News
di Giuseppe Pizzuti
il 3 dicembre 2015, 12:04
in News

Il Game Director Philippe Moreau ha rilasciato tantissime informazioni sul Blog di PlayStation sul nuovo titolo Vampyr, un RPG creato da Dontnod Entertainment, lo studio che ha lavorato su Life is Strange.

 

Qui troverete tutto ciò che il direttore ha scritto:

Cosa ci puoi dire sul gameplay di Vampyr?

Vampyr è un action RPG con meccaniche di combattimento, esplorazioni e investigazioni crude e cruenti – dovrete trovare molti indizi, e parlare con tante persone, così come vagare furtivamente tra le strade di Londra.

 

vampyr 1

 

Con l’uso dei poteri da vampiro – come potevate aspettarvi! – e autentiche armi “improvvisate”, come una sega (il nostro protagonista è un chirurgo dopo tutto), combatterete sia con nemici mitici che con quelli umani.

 

Potrete inoltre utilizzare una grande varietà di armi, e c’è altro ancora con cui combattere, ma non siamo ancora pronti a rivelarvelo.

 

Una delle cose più interessanti è che chiunque incontriate in Vampyr, potrebbe essere un obiettivo, se lo desiderate. Ma ogni omicidio avrà delle conseguenze sulle fragili strade di Londra. Potrete avvertire e vederne le conseguenze. Esse avranno effetto sulla storia, spesso immediatamente, ma talvolta anche dopo un po’ di tempo. I vampiri devono mangiare dopo tutto. Ma in fondo, come dice il detto – tu sei ciò che mangi – secondo Reid. Questi è un vampiro umano… o almeno non ha scordato da dove proviene. Ma non pensate che questo lo renda “buono”. Vedrete.

 

Perché ambientare un gioco di vampiri all’interno della Londra del 1918 durante l’influenza spagnola?

Volevamo proprio raccontare una storia gotica sui vampiri – non come quelle dei vampiri che brillano e che si vedono in tv e nei film oggi. L’ambientazione doveva essere quella giusta.

 

L’Inghilterra si stava riprendendo dai postumi della Prima Guerra Mondiale, e l’influenza spagnola serpeggiava attraverso i tortuosi vicolo di Londra. Le strade erano piene di morte e crimine, ma l’Inghilterra stava anche andando incontro a molti cambiamenti politici e sociali, e una nuova scienza cercava di vedere in modo diverso il mondo. La superstizione stava diventando socialmente meno rilevante, ma esisteva ancora tra le strade, nel folclore e nella politica di Londra, per questo motivo la scienza si stava sviluppando, ma il mondo restava un posto oscuro e spaventoso. Soprattutto le strade inquinate di Londra, devastate dalla guerra.

 

vampyr 2

 

Chi è Jonathan Reid, il protagonista del gioco?

 

Dunque, questo si lega bene alla prima domanda. Reid era un medico in guerra – uno scienziato, specializzato nello studio del sangue. Usando una nuova tecnica di trasfusione di sangue durante la guerra, Reid è piuttosto scettico delle cose sovrannaturali, per questo potete immaginare quanto abbia trovato difficile avere a che fare con la sua nuova… condizione.

 

Da uomo razionale, Reid vuole scendere a patti con il vampirismo – vuole capirlo. Vuole praticamente trattarlo come una condizione medica, e giocando e incontrando i tanti personaggi nel gioco, scoprirete che queste cose sono molto più meditate o ponderate.

 

Come abbiamo ricreato fedelmente la Londra di questo periodo storico?

 

Abbiamo ricercato gli eventi riguardanti la catastrofica influenza della Londra del 1918, ma abbiamo anche fatto ricerche sugli sviluppi medici e scientifici di questo periodo.

 

Le autorità londinesi riuscirono a malapena a gestire l’epidemia, visto che stavano ancora cercando di riprendersi dalla Grande Guerra, e non volevano comunicare troppe informazioni sull’influenza alla popolazione per ridurre il panico e controllare la gente.

 

La visione drammatica di Londra è presente in centinaia di documenti storici e resoconti visivi dell’influenza, ognuna più oscura di quella precedente. Ma per le strade, l’architettura e l’empatia di Londra, ci sono molti riferimenti reali e romanzati che sono luoghi fantastici.

 

 

 

 

vampyr 3

 

Che ruolo hanno le scelte del giocatore in Vampyr?

 

Uccidere persone innocenti è sfortunatamente il prezzo dell’immortalità. Inoltre, con gli occhi di un vampiro, come definireste innocente? Dovrete uccidere la gente, questo è sicuro… ma come deciderete chi? Le informazioni che immagazzinerete, le cose che vedrete, e le relazioni che porterete avanti definiranno le vostre decisioni. Ma dovrete cibarvi. Non potrete scappare dalla vostra condizione di vampiro.

 

Io spero che questo breve Q&A abbia suscitato la vostra curiosità, e se volete altre nuove informazioni, non esitate a visitare il nostro sito internet! Stiamo lavorando sulle prime immagini in-game, quindi restate con noi, ci sarà tanto altro in arrivo molto presto!

 

Restate con noi per nuove informazioni su Vampyr.


due parole sull'autore
Giuseppe “Klotien” nasce in un bel pomeriggio di maggio del 1990. Passa l’infanzia a subire gol a ripetizione a Fifa ’96, fatality a Mortal Kombat e a cadere dai dirupi di Super Mario. Cresce, ma le cose non cambiano: Neo Cortex lo spinge al limite; non pago, le prende da heartless, slime e dalla gente di San Andreas… ah dimenticavo le fatality e i gol a Pes. Passa poi a Microsoft, ma nulla cambia. Decide quindi di dedicarsi allo studio delle lingue, ma va k.o. comunque a causa delle fatality dei professori dell’università.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su