Anteprima Monster Hunter Rise – Provato approfondito della demo

Provato: Prima di iniziare con la lettura, una dovuta precisazione: rispetto alle altre anteprime che siete abituati a leggere da ILoveVideogames, nel provato di oggi ho voluto sacrificare la componente un po’ più narrativa della mia esperienza per favorire maggiormente un’analisi delle varie meccaniche che la demo può offrire.
In fin dei conti sono il puro gameplay ed i vari tecnicismi che lo circondano a rendere la serie di Monster Hunter quel che è, quindi non c’è modo migliore a mio parere di comprendere le potenzialità del titolo se non adottando un approccio più analitico. Per un racconto più personale sull’esperienza, aspettate la recensione!

Ormai è chiaro: Monster Hunter è diventato un vero e proprio fenomeno di massa, soprattutto col successo di World e della sua espansione Iceborne. E’ quindi molto facile capire perché l’annuncio di Rise durante l’ultimo Nintendo Direct abbia generato un interesse così grande sia negli appassionati della saga che nella fanbase Nintendo (quest’ultima in attesa di nuovi titoli della saga da due anni e mezzo).

A due mesi dal lancio ufficiale del titolo, l’hype che lo circonda è a livelli altissimi, e per dare un piccolo assaggio di quello che ci si potrà aspettare a marzo, Capcom ha rilasciato una breve demo con varie missioni e tutorial. In questo articolo oggi vi parlerò in generale delle mie impressioni su tutto il materiale mostrato, confrontandolo anche con i vecchi capitoli della saga e rimarcando eventuali cambiamenti e modifiche.

Arriva un nuovo contest con fantastici premi!

Prima di iniziare con la disamina effettiva, vi segnalo l’inizio di un nuovo contest da parte dei ragazzi della pagina Facebook Monster Hunter: La Taverna del Cacciatore con cui potrete vincere l’esclusiva Steelbook di Monster Hunter Rise.

Per provare ad essere estratti tra i vincitori, dovrete inviare alla loro pagina Facebook un’immagine o una clip che rappresenti qualche momento particolare della vostra caccia. Potrete quindi scegliere giocate da manuale come fallimenti imbarazzanti, la scelta sarà completamente vostra.

Il nuovo contest di Monster Hunter Rise della Taverna del Cacciatore

Le uniche limitazioni saranno che dovrete inviarle utilizzando la funzione di condivisione di Nintendo Switch, che dovrà essere materiale completamente vostro e che non sono consentiti montaggi o modifiche successive di alcun tipo.

Infrangere una qualsiasi di queste regole vi varrà la squalifica automatica dal contest, quindi state attenti a seguirle con cautela.

Per maggiori informazioni, date un’occhiata al post Facebook del contest.

Dove scaricare la beta, in cosa consiste e come provarla in modo illimitato

Partiamo dalle basi: come ogni demo di titolo per Nintendo Switch, per scaricarla vi basterà andare sull’eShop, selezionare il titolo che volete scaricare e premere su “versione demo” sotto al pulsante per l’acquisto. Il download si avvierà poco dopo. Pesando meno di 2 GB ci metterà relativamente poco. La demo di per sé consisterà in 4 missioni: un tutorial per le nuove meccaniche di movimento, un tutorial per la Cavalcatura Wyvern, una caccia di difficoltà principiante ed infine una di difficoltà media.

Sfortunatamente avrete solo 30 tentativi per provare la demo, dopodiché si bloccherà e non potrete più cacciare. Una limitazione estremamente sconveniente vista l’ampia varietà di armi che potrete utilizzare, ma per fortuna c’è un metodo molto semplice per aggirarla e giocare, quindi, quanto vogliate, fino alla scadenza del periodo di prova (1 Febbraio). Vi basterà cancellare i dati della demo selezionando dalla home Impostazioni e poi Gestione dati. Qui vi basterà selezionare l’opzione Cancella dati, cercare quelli di Monster Hunter Rise Demo e confermare la loro eliminazione. Rientrando nella demo, il numero di tentativi disponibili sarà tornato a 30. Esaurirete tentativi solo effettuando le missioni di caccia, mentre i tutorial saranno illimitati.

Tutte le nuove meccaniche di gameplay

Parlando delle missioni, i due tutorial vi mostreranno alcune delle novità del gioco, cominciando con l’addestramento di base. Qui il maestro Utsushi, uno dei personaggi che incontrerete a Kamura, vi mostrerà diversi elementi fondamentali del titolo, siano essi ricorrenti nella serie o introdotti con questo capitolo. La prima cosa che potrete notare è che da World torna il campo base in cui poter usufruire in qualsiasi momento della cassa oggetti, a cui sembrerebbe sia stata condensata l’opzione di usufruire di un pasto.

Tenda del campo base

A parte questo, comunque, dopo aver esplorato il contenuto della tenda potrete seguire l’NPC fino alla prima area della mappa, dove vi mostrerà come utilizzare una delle meccaniche principali di Rise, gli Insetti filo. Come mostrato dai trailer rilasciati negli scorsi mesi, gli insetti filo sono degli specifici insetti che, se usati dal giocatore, permetteranno di effettuare specifiche manovre di movimento, recuperare l’equilibrio dopo essere stati sbalzati da un mostro e infine utilizzare mosse esclusive con ciascuna arma.

Tutorial Azioni fildiseta

Insetti Filo: Mi raccomando, sono fondamentali gli insetti filo, quindi cercateli e arrivate preparati alla battaglia contro la preda designata. Un insetto in più o in meno potrebbe fare la differenza tra la vita e la morte.

Partendo dalle nuove opzioni di movimento, tenendo premuto ZL con l’arma rinfoderata e premendo in simultanea uno fra A, X e ZR potrete lanciare un insetto ed aggrapparvi ad esso con un filo. Così facendo, potrete utilizzare lo slancio generato per andare, rispettivamente, verso avanti, verso l’alto oppure ovunque voi stiate puntando il mirino. Una qualsiasi di queste azioni consumerà una delle due barre insetto presenti in basso sullo schermo, che richiederanno diverso tempo per ricaricarsi. All’inizio della missione ne avrete due, ma trovando un insetto nella mappa potrete tenerne un’ altra temporaneamente. Inutile dire che la libertà di movimento data da questa meccanica è incredibile, e renderà ancora più interessante esplorare ogni mappa e scovare, quindi, oggetti utili o fauna endemica nascosta.

Uno Scaraneve

Anche durante la caccia potrà tornare molto utile, poiché potrete sfruttarla per accorciare le vostre distanze con il mostro oppure per schivare specifiche mosse come soffi o raggi che altrimenti richiederebbero un timing di schivata preciso. Permetteranno anche un recupero molto più rapido dopo esser stati sbalzati da un attacco, vi basterà premere ZL + B. Se si parla delle cacce di per sé, però, l’applicazione principale degli insetti filo sarà sicuramente per le cosiddette azioni fildiseta.

Il ritorno delle “arti da caccia”

Le azioni fildiseta sono due nuove mosse specifiche per ciascuna arma con svariati effetti specifici, che varieranno dal permettere manovre di movimento specifiche ad infliggere grandi quantità di danni o contrattaccare agli attacchi nemici. Per i fan di Generations e Generations Ultimate sarà ben chiaro come queste nuove mosse siano sostanzialmente assimilabili alle arti di caccia introdotte al loro interno ma rimosse da World.

Le azioni fildiseta del corno da caccia disponibili nella demo

Significa che possiamo aspettarci un ritorno degli stili e varianti dei moveset base? La risposta banale è che ancora non si sa. Alcuni dataminer, però, hanno trovato delle linee di codice molto interessanti. Non essendo purtroppo informazioni al 100% affidabili e considerando che, se fossero vere, non è detto che possano essere presenti nel gioco finale, consiglierei di mantenervi cauti e di tenere a freno l’eventuale hype.

Sempre nei file di gioco sarebbe stato trovato un riferimento al fatto che ciascun’arma avrà 3 diverse azioni fildiseta di cui due interscambiabili, e nonostante il numero finale potrebbe variare, questa giunge come una notizia già praticamente certa, essendo stati presentati in trailer passati azioni fildiseta di specifiche armi che nella demo sono completamente assenti. Per informazioni più specifiche su cosa ogni arma potrà fare nella versione finale, comunque, bisognerà aspettare il 26 Marzo.

Il Canyne, un nuovo compagno che ci assisterà nella caccia

Dopo aver imparato le nuove manovre di movimento, Utsuchi vi introdurrà ai nuovi compagni utilizzabili per la caccia, i Canyne, che altro non sono che la controparte canina dei Felyne.

Canyne e Felyne

Attenti al cane: Sui Canyne potremmo anche curarci, rendendo meno frustrati tutti gli spostamenti in mappa. Se a questo ci aggiungiamo la mobilità di mappa degli insetti filo e la rapidità del canide, otteniamo un mix di velocità esplosivo e senza precedenti.

I Canyne in generale potranno servire come aiuto attivo durante il combattimento, essendo forniti di armi con cui possono attaccare il nemico, però dai trailer mostrati sembra che potranno anche utilizzare oggetti specializzati . La loro funzione principale, però, è senza dubbio di mezzo di trasporto tra le varie zone di ogni area. Tenendo premuto A o con una specifica emote, infatti, potrete cavalcarli ed utilizzare varie manovre di movimento per arrivare molto rapidamente ovunque desideriate, diminuendo in modo considerevole il tempo che passerete in viaggio.

Potranno inoltre saltare o affrontare curve molto strette premendo, rispettivamente, ZR o ZL. Con quest’ultimo accelererete anche all’improvviso per qualche secondo. Nella demo sono molto utili perché sono assenti punti di spawn intermedi nella mappa. Ma anche qualora tornassero (e ci sono diversi indizi a favore) rimane un mezzo di trasporto estremamente più rapido del cacciatore a piedi.

Cacciatore su un Canyne

L’unica incognita resta la loro invasività in combattimento. Come per i Felyne prima di loro, avere un’altra entità che attrae l’attenzione nemica rischia di spezzare il ritmo della caccia e rendere le mosse del mostro un po’ più imprevedibili. In attesa quindi di comprendere il suo ruolo nella release finale, per ora sembra una solida aggiunta al gameplay.

Torna la fauna endemica!

Monster Hunter World
Per approfondire:
Monster Hunter: World

Sempre parlando di esplorazione, in Rise sono stati introdotti diversi aspetti chiave di World, come la mappa senza caricamenti tra le aree e la fauna endemica, apportando però a quest’ultima delle sostanziali differenze. Senza tener conto dei nuovi effetti e bonus che daranno, la principale novità che li riguarda è che gli animaletti potranno essere (quasi tutti) raccolti fisicamente e poi utilizzabili come un normale oggetto, risultando quindi essere molto meno situazionali di quanto erano nel predecessore.

Alcuni, stranamente, vanno pure a sostituire diversi oggetti specializzati da World, mettendo quindi in discussione un possibile loro ritorno (ad esempio, la Lumacura è in tutto e per tutto un Bengala curativo, mentre la Fetorbestia ha lo stesso effetto di un Mantello sfida).

Tutorial fauna endemica

Ne potrete portare al massimo 5, ma saranno comunque più che sufficienti per avere un impatto considerevole sulla vostra caccia. Alcuni scarabei che troverete in giro per la mappa vi permetteranno addirittura di applicare alle vostre prede i cosiddetti elemental blight, degli effetti secondari che variano in base all’elemento e che prima erano sfruttabili solo dai mostri contro i cacciatori.

Nella demo non è possibile sapere precisamente se ciascun blight avrà anche un effetto passivo, ma da quel che si può vedere applicheranno i seguenti status:

Il Mizutsune rallentato è esilarante

Un nuovo sostituto per il rodeo – la Cavalcatura Wyvern

Nell’ultimo trailer rilasciato per Rise è stata mostrata per la prima volta la Cavalcatura Wyvern, una nuova meccanica che sostituisce il rodeo dei titoli passati e che permetterà ai cacciatori di prendere temporaneamente il controllo di un mostro, manovrandolo nei movimenti, costringendolo ad attaccare ed atterrandolo rapidamente. Nella demo le hanno dedicato un intero tutorial, e a tutti gli effetti sembra essere un rodeo più rapido ed efficace.

Per effettuarlo, dovrete innanzitutto colpire a sufficienza il mostro desiderato con azioni fildiseta e attacchi in salto, finché non subirà uno stordimento temporanea e potrete salirgli in groppa (premendo A o attaccandolo).

Esempio di mostro cavalcabile

In sella: Dai trailer mostrati potrete cavalcare e usare le mosse di qualsiasi mostro, Tigrex e altre leggende comprese. Inutile dire che sarà una delle meccaniche di punta di questo titolo, visto che sfrutta molto gli insetti filo, marchio di fabbrica del mondo di Rise.

Come accennato in precedenza, mentre sarete sul mostro potrete controllare i suoi movimenti, effettuare due attacchi leggeri o pesanti, schivare e lanciarlo contro una parete. Gli attacchi vi saranno utili giusto se sarà presente un altro mostro che vorrete prender di mira, ed infliggeranno anche danni niente male. Attaccandolo abbastanza potrete anche caricare la barra degli attacchi ed effettuare una potente mossa chiamata Punitore Cavalcabile, atterrando il mostro nemico.

Potrete comunque essere attaccati durante la cavalcatura. Per evitare di essere colpiti potrete premere B e utilizzare un insetto filo per schivare. Schivando appena prima di esser colpiti potrete anche effettuare una sorta di counter attack, oltre a caricare la barra del Punitore Cavalcabile. Nel caso non vi serva però affrontare altri mostri, vi converrà abbattere subito il mostro lanciandolo contro una parete con Y.

Se premerete anche B dopo averlo lanciato contro la parete riacquisirete equilibrio, non venendo disarcionati ma infliggendo comunque ingenti danni, al costo di un insetto filo. Fatelo ancora finché non avrete esaurito tutti gli insetti per atterrare il mostro e infliggere degli ottimi danni.

Un mostro atterrato dopo la Cavalcatura Wyvern

Inutile dire che un sistema così rapido per atterrare il mostro è estremamente meno macchinoso e invasivo del rodeo classico, e se uniamo la non necessità di effettuare colpi aerei e la sua rapidità, è molto facile che venga utilizzata in modo più efficace rispetto agli altri titoli. Rimangono però alcuni dubbi: innanzitutto, stordire con la cavalcatura svuota ancora le barre di stag, rendendo quindi più difficile atterrare il mostro nuovamente? Al momento è impossibile da dire, per cui bisognerà aspettare la release.

E’ molto scomodo anche che non esista modo per evitare la cavalcatura se soddisfatti i requisiti, rendendola quindi obbligatoria in alcune situazioni anche se non si vorrebbe. Per cui, in definitiva, ottima modifica, ma necessita di qualche aggiustamento per essere considerata perfetta.

Tutti i mostri cacciabili

Ovviamente, per quanto riguarda i mostri grandi, posso solo parlare di quelli forniti dalla demo, quindi di Arzuros, Rathian, Gran Izuchi e Mizutsune. Dei primi due nulla da dire: come design sembra siano andati verso una via di mezzo tra lo stile più essenziale e colorato dei MH classici e quello più realistico di World, risultando comunque molto gradevoli da vedere.

Per la caccia di per sé, i loro moveset sono rimasti sostanzialmente gli stessi, quindi se li avrete affrontati abbastanza in capitoli passati non avrete problemi a gestirli di nuovo. Il Gran Izuchi è uno dei nuovi mostri di Rise, ed è un classico Bird Wyvern introduttivo non particolarmente difficile.

Missione del Gran Izuchi

La sua peculiarità sarà di utilizzare molto la coda per attaccare (come se fosse una sorta di spada) ed avrà due Izuchi più piccoli che effettueranno diversi attacchi sincronizzati, ma a parte quello potrete abbatterlo senza troppe difficoltà.

Il Mizutsune, infine, è il vero mostro impegnativo della demo. Oltre al classico moveset che aveva in Generations e Generations Ultimate, avrà qualche nuovo attacco che potrebbe mettere in difficoltà l’ignaro cacciatore di mostri. Si parla principalmente di soffi d’acqua, ma in stato di rage adesso potrà anche approfittare della sostanza viscida da lui prodotta per attaccare scivolando, risultando a tratti più difficile da prevedere e schivare.

Caccia al Mizutsune

Oltre a questo comunque resta un normale Mizutsune, quindi dopo qualche tentativo dovreste essere più che in grado di abbatterlo.

In generale ho apprezzato il Gran Izuchi per quel che è ed adorato le modifiche al Mizutsune, soprattutto perché si adattano perfettamente al suo tema. Ora spero solo che tutte le cacce del gioco finale siano così divertenti, e che soprattutto ci sia abbastanza varietà.

Aggiornamento: arriva la missione del Magnamalo!

Dopo il recente aggiornamento alla demo, i cacciatori di tutto il mondo potranno avere finalmente un assaggio del mostro di copertina di Rise, il Magnamalo.

La missione del Magnamalo nella demo

La caccia però sarà molto più complessa della sua controparte nel gioco originale, sia a causa dei set limitati che dei soli 15 minuti concessi per abbatterlo prima che la missione fallisca.

Per questo motivo, vi consiglio di dare un’occhiata alla nostra guida su come affrontarlo per capire al meglio come portare a compimento la complessa battaglia.

Considerazioni finali

Schermata conclusiva a fine missione

Concludendo questo sguardo alla demo, mi sento estremamente soddisfatto da quanto mostrato. Le cacce sono divertenti, le nuove meccaniche sembrano integrarsi molto bene al gameplay e anche dal punto di vista tecnico non vi sono grossi difetti, mantenendo i 30 FPS fissi sacrificando molto poco per quanto riguarda l’impatto visivo.

Restano comunque problemi qua e là, come la Cavalcatura Wyvern che necessita di qualche ritocco, alcune icone a bassa risoluzione (quelle dei mostri in alto a destra nell’HUD soprattutto) e un singolo bug che crea latenza se si ha una lista amici molto grande. A parte questo, mi sento di promuoverla a pieni voti.

Se anche il prodotto finale manterrà una buona la qualità, potremo veramente essere davanti ad una nuova killer application per Switch. Sarà il Monster Hunter definitivo? Al momento c’è troppo poco da giudicare e sarà probabilmente assente anche il G Rank. Ma chi lo sa.

Pero ora, vi consiglio caldamente di provare la demo e di giudicare voi stessi la nuova creazione di Capcom.

Commento
La demo di Monster Hunter Rise ha chiarito molti dubbi sulle nuove meccaniche di gioco annunciate ed è riuscita ad essere soddisfacente sotto tutti i punti di vista. Adesso bisognerà aspettare la release ufficiale per confermare tutti i grandi meriti che questo titolo sembra avere
Pro e Contro
Le azioni fildiseta
Frame Rate stabile
Esplorazione molto rapida

x Alcune icone in bassa risoluzione
x Numero massimo di tentativi

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion