Recensione
di
il

Life is Strange: Before the Storm non è riuscito a convincere tutti, ma si prepara con questo episodio aggiuntivo a porre rimedio ai propri “errori” del passato!

Di episodio in episodio, Life is Strange è riuscito nel difficilissimo intento di raccogliere una vera e propria community di appassionati che, innamorati dello stile narrativo di Dontnod Entertainment hanno subito provveduto a diffondere il verbo e a far nascere una serie infinita di illustrazioni, cosplay, omaggi e qualsivoglia elemento legato alla storia di Max e Chloe.

In attesa del secondo capitolo, che a quanto pare vanterà una nuova storia legata a nuovi personaggi, i ragazzi di Deck Nine si sono occupati della realizzazione di un prequel dedicato al rapporto tra Chloe e Amber, solo accennato nei cinque episodi della serie principale. Per quanto si tratti di un prodotto di ottima qualità, Life is Strange: Before the Storm non è riuscito a colpire il cuore dei giocatori con la stessa potenza del titolo Dontnod, a causa molto probabilmente di un’aspettativa molto alta da soddisfare. Al lancio del primo capitolo (di tre) era stato annunciato che, in coda alla miniserie, sarebbe stato reso disponibile per tutti coloro che avessero preordinato il titolo un episodio bonus, nel quale saremmo tornati a interpretare Max Coulfield. Con una manovra poco elegante, qualche mese dopo il rilascio dei primi episodi, Deck Nine ha comunicato che il contenuto “esclusivo” sarebbe stato reso disponibile anche a tutti coloro che avessero comprato la copia fisica, in uscita proprio in questi giorni. Prima di passare alla recensione del suddetto episodio bonus, ci sentiamo di evidenziare come questa mossa commerciale non ci sia andata particolarmente a genio, dimostrandosi poco rispettosa nei confronti di tutti coloro che hanno deciso di dare dei soldi anticipatamente per preordinare il gioco.

Non esageriamo nel dire che, senz'ombra di dubbio, Life is Strange: Before the Fall - Addio è il capitolo meglio scritto di tutta la miniserie targata Deck Nine

Condividi
speciale
Galeotto fu: Life is Strange (Guida al finale migliore)
Spesso quando si parla di prodotti capaci di infiammare pagine su pagine di discussione, specie se il dibattito sopravvive per diverso tempo dopo l’uscita del titolo, si appioppa al titolo di turno la nomea di aver “diviso” il pubblico. E Life is Str...
Versione testata: PlayStation 4
Il potere dell’amicizia
La narrazione presenta un paio di colpi di scena dal forte impatto, ma è soprattutto la qualità dei dialoghi a stupire

Non esageriamo nel dire che, senz’ombra di dubbio, Life is Strange: Before the Fall – Addio (da qui chiamato anche solo “Addio” per comodità) è il capitolo meglio scritto di tutta la miniserie targata Deck Nine. La trama è ambientata pochi giorni prima della partenza di Max da Arcadia Bay e ci mette nei panni della protagonista della serie principale, costretta a dire all’amica che molto presto dovrà traslocare con la propria famiglia. La narrazione presenta un paio di colpi di scena dal forte impatto, ma è soprattutto la qualità dei dialoghi a stupire. La chimica tra Max e Chloe è qualcosa di non replicabile e che, fin da subito, saprà fare la gioia di tutti gli amanti del capostipite realizzato da Dontnod. Ogni linea di dialogo è gestita alla perfezione, facendo emergere i caratteri differenti delle due ragazze e continuando, allo stesso tempo, a giocare con citazioni e riferimenti a quello che accadrà anni dopo a Max, facendo sicuramente impazzire tutti gli appassionati. Peccato, però, per qualche piccolo errore di continuity nella parte finale che, per non rovinarvi l’esperienza, possiamo solo dirvi essere davvero marginale e neanche minimamente capace di minare la splendida esperienza di gioco. Esperienza che, però, dura leggermente meno di un episodio normale, attestando la longevità tra l’ora e mezza e le due ore. Con questo episodio bonus si chiude definitivamente la storia di Max e Chloe, ma siamo certi che sapranno rimanere sempre presenti nei cuori di tutti coloro che hanno giocato (e amato) questa prima incarnazione di Life is Strange.

Vecchi lupi di mare!
Life is Strange Before the Storm: Addio non si discosta di molto dai capitoli precedenti per quanto concerne il gameplay

Per quanto riguarda il gameplay, Life is Strange: Before the Storm – Addio non si discosta di molto dai capitoli precedenti, presentando una forte componente narrativa e qualche piccolo puzzle ambientale giusto per mantenere alta l’attenzione del giocatore. Non nascondiamo che, a livello prettamente ludico, “Addio” si dimostri un episodio abbastanza deludente, ma siamo dell’idea che questa puntata bonus avesse come solo scopo quello di riuscirea emozionare il giocatore e non quello di presentare un gameplay particolarmente innovativo e sorprendente. Ottime le scelte di dialogo che, come sempre, fanno sentire il peso delle proprie risposte e che permettono a ogni singola linea di dialogo di essere utile per la caratterizzazione delle protagoniste.

Il sole splende ad Arcadia Bay
Nessuna novità anche per quanto riguarda il comparto tecnico

Nessuna novità anche per quanto riguarda il comparto tecnico, con modelli poligonali non sorprendenti, ma più che discreti per una produzione di questo tipo. Discorso molto simile per le animazioni e per gli effetti di luci e ombre, nonostante quest’ultime siano state sfruttate particolarmente bene in un paio di scene. A dir poco ottimo il sonoro, con una soundtrack sempre d’impatto (ormai vero marchio di fabbrica della serie) e con un doppiaggio semplicemente ineccepibile, che vede il ritorno delle voci originali di Max e Chloe. Del tutto assenti bug tecnici di qualsiasi tipo, cosa che ormai non dovrebbe più stupirci, ma che ci teniamo comunque a precisare.

speciale
Life is Strange: Quello che ho notato rigiocandolo
Di solito non sono consono rigiocare titoli prettamente narrativi (soprattutto quelli a scene multiple): a meno che non si ottengano ricompense compiendo scelte diverse,  preferisco mantenere intatta la mia storia. Così doveva andare anche con ...
The request must contain the parameter Signature.
In conclusione...
8.5
“Max, Chloe: mi mancherete!”
Life is Strange: Before the Storm - Addio è esattamente quello che volevamo trovarci tra le mani con questo episodio bonus. Una trama interessante, ma con lo scopo principale di trainare i giocatori in una giostra di ricordi e di emozioni, in quanto ultimo capitolo appartentente alle avventure di Max e di Chloe. Peccato per una distribuzione poco elegante (doveva essere un prodotto esclusivo di chi ha preordinato la miniserie Deck Nine) e per qualche errore di continuity, ma si tratta di sfumature che non vanno a incidere sulla qualità del prodotto e che ci permettono comunque di consigliare questa esperienza a tutti coloro che potessero riuscire a entrarne in contatto. Grazie Max e Chloe per questi anni passati insieme. Ci mancherete.
Narrativa di altissimo livello
Dialoghi curati in ogni aspetto
Colpisce dritto al cuore
x Qualche piccolo errore di continuity che si poteva evitare
x Nulla di effettivamente nuovo
x Distribuzione discutibile

due parole sull'autore
Il Luca è quell'animale mitologico a metà tra un nerd ed un videogiocatore, ma con la testa di Ca***. Dall'animo tranquillo, pare che questa creatura sia stata vista solamente poche volte in modalità berserk (con ATK+3 e danno da fuoco), ma si narra che, in quei casi, la bestia cambi colore e ripeta solamente una cosa: LUCA SPACCA!
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su