Gameromancer 27: il videogioco come viaggio atrale/sega mentale

Mentre Troy Baker fa intendere che il ruolo non gli è mai stato offerto, il CEO della compagnia afferma il contrario.

C’è molta agitazione in questo periodo intorno a Borderlands 3 e all’attore Troy Baker, che qualche giorno fa ha voluto esternare il proprio disappunto riguardo al non poter di nuovo vestire i panni di Rhys, personaggio che originariamente gli era appartenuto in Tales from the Borderlands

Mentre Baker punta il dito verso Gearbox, dall’altra parte il CEO della compagnia ha fatto notare come sia stata, invece, una decisione dell’attore quella di non voler reinterpretare il ruolo.

Recentemente, su Twitter, un fan ha chiesto direttamente al CEO di Gearbox, come mai Baker non fosse presente nei panni Rhys. “Questo dovete chiederlo direttamente a Troy”, è stata la risposta di Pitchford. “Il direttore del sonoro mi ha soltanto detto che ha rinunciato al ruolo.”

Pitchford ha poi continuato: “Fortunatamente, per come Rhys appare nel gioco, non penso che le cose cambino molto. Lo potrete vedere con i vostri occhi una volta che il gioco sarà rilasciato e potrete decidere se essere in disaccordo con me o meno.”

Da come Pitchford lascia intendere, è probabile che Rhys non presenterà dei dialoghi importanti nel gioco, anzi forse non ne avrà affatto, motivo per cui lo vediamo affermare che la presenza o meno di Baker, come voce del personaggio, non è affatto fondamentale all’interno di Borderlands 3.

Restiamo a vedere se Baker avrà qualcosa da dire a riguardo e nel frattempo attendiamo trepidanti il 13 Settembre, data in cui sarà rilasciato ufficialmente Borderlands 3 per PS4, Xbox One e PC in esclusiva Epic Game Store.

Fonte: Dualshockers