Live #0: Di che colore sono i soldi su iCrewPlay?

Recensione SteamWorld Dig (PS4,PSVita)

Lo scorso Agosto, tra i numerosi titoli indie disponibili in digitale sull’eShop di 3DS fece capolino SteamWorld Dig: A Fistful of Dirt (da ora solo SteamWorld Dig) sviluppato dagli svedesi Image&Form.
Forte dell’acclamato successo ottenuto sulla portatile Nintendo, lo scorso Dicembre SteamWorld Dig esordì su PC tramite Steam, mostrando una nuova interfaccia grafica e unendo gli elementi dello schermo inferiore in un’unica schermata.
A sette mesi dalla prima uscita, il titolo di Image&Form arriva anche su console Sony, in una comoda opzione Cross-Buy, che permette con un unico acquisto, la possibilità di avere il gioco sia su PSVita che su PS4.

SteamBot Rusty

Il protagonista di SteamWorld Dig è uno SteamBot (ovvero un robot a vapore) appena arrivato nella città di Tumbleton per ereditare una miniera dallo zio Joe, sfortunatamente deceduto.
Dopo aver recuperato il piccone dalle fredde mani del parente, Rusty si addentrerà nella miniera per scoprire il segreto del defunto robot.
Rusty otterrà diversi power-up, tra cui una trivella e un pugno a vapore, tramite la risoluzione degli enigmi nascosti nelle stanze che incontrerete durante gli scavi; gli strumenti saranno potenziabili tramite i minerali che estrarrete nella vostra discesa e rivenderete a Dorothy in superficie.
La trama di SteamWorld Dig fa solo da mero contorno al gioco, che si protrae per circa sei ore almeno la prima volta che si affronta la discesa.
La rigiocabilità di SteamWorld Dig è determinata dalla voglia di migliorare il proprio tempo grazie ai punteggi finali che metteranno alla prova i giocatori più navigati secondo diversi criteri (tempo,vite perse,monete,globi) e grazie ai minerali che verranno riposizionati ad ogni nuova partita, garantendo così un’avventura sempre diversa.

Hasta la Vista Rusty

Il gameplay di SteamWorld Dig è principalmente impostato come un metroidvania, ovvero un platform a due dimensioni in cui per proseguire è necessario ottenere dei potenziamenti per rivelare luoghi altrimenti inaccessibili.
Rusty avrà a disposizione un serbatoio d’acqua (espandibile) da trasformare in vapore per azionare la trivella e il pugno a reazione , che potrà ricaricare nelle rare pozze sparse nella miniera.
Inoltre lo SteamBot è dotato di una lanterna ad olio (anche questa potenziabile) che si consumerà col tempo e sarà ricaricabile solo tornando in superficie (utilizzando il teletrasporto o semplicemente risalendo a ritroso il percorso scavato).
Più acquisterete potenziamenti, più il gioco diventerà semplice, lasciando a Rusty la possibilità di sconfiggere i nemici o di ignorarli per giungere all’obiettivo finale: come già detto i power-up si otterranno convertendo i minerali raccolti in monete e acquistandoli dai cittadini di Tumbleton.
Dopo i primi minuti di gioco, necessari per prendere la mano con le meccaniche ideate da Image&Form, SteamWorld Dig è capace di rapire il giocatore e far passare intere ore a scavare grazie ad un gameplay semplice ed assuefacente che sicuramente non faranno pentire dell’acquisto.

Il Buono, Il Brutto ed  il Robot

La vera ed unica differenza dalla versione 3DS di SteamWorld Dig è l’aspetto esteriore, i modelli 2D sono puliti e curati al minimo dettaglio e risaltano definiti dai sottili bordi neri grazie allo schermo OLED di PSVita, che dona nuova linfa ai colori dell’avventura di Rusty.
Come già successo nella versione PC, anche su PS4 e PSVita, tutte le icone presenti sul touch screen di 3DS (la borsa dei minerali e la mappa) sono riportate sull’unico schermo di gioco, non risultando per niente invasive.
Inoltre il gioco è stato finalmente tradotto in italiano, sebbene l’inglese utilizzato non fosse complesso, è un’aggiunta ulteriore per coloro che finora si sono tenuti alla larga dal titolo.
Il comparto audio è invece rimasto lo stesso, con brani non memorabili ma che forniscono la giusta atmosfera western alle imprese di Rusty.
Purtroppo non sono state aggiunte ulteriori novità a queste due nuove versioni di SteamWorld Dig trasformando il pregevole titolo di Image&Form in un semplice porting.

Verdetto
9 / 10
Aspettiamo con ansia la Quinta Versione
Commento
Se non avete ancora giocato SteamWorld Dig in una delle sue precedenti versioni, questa è l'occasione giusta per rimediare. Tra le due versioni analizzate il gioco da il meglio su PSVita, ma la pulizia del comparto grafico è apprezzabile anche su PS4. Rimarrete, è proprio il caso di dirlo, sotterrati dal grandioso lavoro di Image &Form, che ci regala una nuova versione per uno degli indie migliori dello scorso anno.
Pro e Contro
Grafica 2D ben dettagliata
Assuefazione assicurata
Cross-Buy PSVita-PS4

x Nessuna grande novità rispetto alle altre versioni