Lunediscord #2: Death Stranding, prima parte

Di Super Cane Magic ZERO di Studio Evil e Simone Albrigi (in arte Sio) ci siamo già occupati in più di un occasione, riuscendo a mettere le mani su una versione preliminare del prodotto già poco dopo la conclusione della campagna su Eppela. Non potevamo quindi non cogliere la palla al balzo e tornare sull’argomento in occasione dell’arrivo del gioco su Steam in Accesso Anticipato, mettendo nuovamente alla prova l’ultima fatica dello studio bolognese. Cosa è cambiato rispetto alla build dello scorso Novembre?

Le novità dell’Early Access

Se la scorsa volta abbiamo avuto modo di concentrarci sulla modalità Arena del titolo (che, riassumendo velocemente, permette di sfidarsi giocando fino in quattro giocatori lanciandosi addosso gli oggetti presenti sulla mappa, dai sassi fino al Giappone) in occasione di questa release in Early Access a calamitare le nostre attenzioni è stata l’inedita modalità Sfida, che permette una fruibilità in singolo o anche in questo caso in cooperativa fino a quattro giocatori: pur con qualche contenuto extra infatti (si parla di una nuova mappa e di qualche personaggio inedito, divisi tra quelli accessibili da subito e quelli da sbloccare) per la modalità Arena valgono le stesse considerazioni fatte in occasione della scorsa anteprima.

Laseeer!
La modalità Sfida diverte nonostante qualche problemino tecnico

La modalità Sfida, come accennato, abbandona il competitivo (anche se è comunque presente il fuoco amico e tutte le situazioni che ne derivano giocando con qualche compagno) per proporre un’esperienza cooperativa: lo scopo è quello di affrontare il dungeon di turno con l’obbiettivo di sopravvivere ai pericoli presenti sulla mappa, dai nemici fino alle trappole, e di farsi strada fino all’immancabile boss finale. La struttura di base è molto simile a quella già vista nell’Arena, da cui sono riprese in pratica tutte le funzionalità di movimento del personaggio e la meccanica del “lanciare le cose”, vista la moltitudine di oggetti che è possibile raccogliere e scagliare in questi livelli, alcuni di questi anche “rompibili” per rivelare contenuti nascosti dentro di essi. Ma le possibilità questa volta non si limitano al lancio degli oggetti, ed infatti tutto quello che si può raccogliere da terra con lo scopo di essere tirato contro il nemico di turno (a parte i nemici stessi) può anche essere mangiato dal proprio personaggio, con conseguenze che spaziano dal recupero di punti salute fino alla modifica di alcune stastistiche.

 

 

Data la mai troppo nascosta ispirazione presa da giochi di ruolo come i vecchi The Legend of Zelda bidimensionali non poteva mancare, assieme alla già citata presenza delle statistiche del personaggio, un sistema per gestire inventario ed equipaggiamento: durante le nostre prove c’è capitato di far indossare a Coso, Cosa e agli altri membri del cast sia qualche armatura (tutte decisamente improbabili, dalla peluria da wrestler fino ad una protezione fatta di spazzatura) che su qualche arma bianca, dove oltre ad una più tradizionale spada c’è capitato di dover utilizzare anche un Wok per tenere a bada i vari nemici presenti. Nemici che già in questa fase preliminare mostrano una certa differenza in base alla loro “razza”, con ad esempio quelli legati al fuoco immuni ai danni causati da una caduta nella lava ma molto danneggiati nel caso si riesca a lanciarli o comunque a farli finire in acqua, mentre per tutti gli altri vale il contrario (eccetto di nuovo per il personaggio del Dottor Culocane che continua ad essere vulnerabile ad entrambi i liquidi, citando uno dei video di Sio).

Per ora ci si diverte, e si spera che la frequenza degli update permetta di continuare così

Tirando le somme anche in questo caso il risultato finale è riuscito a farci divertire come aveva già fatto a suo tempo l’Arena, nonostante qualche difficoltà sul fronte controlli (di cui probabilmente sono consci anche gli sviluppatori, vista la presenza di un “panic button” associato al tasto F7 che riporta la configurazione a quella di default) e la presenza di qualche glitch visivo, comunque giustificato dallo status di beta del prodotto. Visto l’approdo su Steam però a questo punto ci aspettiamo un rilascio periodico dal punto di vista dei contenuti, magari facendoci finalmente vedere qualcosa legato alla modalità Storia, per scongiurare il pericolo ripetitività inevitabile una volta affrontati un buon numero di volte i dungeon presenti.

 

Commento
Super Cane Magic ZERO, anche grazie alla sua propensione al multigiocatore (sia per l'Arena in competitivo che per le Sfide in cooperativa) si conferma un prodotto sicuramente divertente, riuscendo anche a strappare qualche risata sopratutto tra i fan di Sio. Le uniche perplessità a questo punto riguardano i tempi d'attesa per poter vedere nuovi contenuti, che a nostro avviso possono essere la strada più sicura per evitare di far sopraggiungere il pericolo ripetitività (assieme a qualche aggiornamento più legato alla stabilità del prodotto).
Pro e Contro
Modalità Arena e Sfida fino a 4 giocatori
Si intravede qualche meccanica principale...

x ...Ma della Storia ancora non sappiamo nulla
x Quale sarà la frequenza dei nuovi contenuti?