Anteprima
di
il 10 agosto 2018, 15:03

La giovane Lara Croft è pronta finalmente a diventare Tomb Raider.

Ci vuole coraggio per re-immaginare un’icona videoludica come Lara Croft. Crystal Dynamics ed Eidos Montreal hanno preso in mano un personaggio amato e lo ha reinventato con l’appoggio della distribuzione di Square Enix. Ed ecco che la Lara presentata ai giocatori nel 2013 è giovane e inesperta, testarda e pronta a tutto per  sopravvivere. Un nuovo personaggio fedele parzialmente alle sue origini, ma che al contempo se ne discosta ampiamente. Se ne allontana con rispetto, con qualche citazione, ma racconta nuove storie ed avventure.

speciale
Shadow of the Tomb Raider, intervista a Jason Dozois e Heath Smith
Shadow of the Tomb Raider narrerà del viaggio che porterà Lara Croft a diventare l'archeologa che conosciamo Oltre ad aver provato le prime cinque ore del gioco completo, abbiamo anche avuto modo di scambiare due chiacchiere con due membri di Crysta...

La trilogia reboot di Tomb Raider troverà la sua naturale conclusione il prossimo 14 Settembre, con Shadow of the Tomb Raider. Nella splendida cornice della Microsoft House a Milano, abbiamo provato le prime cinque ore di questo terzo capitolo. Il viaggio della giovane Lara verso il suo destino è quasi giunto al termine.

Versione Testata: Xbox One X

Shadow of the Tomb Raider rapisce ed incanta con tutti i punti di forza dei due capitoli precedenti.

Condividi

Al termine di Rise of the Tomb Raider, avevamo lasciato Lara di fronte alla verità sulla morte del padre.
Questo terzo ed ultimo capitolo della trilogia reboot, riparte proprio dalla faida tra Lara e la Trinità,  che porterà la nostra novella archeologa in Messico. Qui, durante il Dia de Los Muertos, Lara scoprirà l’ubicazione di un prezioso pugnale, capace di  scatenare l’apocalisse Maya sul mondo. In questa terza  avventura, Lara compirà gli ultimi passi che la porteranno a diventare la Tomb Raider.

La giovane Croft inizierà a cercare  tesori per proteggerli più che per piacere personale.

Nelle circa cinque ore di gioco che abbiamo passato al fianco di Shadow of the Tomb Raider, siamo riusciti  ad affrontare  anche una delle calamità Maya. Un’enorme Tsunami che ci ha letteralmente travolto, mettendoci di fronte ad una delle novità di questo terzo capitolo: i labirinti subacquei.
Le sezioni sott’acqua provate ci hanno convinto, sebbene  ci sono sembrate meno libere rispetto a quelle a terra. Lara dovrà ovviamente trovare conche d’aria per recuperare ossigeno, e al contempo fare attenzione alla terribile fauna sottomarina.

Una strizzata d’occhio a quel secondo capitolo datato 1997, se vogliamo.

A differenza di Rise of The Tomb Raider, dove Lara si avventurava nella fredda ma luminosa Siberia, la giungla di Shadow è piena di fiumi e foreste. Un viaggio che porterà la nostra archeologa a  immergersi nelle profondità non solo dei templi e delle grotte, ma anche della propria psiche. Non è un caso se Shadow of the Tomb Raider propone un’esplorazione verticale, facendo scendere Lara in luoghi sempre più oscuri. 

Le sezioni esplorative  hanno lo stesso feeling dei precedenti capitoli. Gli enigmi ambientali disseminano il territorio e ci invitano ad essere risolti, sia per proseguire nella trama, sia per raggiungere le tombe segrete. Ogni azione, che va dalla sconfitta di un nemico, al rinvenimento di un tesoro, garantirà a Lara punti esperienza, spendibili poi negli accampamenti per poter apprendere nuove abilità.

Allo stesso modo, recuperando materiali di scarto, è possibile potenziare le armi e rendere la giovane Croft una vera e propria macchina da combattimento. Nelle nostre prime cinque ore, sono riuscito a portare l’arco quasi al massimo, domandandomi più volte se avrei trovato un altro modello più avanti nel gioco o se quella sarebbe stata la mia arma definitiva.

L’equipaggiamento ci porta direttamente al prossimo punto: i combattimenti. A differenza dei precedenti, Crystal Dynamics e Eidos Montreal hanno permesso a Lara di riguadagnare la mimetizzazione , anche se un nemico dovesse scoprirla.
Una volta eliminato lo “spione”, potremo tornare a nasconderci tra le fronde  e ricominciare ad uccidere silenziosamente gli altri membri della Trinità.

Lara Croft si tramuta in una predatrice nella giungla.

Per capire di quali nemici liberarci per primi basterà premere un dorsale e individuare quelli illuminati di giallo, lasciando invece quelli rossi per ultimi.
Un sistema simile all’occhio dell’acquila di Assassin’s Creed e al radar di pericolosità già visto in Uncharted 4. Teniamo a precisare che ai livelli di difficoltà più alti del gioco questo “potere” extra non funziona e starà solo all’abilità del giocatore far piazza pulita degli avversari.

Visivamente invece il titolo si muove  decisamente bene su Xbox One X. Scorci, luci e paesaggi sono mozzafiato, mentre  una cura leggermente inferiore per i modelli umani (e degli animali). Anche la mappa ha bisogno di tempo per essere assimilata, soprattutto quando si cerca un collezionabile o un punto preciso. Ottimo il doppiaggio italiano (per quello che siamo riusciti a sentire) e la colonna sonora, sebbene per una valutazione più completa bisognerà attendere l’uscita del titolo.

AWS Access Key ID: 213.251.182.107. You are submitting requests too quickly. Please retry your requests at a slower rate.
In conclusione...
Shadow of the Tomb Raider si presenta solido, divertente e più cupo dei due precedenti. Alle prese con un'apocalisse Maya, la giovane Lara intraprenderà la strada che la porterà a diventare la Tomb Raider. Per giudicare l'ultimo capitolo della trilogia di Crystal Dynamycs dobbiamo aspettare ancora un mese, ma le buone intenzioni ci sono tutte per dare una degna conclusione a questa storia d'origini.
Avvincente e pieno d'azione
Ottime ambientazioni
x Mappa leggermente confusionaria
x Effettiva difficoltà

due parole sull'autore
Assuefatto giocatore fin da quando non aveva neanche un pelo sul mento, ha coltivato la propria passione con lo stesso amore con cui cura la propria barba. Molti lo definiscono un Nintendaro senza speranza, senza contare gli oltre quattromila trofei presenti sull'account PSN e gli oltre 370 giochi su Steam (quanti di questi effettivamente giocati non lo sa neanche lui).
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su