Anteprima Fallout 4

Sette anni di distanza da Fallout 3, cinque dallo spin-off di New Vegas, richiesto a gran voce dai fan di tutto il mondo, Fallout 4 si è mostrato per la prima volta lo scorso 3 Giugno, confermando poi una data d’uscita  estremamente vicina rispetto agli standard Bethesda. Il titolo arriverà su PlayStation 4, Xbox One e PC il prossimo 10 Novembre. Durante la Gamescom 2015 abbiamo assistito ad un nuovo video di gameplay a porte chiuse grazie all’invito della stessa Bethesda.

Oh my Perks

La principale novità riguarda i Perks: quelle abilità bonus del nostro avatar già viste anche in Fallout 3 e New Vegas che gli permetteranno ad esempio di aumentare  la propria massa muscolare (Schiena Resistente), oppure poter ammazzare nel sonno gli avversari (Mr. Sandman) al compimento di certe richieste. In Fallout 4 il sistema di Perks è stato facilitato: le abilità speciali saranno dieci per ogni S.P.E.C.I.A.L. (le sette statistiche base dell’avatar) e saranno più monitorabili rispetto al passato grazie ad un sistema ad albero, sbloccandone una avremo accesso alla successiva diramando i possibili potenziamenti. I Perks sono ora vincolati solo alle statistiche e non più al livello, fornendo al giocatore un punto abilità ad ogni aumento di quest’ultimo; livelli che risultano come un mero pretesto data l’assenza di un level cap e la possibilità di continuare a giocare all’infinito anche dopo aver concluso la trama principale a differenza dei due predecessori (nel 3 in particolare bisognava acquistare l’espansione “Broken Steel” per poter continuare i propri progressi).

 

 

Di equipaggiamenti e creazioni

Le modifiche sostanziali al gameplay di Fallout 4, per quanto visto finora, non sono riscontrabili nell’interfaccia utente o nelle fasi di shooting vero e proprio, ma Bethesda ha fatto un egregio lavoro sulla personalizzazione delle armi e per la prima volta degli edifici. Andando per ordine, Fallout 4 offre sul Pip-Boy un modello 3D dell’equipaggiamento scelto, cruciale per poterlo personalizzare al meglio data la nutrita schiera di modifiche applicabili sia alle armi che alle armature, grande evoluzione di quanto visto in New Vegas che offriva una personalizzazione tramite Mod; come in passato saremo in grado di mettere in pausa in qualsiasi momento le azioni di gioco attivando il dispositivo, mentre lo S.P.A.V. (il Sistema di Puntamento Assistito Vault-tec) sarà dedicato al rallentamento del tempo durante le fasi di combattimento (in tributo ai capitoli a turni).
I materiali per poter personalizzare equipaggiamento e strutture saranno ottenibili da qualsiasi loot presente nel mondo di Fallout 4: ogni oggetto ora ha uno scopo e può essere utilizzato per qualcosa.

Inoltre, grande novità di Fallout 4 sicuramente è la creazione dei propri insediamenti: si potranno utilizzare i materiali raccolti per costruire edifici nelle zone sgombre e collegare i vari complessi tra di loro con rotte commerciali e di trasporto. Un ulteriore aggiunta al già enorme bagaglio di esperienze che il titolo Bethesda promette fin dall’annuncio.

[nggallery id=”828″]

È tutta questione di feeling

Uno degli aspetti che subito saltano all’occhio di un fan di Fallout è sicuramente il cambio di direzione dell’atmosfera di gioco rispetto al terzo episodio. Se in Fallout 3 i colori principali erano le  gradazioni di grigio e  verde, simbolo di una ricerca di ritorno al mondo pre-apocalisse, in Fallout 4 troviamo colori accesi e  sgargianti a causa dell’accettazione del nuovo mondo e della realtà in cui il protagonista e  i comprimari si ritrovano da un giorno all’altro. La nuova atmosfera risulta meno cupa ma siamo sicuri che garantirà emozioni diverse ma al contempo evocative.
Fallout 4 graficamente si discosta dal precedente ma nel filmato mostratoci  i modelli poligonali risultano ancora abbastanza  legnosi tuttavia, siamo fiduciosi che da  qui al 10 Novembre  il titolo venga ulteriormente migliorato anche sotto questo aspetto, ripagando l’attesa e le aspettative dei fan.

 

Commento
Tra Fallout 4 e Fallout 3 ci sono diverse differenze, anche se nessuna stravolgente come il passaggio tra il secondo al terzo capitolo. Le aspettative sono tante e ci fanno ben sperare grazie alle numerose aggiunte quali la creazione delle strutture, la maggior personalizzazione dell'equipaggiamento e delle armi lascia prevedere numerose ore attaccati al joypad nelle lande post-apocalittiche meno cupe rispetto al passato. L'appuntamento è per il 10 Novembre, armarti fino ai denti e pronti a crearci una nuova vita.
Pro e Contro
È Fallout
Creazione di strutture
Perks più semplici da trovare

x Movimenti ancora legnosi
x L'atmosfera meno cupa, funzionerà?

#LiveTheRebellion