Pasquale Murano

News+ Batora: Lost Haven vince i WN Dev Contest

Batora Lost Haven vince i WN Dev Contest come “Miglior gioco sviluppato in Unreal Engine”

Gli sviluppatori di Stormind Games, autori di Remothered: Tormented Fathers hanno vinto i WN Dev Contest. La categoria in cui sono andati a competere è quella di “Miglior gioco sviluppato in Unreal Engine“. Non hanno gareggiato con Remothered, ma il premio è stato vinto dal loro nuovo gioco: Batora: Lost Haven. Fa piacere che uno studio piccolo (e italiano) vinca un premio in un mercato così forte come quello dei videogiochi. Ma è possibile vedere dietro a questa vittoria una carezza invisibile. I WN Dev Contest sono sponsorizzati da Epic. Uno dei maggiori investitori di Epic è la holding cinese Tencent. Non vi sono prove, e ciò che segue è una pura speculazione di chi scrive, ma sarebbe lecito pensare a questo punto a un investimento da parte di Tencent, anche perché è uno dei premi del contest. Il colosso cinese negli ultimi tempi si sta espandendo a macchia d’olio nel mercato del gaming.

Uno screenshot di Batora: Lost Heaven

Andando infatti a vedere sul sito della kermesse, i premi sono partneship con varie case di sviluppo e publisher, di cui alcune sono state acquisite da Tencent. Ovviamente chi scrive non può che essere felice del premio ricevuti da Stormind. Ma non posso che provare una certa paura in questa vittoria. È ovvio che uno studio debba crescere e non rimanere confinato nel mercato indie, ma Tencent sta diventando sempre più grossa e l’idea che colonizzi il nostro mercato prima che parta una vera e propria industria ha dei lati potenzialmente oscuri.

Per ora comunque non resta che aspettare Batora: Lost Haven. In cuor mio spero che un possibile investimento (e finanche un’acquisizione) possa tradursi nella libertà di poter esprimersi tramite i videogiochi, magari ispirando altre realtà locali.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion