L’incantevole Creamy è considerabile tranquillamente tra gli anime più di successo in Italia negli anni ’80, specialmente nella parte femminile del pubblico.

Composto in totale da 52 episodi, prodotti da Studio Pierrot, ha influenzato al tempo svariate generazioni, generando in generale un grande amore nostalgico verso di sé.

Proprio per aiutare a rispolverare un attimo la memoria, oggi vedremo il finale che va a chiudere le vicende della storia, provando a confrontarlo con il manga uscito successivamente per cogliere eventuali differenze.

Sinossi e trama – l’arca di Stella Piumata e la nascita di Creamy Mami

L’incantevole Creamy, conosciuta all’estero come Creamy Mami, the Magic Angel, è un anime nato per promuovere la idol Takako Ohta, essendo sue le canzoni originali mostrate.

La storia segue le avventure di Yu Morisawa, la cui spiccata fantasia un giorno le permette di identificare nel cielo della sua città una misteriosa arca volante. Questa sua interazione con la stessa le permetterà di liberarla successivamente da una tempesta di sogni in cui era intrappolata, combattendo contro degli strani mostri a cavallo.

Uno dei passeggeri dell’arca, chiamato PinoPino, rivelerà alla ragazza che il mezzo proviene dal pianeta Stella Piumata, dove tutti gli uomini vivono prima di nascere ma di cui si dimenticano a seguito del concepimento.

Yu e PinoPino

Come ringraziamento per l’aiuto, lo strano folletto donerà a Yu un particolare medaglione, che le permetterà di trasformarsi in una ragazza dai capelli viola in grado di utilizzare magie, rinominata in seguito Creamy Mami.

Dimostrando anche un grande talento nel cantare, in una serie di strane coincidenze viene notata dal produttore discografico Jingle Pentagramma. Questo non solo la porterà ad esibirsi in diretta televisiva, ma le garantirà un ingaggio nel ruolo di Idol da parte della Parthenon Production.

La conclusione dell’anime

Il concerto del 29 giugno e la scoperta di Toshio

Riprendiamo un attimo da dove si erano conclusi i precedenti episodi.

Con l’avvicinarsi dell’anniversario dal ricevimento dei poteri da parte di PinoPino, e di conseguenza della data in cui li perderà definitivamente, Yu convince il suo manager, Jingle Pentagramma, ad indire un grande concerto a Tokyo.

Tutto questo accade mentre l’amico d’infanzia di Yu, Toshio Otomo, trova una sua registrazione prima che decidesse di farsi cancellare la memoria per mantenere ancora intatta la carriera di Creamy. Per questo, comincia a sospettare nuovamente che Creamy e Yu siano la stessa persona.

Yu e Creamy

Man mano che si avvicina il momento, Jingle ripensa un attimo al percorso intrapreso da quando ha incontrato Creamy Mami fino a quel momento, interrogandosi anche sul perché la ragazza sembrava volesse affrettarsi ad organizzare un concerto di così ampia portata nonostante la carriera ancora agli inizi.

Arriva quindi il grande giorno, il 29 giugno, e Creamy sale sul palco, intonando tutte le canzoni che l’hanno resa famosa nei mesi precedenti.

Il pubblico è chiaramente in visibilio, e mentre la ragazza dà il meglio di sé per concludere al meglio la sua breve ma intensa carriera, Toshio riesce a confermare la sua teoria, riacquisendo nel processo anche la memoria perduta.

Per questo motivo, arrivata all’ultima canzone, PinoPino interrompe la performance arrivando con l’arca di cristallo e richiedendo indietro il medaglione magico.

Dopo una breve discussione, in cui viene supportata da Posi e Nega (i due abitanti del mondo Stella Piumata che fino a quel momento le han fatto da custode), il folletto decide di concederle un’ultima canzone.

L’ultima canzone di Creamy Mami

Avendo quindi sia gli effetti del palco che quelli dell’arca di cristallo, scambiata per una componente della sceneggiatura dal pubblico, Creamy chiude il concerto intonando la sua canzone di debutto, “Dimmi che mi ami delicatamente“, per poi salutare i fan e dirgli addio per un’ultima volta, sparendo con l’arca.

Questo chiaramente lascerà sbigottito sia Jingle che gli altri membri del staff, domandandosi il perché di questi saluti che non erano segnati nell’organizzazione originale.

Con Yu tornata normale e Toshio al suo fianco sotto una coltre di pioggia, la serie si chiude definitivamente, facendo tornare tutto come prima ma dando alla ragazzina ricordi indelebili per il resto della sua vita.

Creamy canta su un pezzo di scenografia

PinoPino, Posi e Naga però, poco prima di riportare i ragazzi lontani dall’ippodromo di Tokyo, promettono che, nel caso in cui Yu mantenga intatta la sua grande fantasia, potranno incontrarsi di nuovo in futuro.

Differenze con manga e OAV

A differenza di tante altre opere di animazione nel settore, L’incantevole Creamy è nata come opera a sé stante senza prendere ispirazione da alcun manga.

Per questo motivo, l’adattamento cartaceo prodotto e rilasciato in contemporanea segue a pari passi le vicende narrate nella serie, tenendosi perfettamente fedele anche nel finale.

Discorso diverso invece sono gli OAV venuti successivamente al successo della serie. Dei quattro prodotti, due saranno semplicemente compilation di video musicali di Creamy, mentre gli altri saranno veri e propri sequel rispetto al finale esposto in precedenza.

Il primo di questi è Il ritorno di Creamy, che narra del ritorno della pop star Idol a due mesi dalla brusca interruzione della sua carriera. C’è poi Il lungo addio, che porterà ad un ulteriore sviluppo delle vicende per poi chiudere nuovamente questa breve parentesi.

Curiosamente, quest’ultimo ha anche ispirato un videogioco esclusivo giapponese chiamato Maho no Tenshi Creamy Mami: Futatsu No Sekai, disponibile per PC-98.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion