentano l'esperienza di gioco e lasciano soddisfatti ad ogni corsa. Ci siamo sforzati nel cercare un difetto di questo secondo pacchetto, ma questa volta l'upload dei video ha funzionato da subito, e i contro restano nel gioco originale (speriamo che questo maledetto split screen tra gamepad e tv venga implementato in uno dei prossimi aggiornamenti gratuiti), nel mentre non vediamo l'ora vengano annunciati nuovi pacchetti, magari dedicati a Metroid o a Kirby.
Pro e Contro
Cura del dettaglio maniacale
Colonna Sonora ottima
Qualità-Prezzo vantaggioso per il giocatore

x Non pervenuti (nel DLC)

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion