Dopo un periodo di pausa forzata causata dalla Brexit, Bitmap Books è tornata a deliziare il mondo con uno dei suoi libri pazzeschi. Nato sulla scia dei precedenti libri dedicati a Super Famicom e Neo Geo, ora è il turno di Game Boy: The Box Art Collection. Il libro è dedicato interamente alla raccolta della stragrande maggioranza delle copertine della prima storica portatile Nintendo. Un distillato di nostalgia lungo 374 pagine che racconta un’epoca di gaming che, molto semplicemente, non esiste più, ma che è incredibilmente utile per tutti quelli che Game Boy non hanno avuto la fortuna di viverlo in prima persona. Bitmap Books si riconferma una delle realtà più importanti legate alla conservazione e alla divulgazione della storia e della cultura del medium. E a dirla tutta dovrebbe bastare questo per mettere mano al portafogli.

In principio era uno schermo monocromo

In un’epoca di transizione verso il videogioco come bene digitale, Game Boy: The Box Art Collection è una testimonianza di un passato in cui le copertine giocavano un ruolo fondamentale nella presentazione dei titoli. La selezione presentata nel volume comprende una varità stratosferica di titoli di qualsiasi tipologia. Esattamente come già fatto in passato con il volume dedicato al Super Famicom, infatti, Bitmap Books ha raccolto alcune tra le cover art più iconiche, peculiari e folli della console Nintendo. La novità è che questa volta non si è limitata alle sole versioni giapponesi dei titoli presi in esame, Game Boy: The Box Art Collection contiene anche le copertine di un ampio numero di titoli europei e nordamericani.

Attenzione però: il volume non è interamente dedicato alle box art, ma contiene anche una piccola ma significativa introduzione sulla storia di Game Boy. A questo si aggiungono anche i contributi di collezionisti e, addirittura, fotografi che ancora oggi lavorano con la Game Boy Camera. Ovviamente il focus è sulle cover; Game Boy: The Box Art Collection è prima di tutto un bellissimo artbook più che un vero e proprio libro di storia. Quella che contiene, però, è una vera e propria dichiarazione d’amore nei confronti della prima, storica, meraviglia portatile di Nintendo. Una significativa celebrazione dell’estro creativo di quel genio troppo spesso dimenticato di Gunpei Yokoi.

Game Boy: The Box Art Collection

Un piccolo grande catalogo di sogni in 8Bit

Game Boy fu una rivoluzione impressionante. La prima vera console portatile di massa nelle mani di un pubblico che si stava progressivamente innamorando del medium. Ad oggi è forse uno dei sistemi più invecchiati di sempre, colpa principalmente del piccolo schermo Dot-Matrix non retroilluminato, ma il fascino che si porta dietro è ancora impareggiabile. Sam Dyer e Steve Jarrat, i curatori del volume, questo lo sanno bene, e hanno fatto l’impossibile pur di tramandare quel fascino a tutti, senza dimenticarsi di porre l’accento sulle cover e sui formati più curiosi mai prodotte per Game Boy. Dai titoli Konami meravigliosamente illustrati da Tom Dubois alle particolarissime tin box dei titoli di punta di Hudson, Game Boy: The Box Art Collection raccoglie il meglio che gli artisti dell’epoca concepirono per attirare gli sguardi del pubblico sugli scaffali di tutto il mondo.

Ogni gioco presentato è illustrato in una scheda contenente il titolo originale, quello tradotto, una breve ma sostanziosa descrizione e qualche screenshot di presentazione. Il tutto racchiuso in un’edizione di pregio con un’attenzione al dettaglio strabiliante. La carta è, come sempre quando si parla di Bitmap Books, una carta patinata di altissima qualità. Lo stesso vale, ovviamente, anche per le immagini e il layout del volume. Non solo un’operazione nostalgia, quindi, ma un prodotto di altissimo valore storico ed estetico in cui perdersi per riscoprire le meraviglie della prima, storica, portatile Nintendo. Un prodotto indirizzato a chi c’era, sicuramente, ma anche e soprattutto a chi Game Boy vuole riscoprirlo oggi per andare oltre al solito Pokémon. Viverselo così è tutta un’altra storia, credetemi.

Game Boy: The Box Art Collection – costi e spedizioni

Come già anticipato, Bitmap Books è stata vittima del delirio burocratico post-brexit che ha inceppato l’esportazione di beni dall’UK. Cosa cambia rispetto a qualche mese fa? Ad oggi le spedizioni dall’UK ai paesi dell’Unione Europea è soggetta a tassazione (va aggiunta l’IVA al costo dei singoli beni). Lo stop delle esportazioni è servito all’azienda per riuscire ad organizzare un nuovo sistema di pagamento che prevede il pagamento delle tasse direttamente al momento dell’acquisto, senza rischiare di incappare in lungaggini e costi extra legati allo sdoganamento. Portarsi a casa Game Boy: The Box Art Collection costa circa 43€, spedizione tracciata e tasse incluse.

Esistono anche due edizioni limitate, la Silver Edition (acquistabile qui) e la Gold Edition (già esaurita), corredate da una custodia rigida per il volume illustrata da Wil Overton, ex-illustratore di Rare, e un poster A2 della cover, oltre che dal solito PDF gratuito. Questa edizione è, ovviamente, più costosa, e per accaparrarsi una Silver Version, servono circa 63€ (tasse e spedizioni incluse). Qualsiasi sia la versione che deciderete di portarvi a casa, sappiate che il valore di ciò che avrete tra le mani va ben oltre il suo costo. Credetemi.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion