Nel panorama degli anime primaverili è presente una nuova chicca che sicuramente vi rapirà in poco tempo. Sto parlando di Tokyo Revengers, un nuovo shonen disponibile gratuitamente sulla piattaforma Crunchyroll. L’opera ha ricevuto un adattamento anime durante l’inizio di questo 2021 e si prospetta sicuramente essere tra i più interessanti del momento, grazie alle premesse particolari e ai suoi personaggi memorabili.

Di questi ultimi, in particolare, parlerò nell’articolo di oggi per darvi un migliore sguardo su ciascuno di essi, specificandone anche eventuali caratteristiche e qualche particolare molto basilare sul ruolo che avranno durante la storia. Non saranno comunque presenti spoiler pesanti, quindi leggete pure anche se siete solo curiosi di vedere di cosa tratta pur non avendo letto l’opera originale.

Informazioni

Tokyo Revengers è uno Shonen molto promettente, tratto dal manga di Ken Wakui uscito nel 2017 e serializzato dalla Kōdansha su Weekly Shōnen Magazine, a partire dal 1 marzo 2017. La versione italiana è pubblicata sotto l’etichetta J-Pop a partire dal 3 febbraio 2021. I primi episodi dell’anime sono usciti su Crunchyroll a partire dal 17 aprile 2021.

Trama

La storia di Tokyo Revenger segue le vicissitudini di Takemichi Hanagaki, un ventiseienne, “sfigato“, che vive una vita mediocre, fin quando viene a sapere che a causa di un conflitto armato tra bande sono morte 25 persone, tra cui sono inclusi Hinata Tachibana, la sua fidanzata di quando aveva 13 anni, e il fratello Naoto Tachibana.

Anche se sconvolto dalla notizia, Takemichi continua la sua vita e si dirige in stazione per recarsi al lavoro, quando improvvisamente finisce sui binari e viene travolto dal treno in arrivo. Ed è qui che succederà qualcosa di molto strano: anziché morire, infatti, Takemichi si risveglierà 12 anni nel passato.

Approfittando di questo singolare avvenimento, il ragazzo deciderà di unirsi alla banda responsabile dell’omicidio di Hinata e provare ad influenzarne le azioni, cambiando il corso degli avvenimenti che porteranno all’attentato.

Personaggi

Takemichi Hanagaki

Takemichi Hanagaki è il protagonista della storia, durante tutta la narrazione lo vedremo sia nei panni del ventiseienne che nei panni del tredicenne.

Takemichi Hanagaki

Grazie ad uno strano evento dopo un incidente ferroviario, si ritroverà catapultato nel passato, dandogli l’opportunità di impedire la morte dell’amata. Per farlo dovrà entrare nelle fila della Tokyo Manji Gang e diventare amico del boss Mikey, provando a cambiare le sorti della banda.

Hinata Tachibana

Hinata Tachibana è la ragazza di Takemichi. Si rivelerà essere una ragazza dolce e premurosa nei suoi confronti e in varie occasioni tenterà di proteggerlo. Morirà a causa di un attentato ad opera della Toman, ma Tachemichi farà di tutto per impedirlo.

Hinata Tachibana

Come per Takemichi, è presente sia inversione giovanile che adulta. Quando 14enne appare come una ragazzina bassa con i capelli che le arrivano fino al collo, mentre da adulta, oltre ad avere una forma più slanciata, porterà un taglio più lungo.

Naoto Tachibana

Naoto Tachibana è il fratello minore di Hinata. Apparentemente è il motore degli strani avvenimenti che capitano a Takemichi, nonché poliziotto ed alleato nel presente. Sarà un amico fidato e fornirà al nostro protagonista tutte le informazioni necessarie per evitare l’omicidio della sorella.

Naoto Tachibana

Per quanto riguarda le sue caratteristiche, sia da ragazzino che da adulto ha capelli marroni scuro corti quasi disposti a caschetto. Nonostante sembri all’apparenza un normale e tranquillo ragazzino, possiede una capacità intuitiva fuori dal comune, rendendolo perfetto nel ruolo di detective.

Manjiro “Mikey” Sano

Manjiro “Mikey” Sano è il folle membro fondatore della Tokyo Manji Gang, le cui azioni porteranno al conflitto tra bande che coinvolgerà anche la sfortunata Hinata. È un personaggio a volte sadico e con una forza incredibile, è rispettato e temuto da tutti i membri della sua gang, anche se in fondo nasconde un animo gentile.

Manjiro "Mikey" Sano

Sin da piccolo è stato definito un genio delle arti marziali dopo lunghi periodi di allenamento nel vecchio dojo del fratello e del nonno. Per questo, possiede una gran forza e abilità di combattimento corpo a corpo invidiabili.

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion