Alanah Pearce, Australiana di nascita e Californiana per lavoro, è stata bersagliata di insulti e minacce dopo aver annunciato di essere entrata a far parte di Sony Santa Monica, come Junior Writer.

Troppo sudore per Alanah

La giovane giornalista, scrittrice e conduttrice australiana è stata accolta calorosamente dal team di sviluppo di God of War e Twisted Metal dopo essere stata, come in qualsiasi lavoro, attentamente valutata. Purtroppo per lei, e per Sony Santa Monica, non è stata considerato un grave fattore che pesa a suo sfavore: purtroppo, Alanah Pearce, ha la vagina.

Impensabile, che una donna, peraltro simpatica e purtroppo per lei anche attraente, lavori nella casa di sviluppo del gioco più testosteronico e sudato che abbia mai visto Playstation. Inaccettabile che in God of War, che solo a pronunciarne il nome viene voglia di smontare un carburatore e mettere a grigliare 75 Kg di costine strappate a mano da un maiale, lavori una ragazza, bionda, sorridente, e con nemmeno un po’ di baffi.

Alanah, se solo ti fossi chiamata Gennaro

La lettera scarlatta

A metterla in croce per le sue colpe, ovviamente, ci ha pensato internet, che ha immediatamente messo in atto una campagna per ricordarle il suo ruolo di “personalità di internet” ed “influencer“, versione moderata e politically correct di “tu pensa a mettere le tette su instagram e lascia stare il lavoro vero”. Come in tutte le campagne diffamatorie che si rispettino, ovviamente, internet si è però guardato bene dal menzionare che Alanah è stata doppiatrice e scrittrice di titoli come Cyberpunk 2077 e Gears 5 (ultimo capitolo della serie di Gears of War, altro titolo che distribuisce testosterone a colpi di fucile-baionetta con motosega), oltre che giornalista e sceneggiatrice a IGN e Rooster Teeth (ruolo per il quale si è trasferita a Los Angeles), producendo programmi quali Gaming Weekly e Inside Gaming.

Insomma, non proprio l’ultima arrivata nel settore.

Alanah Pearce VS. The world

Alanah Pearce, per fortuna, non è nuova alle accuse e alle minacce su internet, e non manca di una sana dose di cazzimma (ndr, “furbizia, bastardaggine”). Non molto tempo fa, infatti, è stata al centro di un polverone dopo che, in seguito a numerose minacce di morte e di stupro, ha deciso di mandare i messaggi che aveva ricevuto alle madri degli autori, provocando il risultato atteso: data l’età media dei responsabili, a letto senza cena e niente Playstation per una settimana.

Non si può, guardando la vicenda in corso, non ricordare con amarezza la storia di Isadora Basile, conduttrice di Xbox Brasil, costretta, a forza di insulti e minacce di stupro e morte, prima ad abbandonare casa propria e rifugiarsi da un’amica, e in seguito a rinunciare al suo legame con Microsoft. Insomma, internet ha imparato che a colpi di odio e violenza si può tutto, soprattutto se il bersaglio è una ragazza.

Per fortuna, in questo caso Sony Santa Monica è corsa ai ripari, annunciando di aver sostituito la giornalista Australiana, Alanah Pearce, con un nuovo Junior Writer: Alemanno Pirzoli

A nome di tutta la redazione, auguriamo a questo giovane e talentuoso professionista tutto il meglio, e ci auguriamo di vederlo presto al lavoro su God of War 2 e sugli altri titoli di Sony Santa Monica.

Se Mulan ci ha insegnato qualcosa, è che se non ti fingi un uomo, non vai da nessuna parte. In bocca al lupo Alanah… ehm… Alemanno.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion