Gameromancer DLC #1: un cancro di nome Steam

Final Fantasy XV The Dawn Of The Future è l’ultimo “sforzo” di Square Enix, pubblicato in Giappone il 25 aprile e in arrivo in occidente. The Dawn Of The Future è un romanzo scritto da Emi Nagashime che narra le vicende del secondo season pass cancellato (il quale conteneva Episode Ardyn, Episode Aranea, Episode Lunafreya e Episode Noctis), solamente Episode Ardyn è riuscito a vedere la luce, e questo romanzo svela quello che sarebbe stato il suo “finale alternativo” e altri interessanti contenuti relativi alla storia. Qui di seguito vi riportiamo un riassunto dei capitoli ad alto contenuto di spoiler.

Capitolo Ardyn

Così, la piaga delle stelle si sta diffondendo, molto più velocemente di quanto Ardyn possa guarire gli afflitti, egli si rifiuta di conoscere la realtà, si rifiuta di discostarsi dai suoi ideali, perservera nella sua convinzione parlando di “malati” e “innocenti”, e nel suo ideale vige ancora l’idea, nonostante tutto, che “vale la pena salvare un’altra persona”.

Somnus crede che ciò che Ardyn stia facendo, si tratti essenzialmente di una misera scelta su chi vive e muore, ignorando la realtà di quanto stia accadendo a diverse vittime della piaga, numerosi innocenti morirono mentre lui cercava disperatamente di salvare “ancora una sola persona”. Somnus pensa anche che il rifiuto di Ardyn nel guardare in faccia la realtà … non sia essenzialmente un buon tratto distintivo per un re.

Ardyn pensa che il suo dono si tratti essenzialmente di un corpo in grado di assorbire la piaga e sopportare livelli di infezione molto più alti di una persona normale, ma che non ha modo di sbarazzarsi della piaga che ha assorbito. A Angelgard proverà a consolarsi, immaginando Aera e chiedendosi cosa sarebbe successo se fossero fuggiti insieme, per poi rendersi subito conto che sono passati centinaia di anni, ricordando il fatto della sua immortalità… e che l’avrebbe comunque vista morire.

È perfettamente consapevole del fatto che “Aera” e “Somnus” sono creazioni della sua mente, ed è quindi completamente furioso che Somnus continui a tornargli in mente, non importa quanto duramente cerchi di non pensare a lui. Inoltre si rende conto che ogni cosa orribile che “Somnus” dice, è un qualcosa generato dalla sua mente instabile.

Impara il linguaggio astrale dai ricordi di Ifrit. Ottiene inoltre i ricordi più remoti dal Cristallo, che funge da canale per gli dei dormienti per osservare il mondo. Attraverso questo, è in grado di vedere la rivelazione di Aera e di lui come Re.

Sa che i soldati di Lucis non sono letteralmente Somnus, ma non riesce a smettere di vederli e sentirli come Somnus e si abbandona in una rabbia cieca. Verstael lo incita a vedere tutti i Lucis come figli di Somnus, così inizia la sua vendetta. Alla fine del discorso di Bahamut, si potrebbe sostenere che gli Dei “lo scelsero come re” proprio perché sapevano che sarebbe successo, avevano bisogno di una “cavia” maledetta ricca di astio affinchè potesse diventare l’incarnazione della piaga stessa e affrontare il Prescelto.

Sempre durante la scena con Bahamut, è stato rivelato che Ardyn non è immortale a causa della piaga. È immortale perché quando ha toccato il Cristallo ha assorbito la sua anima nel reame collegato a Eos dal Cristallo che non può essere inserito in forma fisica. Ad ogni modo, è il luogo in cui ritroviamo Noctis alla fine del gioco per annientare l’anima di Ardyn, che è apparentemente, lì da quando ha toccato il Cristallo 2000 anni fa.

Il tutto si conclude con un riepilogo degli eventi antecedenti alla battaglia finale… la porta della sala del trono si apre, e Ardyn interviene: “temo che la fortuna non vi arrida”, ma in realtà non è Noctis ad entrare nella sala… ma Lunafreya.

Capitolo Aranea

La storia inizia con Aranea, privata del sonno, che mangia una scatola di popcorn che ha trovato in un negozio distrutto e parzialmente allagato, popcorn che hanno un sapore orribile, ma che non vuole buttar via. È nella cabina di pilotaggio della sua aeronave che ritorna a Niflheim, dopo un turno senza sosta di 35 ore impegnata nel recupero e pulizia ad Altissia, insieme a Biggs e Wedge, e all’87esima flotta aerea di cui è al comando.

Stavano per atterrare a Gralea quando l’aeronave venne colpita da Diamond Weapon (la gigantesca arma daemoniaca usata per attaccare Insomnia in Kingsglaive), che intanto è libero nella città con l’esercito intento a fermarlo. Diamond Weapon si dirige verso lo Zegnautus , e Aranea entra e si fa strada verso l’ultimo piano. Nel frattempo, Biggs e Wedge aiutano alcuni bambini a evacuare.

Entra in scena il Cancelliere, Ardyn inizia a parlare alla città: “Signore e signori di Niflheim, grazie per la vostra presenza. L’impero termina oggi”. Facendo riferimento al fatto che l’imperatore non ha successori. Aranea ricorda che l’imperatrice morì subito dopo aver partorito, l’imperatore non si risposò mai, e il loro figlio morì in battaglia diversi anni prima. Il popolo crede che la morte dell’imperatrice sia la ragione del cambiamento di personalità dell’Imperatore, ma Aranea crede che sia dovuto all’arrivo di Ardyn.

Ardyn spiega che l’Imperatore perseguì la “magia” come un sentiero verso l’immortalità, con l’intenzione di rimanere imperatore per sempre, e invita tutti a guardare dove li aveva portati. Dopo ciò, permette a Iedolas, ormai in fin di vita, di parlare: “Sol … heim … Il sole di Solheim … risorgerà …”

Aranea trova lo Zegnautus vuoto senza persone e Iedolas morto sul trono a causa della piaga. Quando arriva all’ultimo piano, vede un’aeronave che porta via Diamond Weapon. Nel frattempo, Ardyn si gusta una mela mentre osserva bruciare l’Impero, ripetendo “Oh, che peccato…” come quando osservò la distruzione di Insomnia in Kingsglaive. E qui Aranea si rende conto che è stato lui a liberare Weapon e a far perdere il controllo ai soldati Magitek.

Prova ad attaccare Ardyn, ma la sua lancia colpisce il vuoto e lui contrattacca scaraventandola a terra, Aranea è tormentata dal dolore e tossisce violentemente. Cerca di riprendersi lentamente per poi chiedergli che cosa avesse in mente di fare con Weapon, egli rispose dicendo che è sua intenzione liberarlo per scatenare la distruzione su Tenebrae.

Biggs informa via radio Aranea che ha appena messo i rifugiati su un treno per Tenebrae. Ardyn è divertito. Al contrario, Aranea risponde che sta lasciando il suo lavoro, dando un “Ti odio” come motivazione qualora richiesto, per poi saltare giù dall’ultimo piano con la sua lancia.

A questo punto, si imbatte in “l’uomo più fastidioso tra tutti quelli che conosceva”, Loqi Tummelt, nella sua corazza Magitek. Dopo un combattimento, apre la cabina di pilotaggio per scoprire che sta trasportando una bambina di circa otto anni su richiesta speciale dell’imperatore. La ragazza dice che anche lei vuole combattere, Aranea le dice che a 10 anni è troppo presto, così inizia una riflessione sulla propria infanzia.

Quando Aranea aveva circa la sua stessa età, il suo villaggio venne attaccato da daemon e le fu ordinato di portare i bambini più piccoli nel seminterrato della chiesa e nascondersi mentre gli adulti combattevano. Ebbe la stessa risposta “troppo presto per combattere a 10 anni” da suo padre, prima che entrambi i suoi genitori venissero uccisi.

Loqi affida la bambina a Aranea ringraziandola sottovoce, mentre un’orda di daemon si avvicinava con fare minaccioso. Mentre Aranea si dirige verso il treno e Tenebrae, lo osserva un’ultima volta nella lotta furiosa con la sua armatura Magitek, e lo sente esclamare “Gloria all’Impero Niflheim!”. Aranea rivolgendosi alla sua flotta aerea riferisce che la loro missione finale è quella di proteggere Tenebrae.

Sono a corto di proiettili e cercano di abbattere l’aeronave che trasporta Diamond Weapon, riescono miracolosamente a danneggiare abbastanza l’aeronave da farli schiantare, ma Weapon è ancora attivo. Aranea prende la sua lancia per combattere Diamond Weapon da sola.

Diamond Weapon viene distrutto, i rifugiati arrivano a Tenebrae in salvo, tutti sono vivi. Aranea finalmente parla con la ragazza, che si rivela essere Sol Antiquum, la figlia segreta del figlio defunto dell’imperatore. Conforta la ragazza e la abbraccia, ricordando di nuovo se stessa da bambina. 10 anni dopo, nel mondo in rovina, Sol è cresciuta e ha imparato a combattere, cresciuta da Aranea, ed è ora un adolescente ribelle. Aranea cerca di inviare Biggs e Wedge con lei in missione, ma Sol insiste sul fatto che non ha bisogno di essere trattata come una bambina. Biggs e Wedge sono apparentemente ancora più iperprotettivi. Nel frattempo, Aranea cucina un pasto con cibo in scatola mentre aspetta che lei ritorni.

Continua nella pagina successiva.
1 2