Il confine tra reale e virtuale è sempre stato molto netto, ma con l’emergenza coronavirus la situazione potrebbe cambiare

I videogiochi non sono la realtà. Idem per i social network. Quante volte ci hanno detto di spegnere la Play Station e tornare nella vita reale? O di smettere di chattare per interagire con le persone vere? Come se esistesse un confine tra reale e virtuale, come se il virtuale non fosse a pieno titolo parte della realtà in cui viviamo. Chiedetelo a chi intraprende relazioni online. Chiedetelo a chi giocando prova forti emozioni, le stesse di chi guarda un film o legge un libro. Chiedetelo alle vittime di cyberbullismo, o alla madre che grazie alla VR ha potuto interagire con la figlia morta.

Chiedetelo un po’ a chiunque, in questi giorni. A chi stando in casa a causa dell’emergenza Coronavirus ha rivalutato in positivo la “non-realtà” del mondo virtuale: mai come in quarantena saranno apprezzate le chat, le video chiamate e i videogiochi online. Strumenti di evasione e connessione, non di isolamento.

videogiochi realtà virtuale diploma coronavirus minecraft
L’episodio di Black Mirror “Striking Vipers” fa riflettere sul rapporto tra reale e virtuale

Chiedetelo ai bambini giapponesi che si sono diplomati su Minecraft

In Giappone l’anno scolastico si conclude a marzo, e una classe di bambini ha ideato una cerimonia alternativa. Non potendosi radunare per celebrare la conclusione del ciclo delle scuole elementari a causa del coronavirus, hanno svolto la consegna del diploma su Minecraft. I bambini hanno riprodotto la sala della cerimonia e simulato la celebrazione, passando virtualmente insieme la giornata di festeggiamenti. Si sono divertiti, hanno fatto ciò che non avrebbero potuto fare altrimenti. Magari una volta conclusa la pandemia da Covid-19 si terrà anche la cerimonia reale, ma di sicuro questi bambini avranno qualcosa da raccontare una volta cresciuti.

Minecraft, con la sua capacità di creare mondi, è il gioco protagonista dell’emergenza coronavirus. Anche a New York gli studenti hanno riprodotto la loro scuola, la Bronx High School of Science, su uno dei server online. La quarantena forzata ha fatto accadere l’impensabile: ai ragazzi manca andare a scuola. Ma non ci sono solo esempi di iniziative private, in Polonia infatti è il governo stesso ad utilizzare Minecraft per invitare i ragazzi a stare a casa. Il server aperto dal governo fa parte di un’iniziativa più ampia, chiamata “Grarantanna”, che ha anche risvolti educativi. Minecraft, infatti, cammina da tempo a braccetto con l’educazione, dato che in molti casi è utilizzato in prima persona come strumento didattico.

videogiochi realtà virtuale diploma coronavirus minecraft
Foto della cerimonia svoltasi su Minecraft, da Twitter

Ma lungi da me affermare che il coronavirus sia una cosa positiva…

Niente fraintendimenti. Anzi, restate a casa e videogiocate seguendo i consigli della nostra guida. Spero solo che, come da ogni altra cosa, potremo imparare. Potremmo capire che il digitale non è il male, che una relazione interpersonale a distanza è una relazione sociale a tutti gli effetti. Che tra giocare a pallone in cortile o a Fifa insieme a un amico non c’è poi tutta questa differenza. Che il virtuale, social media o videogiochi che siano, sono la realtà che noi viviamo, e producono effetti reali.

Potremmo capire che il confine tra reale e virtuale, in realtà, non esiste.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion