Recensione Shovel Knight (PS4 e Xbox One)

Dopo l’esordio dello scorso Giugno su PC, e l’arrivo postdatato sui Wii U e 3DS europei del passato autunno, l’acclamato platform di Yacht Club Games arriva armato di pala anche su PlayStation 4, PlayStation 3, PlayStation Vita (Con Cross-Buy e Cross-Save) e su Xbox One al prezzo di 14,99 €. Scopriamo insieme se vale la pena ricomprare Shovel Knight o prenderlo per la prima volta.

Versione Testata: PlayStation 4

Due cavalieri alla Torre del Destino
Shovel Knight e Shield Knight scatenano una potente maledizione mentre esplorano la Torre del

un tributo ai platform dell’era 8 bit
Destino, l’eroe armato di pala è l’unico a riuscire a fuggire mentre la compagna viene data per dispersa. Depresso, Shovel Knight si ritira dalle scene, lasciando le terre alla mercé della terribile Incantatrice e del suo ordine di cavalieri. Quando capisce che Shield Knight è ancora viva, il cavaliere dall’armatura azzurra decide di partire e sgominare la minaccia, tornare alla Torre del Destino e salvarla. Questa la semplice trama imbastita da Yacht Club Games in un titolo che è un tributo ai platform dell’era a 8-bit ma che al contempo risulta un platform moderno e fresco che nulla ha da invidiare a produzioni ben più grosse. Per completare la prima volta Shovel Knight sono necessarie circa sei ore, nel corso delle quali affronterete gli Otto Cavalieri al servizio dell’Incantatrice ed esplorerete le lande a due dimensioni ricche di segreti e collezionabili. Proprio le battaglie ai boss rappresentano sicuramente i momenti migliori del titolo, con veloci scambi di battute che fanno da preambolo a lotte all’ultimo sangue.

Tra gli extra aggiunti da Yacht Club Games in queste nuove versioni troviamo la16471197594_590850fa6a_o presenza di Kratos di God of War su console Sony e dei Battletoads su Xbox One; il Fantasma di Sparta è un boss segreto e per poterlo affrontare bisognerà trovar eun particolare oggetto in un determinato luogo, una volta sconfitto Shovel Knight otterrà un’armatura extra in grado di scatenare l’ira degli dei. Nulla in più oltre questi ospiti speciali rispetto ai contenuti delle precedenti versioni, ma come ormai ben noto a chi segue il titolo, nel corso del 2015 Yacht Club Games rilascerà DLC gratuiti con nuove trame dedicate a Plague Knight, Spectre Knight e King Knight, oltre che nuove modalità e una battle arena a quattro giocatori (ma ci torneremo a tempo debito più avanti quest’anno).

È ora di scavare
Shovel Knight è un platform che strizza l’occhio a veri e propri pilastri del genere, dalla mappa ispirata a quella di super Mario Bros. 3, ai muri finti che portano a zone nascoste in stile Mega Man, passando per il particolare Pogo Jump che ha reso famoso DuckTales (e che è stato ripescato anche da Donkey Kong Country Tropical Freeze), tutto accompagnato a personaggi carismatici e dotati di un moveset unico e originale. Per quanto riguarda il nostro cavaliere, dovrà farsi largo tra nemici, spuntoni, fiamme e piattaforme semovibili saltando con X (il pogo jump si effettua tenendo premuta la freccia in basso dopo il salto), attaccando con Quadrato (o Cerchio) e utilizzando le speciali reliquie con Su+Quadrato, quest’ultime potranno essere acquistate nel villaggio principale o nei covi dei Cavalieri e doneranno a Shovel Knight i poteri più disparati: da un utile canna da pesca ad un paio di pugni dorati in grado di distruggere blocchi di terra, passando per un amuleto che lo renderà invincibile per qualche secondo fino a delle sfere mortali per gli avversari. Le reliquie utilizzeranno punti Magia, per aumentarne il contatore basterà pagare l’alchimista situata anch’essa nel villaggio principale insieme al cuoco (che aumenterà la salute in cambio di buoni pasto) e nel secondo paese i due fabbri in grado di migliorare l’armatura e aggiungere nuove tecniche alla pala.

Se il Cavaliere blu dovesse soccombere, cadendo da un dirupo, sconfitto da un nemico, o infilzato su degli spuntoni, perderà una parte del bottino raccolto, che come le anime di Dark Souls resteranno ad aspettarvi nel punto in cui avete esalato l’ultimo respiro, ovviamente, come nella serie di Miyazaki, se doveste morire un’altra volta prima di recuperarlo, il tutto svanirà in una nube di pixel. Shovel Knight ha

I trofei sono una vera sfida
un gameplay pressapoco perfetto ed ogni errore che porterà la morte del cavaliere non sarà mai colpa del gioco ma bensi del giocatore poco attento o reattivo: fortunatamente nella prima partita avrete a disposizione numerosi check point in ogni livello, rendendo la morte si costante ma meno frustrante.
Le vere sfide sono nascoste in quelli che nelle precedenti versioni erano trofei interni, ma che su console Sony si trasformano in una vera caccia al trofeo di Platino, con richieste studiate per i giocatori hardcore come completare il gioco senza morire o in meno di un’ora e mezza ( il record mondiale è di 48 minuti), tramutando il titolo di Yacht Club Games in uno dei platini più difficili disponibili.

10986185_10206639392251242_3183232003493543333_n

Blu è bello
Abbiamo già commentato positivamente il comparto artistico e stilistico di Shovel Knight, che si mostra nello stesso identico aspetto delle precedenti edizioni, in una grafica colorata che alterna gamme calde a livelli completamente freddi. La versione PlayStation 4 colore inoltre il Led luminoso del dualshock4 a seconda dell’armatura indossata dal Cavaliere con la pala, mentre su PlayStation Vita è integrato il retropad, che rivelerà alcuni easter eggs sparsi per le lande del titolo. Il giocatore può passare quando vuole da una versione all’altra grazie al comodo Cross-save, così da poter proseguire le avventure di Shovel Knight anche quando non è a casa.
Anche la colonna sonora resta praticamente la stessa delle precedenti versioni, con l’aggiunta del tema di God of War sempre ricomposto da Jake Kaufman, storico compositore chiptunes.

Verdetto
8.5 / 10
Sto prendendo Shovel Knight su PS4, è bello?
Commento
Dopo l'esordio su PC, Wii U e 3DS lo scorso anno, Shovel Knight arriva finalmente sulle altre piattaforme. Non avete più scuse per non giocare il platform quasi perfetto di Yacht Club Games, uno dei migliori indie degli ultimi anni che saprà regalarvi soddisfazioni sia che lo giochiate una volta, sia che puntiate alle sfide più difficili per completarlo al 100 %. Un acquisto che non può mancare nella vostra libreria digitale. Se avete già una delle precedenti versioni tuttavia valutate bene l'acquisto solamente nel caso vogliate provare la sfida di affrontare Kratos o i Battletoads (i pesonaggi esclusivi per console Sony e Xbox One), perchè a livello di contenuti non ci sono differenze sostanziali, così come i DLC previsti per quest'anno arriveranno su tutte le edizioni attualmente disponibili.
Pro e Contro
Cross Buy/Save sulle versioni Sony
Platforming quasi perfetto
Colonna sonora fenomenale

x Ancora qualche errore di traduzione
x Oltre Kratos/Battletoads assenza di extra

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion