Anteprima The Legend of Zelda: Majora’s Mask 3D

The Legend of Zelda è sicuramente una delle serie di punta di Nintendo, e salvo rari casi i capitoli principali della serie non hanno mai deluso e molto spesso sono riusciti a far avvicinare altri videogiocatori alle console della casa di Kyoto.

Nel 2000, forti del successo di Ocarina of Time, Nintendo EAD propose al grande pubblico The Legend of Zelda: Majora’s Mask, sequel diretto di quello che per molti è tutt’oggi il miglior gioco di sempre.
Majora’s Mask aveva l’onere di raccogliere questa eredità e di portarla avanti, proponendo ai giocatori una sfida contro il tempo per salvare Termina dall’impatto con la luna.
La trama più cupa non era l’unica innovazione del secondo capitolo in 3D della serie, un complesso sistema di sottoquest resero Majora’s Mask uno dei capitoli più amati dalla critica e dai fan.
Gli stessi fan che a gran voce, dopo il convincente Ocarina of Time 3D, iniziarono a chiedere insistentemente un remake per 3DS, desiderio sudato negli scorsi cinque anni e che finalmente è realtà.
In questi giorni abbiamo messo le mani in anteprima su The Legend of Zelda: Majora’s Mask 3D, e siamo pronti a darvi le nostre prime impressioni sul ritorno di Link a Termina.

Alba del terzo giorno

Per coloro che di Majora’s Mask conoscono solamente il titolo, la trama è presto scritta: dopo gli eventi di Ocarina of Time, Link abbandona Hyrule per cercare Navi, ed insieme ad Epona incontra un “folletto” mascherato che, dopo averlo tramortito, gli ruba cavallo e ocarina.Il giovane eroe parte all’inseguimento di colui che si scoprirà essere il principale antagonista del titolo, lo Skull Kid, che grazie alla misteriosa maschera trasforma Link in un cespuglio Deku.

Uno Zelda  più cupo e tetro

Skull Kid ha con se due fate simili a Navi, Tael e Taya (Tatl nella versione originale), quest’ultima resterà indietro e deciderà di unirsi all’eroe del tempo quando capirà la vera natura della maschera.
Il Link Deku e la sua nuova compagna inseguiranno il lestofante fino a Cronopoli ( Clock Town) capitale di Termina e vero fulcro delle attività del gioco.
Le prime ore di Majora’s Mask sono un susseguirsi di eventi che vi metteranno di fronte ad una vera e propria sfida contro il tempo: Link avrà infatti tre giorni per impedire allo Skull Kid di far schiantare la Luna sulla città. Ma questo è solo l’inizio: una volta recuperata l’Ocarina, l’eroe potrà tornare indietro nel tempo e ripercorrere da capo i tre giorni passati, in un loop continuo fino a quando non riuscirà a fermare una volta per tutte il nemico.
Parleremo del concetto del tempo in Majora’s Mask in fase di recensione ma, è giusto far notare per coloro che non si sono mai avvicinati al capitolo, che ci troviamo di fronte ad uno Zelda atipico, ben diverso dai normali canoni della serie Nintendo. Uno Zelda  più cupo e tetro e che più volte metterà il giocatore neofita alla prova.

I nuovi vestiti dello Skull Kid

Come per Ocarina of Time 3D, anche questo remake di Majora’s Mask viene proposto con un upgrade grafico eccezionale, riuscendo a rivaleggiare con i migliori titoli per la portatile Nintendo.
Il comparto visivo da nuova linfa vitale a Termina, complice anche un effetto 3D che darà il meglio su New3DS dove, grazie all’Head-Tracking, probabilmente non causerà più nausee e dolori al cranio.
Tra le novità che abbiamo potuto appurare in queste prime ore di gioco, troviamo sicuramente il quaderno dei Bomber (Bomber’s Notebook), che ora oltre a fornire indizi su come completare le missioni secondarie, offre al giocatore un calendario completo delle azioni degli NPG segnalando cosa stanno facendo durante l’orario richiesto.
Questa aggiunta potrebbe facilitare il completamento di alcune missioni ma, anche a questo proposito, scenderemo più nel dettaglio in fase di recensione.
Direttamente da Ocarina of time 3D e Skyward Sword troviamo anche la Pietra Sheikhan, rinominata dal fandom di Zelda la “Noob Stone” che guiderà passo passo il giocatore più incapace nel compimento dell’avventura.

Commento
Dopo anni di attesa Majora's Mask è tornato, in una nuova versione che sembra a tutti gli effetti meglio dell'originale. Grazie al rinnovamento grafico, Termina risulta più bella che mai, e siamo sicuri conquisterà anche nuovi fan che si sono avvicinati alla serie solo negli ultimi anni. Resta solo da aspettare poco meno di un mese, per poter scoprire se l'attesa di questo remake verrà ripagata in tutto e per tutto. Per concludere una piccola nota da Fan del capitolo: La Pietra Sheikhan è a mio parere un abominio, anche se a rigor del vero non si è costretti ad usarla, ma la sola presenza è un insulto a coloro che nel 2000 ( o in una delle altre versioni) hanno completato al 100% l'avventura di Link a Termina senza ricorrere a questi mezzucci; sarebbe bastato un opzione per disattivarla e non averla costantemente a fissarci ogni volta che rientriamo nella torre dell'orologio.
Pro e Contro
Graficamente tra i migliori su 3DS
Quaderno dei Bomber migliorato...

x ...anche se potrebbe facilitare le sottoquest

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion