Gameromancer 27: il videogioco come viaggio atrale/sega mentale

Strando alle dichiarazioni di Guerrilla Games (nella persona di Herman Hulst, Managing Director dello studio) Horizon Zero Dawn offrirà “ore ed ore di esplorazione”. L’obbiettivo non è quello di sviluppare il mondo open world più grande che si sia mai visto, ma piuttosto di confezionare un’esperienza di qualità.

 

È un mondo grande. Non è mai stato tra i nostri obbiettivi creare il più grande mondo possibile, perchè secondo noi il punto non è tanto quello quanto la qualità del viaggio, e la qualità del combattimento tattico contro le macchine che lo abitano. Ma è comunque un mondo vasto che offre ore ed ore di esplorazione in uno scenario post-post-apocalittico.

 
Penso che la forza di Horizon sia che ogni elemento del gioco è li per uno scopo, e tutto è coerente. C’è molta coesino tra le tribù, come Aloy si comporta con loro, le macchine, le altre creature robotiche e come interagiscono con Aloy e lei con loro.

 

Le tribù sono molto diverse tra loro e i giocatori scopriranno durante il gioco perchè è così e come mai trattano Aloy in modi diversi. C’è uno scopo in questo.

 

Vi invitiamo a continuare a seguirci per scoprire tutte le novità riguardanti Horizon: Zero Dawn, nuova esclusiva Playstation 4 prevista per il 2016.

Fonte