Recensione
di
il

Street Fighter V esce finalmente dall’Accesso Anticipato e… Come dite? Non era in Accesso Anticipato?

Al di là di tutte le facili ironie che si possono fare attorno a Street Fighter V e più in generale a Capcom, bisogna iniziare ammettendo due cose. La prima è che abbiamo già perso nei confronti della casa di Osaka: possiamo tirar fuori tutta la nostra sagacia, spolverare i meme delle grandi occasioni e prendere per i fondelli Capcom quanto ci pare, ma la perculata a tema Street Fighter migliore rimarrà per sempre Super Ultra Dead Rising 3 Arcade Remix Hyper Edition EX Plus Alpha (è un po’ triste, ricordarsi di Dead Rising solo in queste circostanze, ma tant’è).

 

La seconda?

Beh, Capcom è stata di parola quando ha detto che non sarebbero uscite “Arcade Edition” di Street Fighter V.

Cioè, più o meno.

news
Nessuna versione di Street Fighter V arriverà su Xbox One
Dopo l'annuncio dell'esclusività console di Street Fighter V su Playstation 4 hanno iniziato a circolare voci sempre più insistenti che, di fatto, la cosa si sarebbe tradotta in un'esclusiva temporanea fino all'uscita di una versione estesa del gioco...

Intendiamoci, è ovvio che la promessa non è stata rispettata alla lettera – siete entrati su questo articolo cliccando sulla scritta “Recensione: Street Fighter V Arcade Edition” dopotutto, no? – ma in un senso più generale Capcom è stata di parola, non cadendo in uno dei problemi più drammatici del quarto capitolo del Re dei Picchiaduro: la frammentazione dell’utenza.

Se avete già acquistato il gioco base, l’aggiornamento alla Arcade Edition è gratuito e potete sbloccare i nuovi personaggi con la valuta in-game. Diversamente, sullo scaffale potete andare a pescarvi uno Street Fighter V finalmente completo.

Versione testata: PlayStation 4

Davvero arcade

Due anni fa parlavamo di Street Fighter V riassumendo il tutto con un verdetto inequivocabile, Salvato dal gameplay. Perché senza ombra di dubbio Street Fighter V andava a migliorare l’impianto ludico offerto su disco rispetto al quarto capitolo, costruendo indubbiamente sulle spalle di quest’ultimo – che a sua volta costruiva sul Turbo HD Remix per PlayStation 3 e Xbox 360, capace di rilanciare i picchiaduro 2D tra il grande pubblico (tutti quelli contrari alle rimasterizzazioni, prego sucare duro davanti all’evidenza dei fatti) – ma limando, tagliando e snellendone la formula. Meno possibilità, meno orpelli e un battle system forse più essenziale, ma d’altra parte meno dispersivo e – hai detto poco – più onesto nei confronti del giocatore. L’abilità dimostrata sul ring pesava di più, senza poter ricorrere a mille Ultra Combo (e derivati) buone per sferrare il proverbiale pugno fortunato e mettere KO il nemico senza merito.

Ma un attimo, perché vi stiamo dicendo tutto questo?

recensione
Street Fighter V
Il cammino che ha separato Street Fighter V dall’arrivo sugli scaffali di qualche giorno fa è stato probabilmente più accidentato di quanto si aspettasse la casa madre: non sono mancati fin dall’annuncio leak (a guastare più volte i piani del produce...

Beh, tutto il preambolo – oltre ad essere pensato a misura di pigro, per chi non avesse cliccato sull’approfondimento qui sopra – serviva in pratica a spiegare quanto fosse un’impresa difficile migliorare, dal punto di vista delle meccaniche, un prodotto già molto solido.

Capcom però ce l’ha fatta, bisogna ammetterlo.

Nessuno sconvolgimento, questa volta – niente “mostri sacri” eliminati per rendere più agile il tutto, ma qualche piccolo accorgimento che, sommandosi assieme ad altri piccoli accorgimenti, rendono l’esperienza più rotonda. Torna finalmente la modalità Arcade, grande assente nella versione base (che si rivolgeva, per scelta o per eccesso di furbizia, decidete voi) prettamente a chi voleva fruire dell’esperienza online. E torna in grande spolvero, andando non solo ad inserire sfide a difficoltà crescente che rende giustizia all’offerta in Solo, ma omaggiando i capitoli classici della serie attraverso sei percorsi, ognuno ispirato ad un vecchio episodio del franchise. Dalle origini a questo quinto capitolo, passando per l’istituzione (ovvero Street Fighter II) e per la serie Alpha, in una festa auto-celebrativa che a voler essere maligni ha una maggior ragion d’essere anche rispetto al The Final Challengers uscito l’anno scorso su Switch.

recensione
Ultra Street Fighter II: The Final Challengers
Ai compleanni importanti spunta sempre fuori qualche foto del festeggiato nei suoi anni di gioventù. Street Fighter non si sottrae alla regola, e durante la festa per le sue prime trenta candeline tira fuori qualche polaroid (opportunamente restaurat...

Tante strizzate d’occhio e gomitate nei fianchi agli appassionati storici della serie, che si sentono finalmente a loro agio impugnato Dualshock 4 (che a differenza dei JoyCon di Switch vanta un D-Pad tradizionale, per non dire uno dei migliori in commercio). E ci si sente a proprio agio anche grazie alle migliorie apportate all’interfaccia, che adesso appare più chiara mentre si è in-game e – va detto – più sborona prima di scendere in campo, mostrando il grafico a radar delle abilità dei due personaggi scelti, la data dell’incontro e una serie di informazioni accessorie ai limiti del futile, ma sicuramente d’impatto nella presentazione.

 

Ma dal punto di vista più prettamente ludico?

 

Una serie di nuovi V-Trigger, le abilità introdotte da Street Fighter V al suo esordio, per ciascun personaggio: un po’ come succedeva per le Ultra di Street Fighter IV, adesso alla scelta del personaggio è possibile scegliere quale dei due V-Trigger utilizzare in battaglia, andando a variare ancora la formula e ad introdurre qualche novità a sconquassare lo status-quo delle partite (competitive o meno). Come dicevamo più su, non si tratta di una rivoluzione e sicuramente dietro questa Arcade Edition non c’è il coraggio – perché di coraggio si trattava, al netto delle scelte sbagliate di Capcom – che si poteva trovare dietro l’esordio di Street Fighter V, ma d’altra parte è anche giusto così: la casa di Osaka ha dato una spolverata all’argenteria e ha apparecchiato meglio, per così dire, e alla fine del pasto ci si alza da tavola decisamente più soddisfatti, anche se il menu è in buona sostanza lo stesso dello scorso appuntamento. Da questo punto di vista l’unico neo riguarda ancora qualche sbavatura tecnica, non ancora rientrate al 100% nonostante ci si renda subito conto che qualche progresso, anche in questo senso è stato fatto.

Street Fighter V Arcade Edition - PlayStation 4
Di: Capcom
Data di uscita: 19/01/2018
Prezzo: EUR 39,99
Acquista su Amazon
In conclusione...
8.5
“Ok, adesso potete comprarlo”
Street Fighter V è finalmente pronto a brillare per il prodotto che meritava di essere un paio di anni fa: non ci sono più zavorre dovute dalla mancanza di modalità ovvie (come l'arcade) o date dal ridotto numero di lottatori, e non ci sono più scuse che tengano. Il gameplay di gioco adesso ha tutti i mezzi per farsi valere, in un mercato - e anche in una finestra di uscita - che comunque dal punto di vista dei picchiaduro non scherza.
Finalmente è un prodotto completo
Gameplay solidissimo (e limato)
L'arcade torna in grande stile
x La stagione 3 andrà valutata in corsa
x Ancora qualche difetto tecnico

due parole sull'autore
Laureato con disonore in Informatica, tra una cosa e l'altra ha a che fare con la tecnologia praticamente da quando ne ha memoria. È il magnaccia a capo degli aspetti creativi del progetto, dal layout fino alle questioni autorali: la sezione Speciali è la sua Mother Base, e Gameromancer - il podcast videoludicamente scorretto il mezzo con cui terrorizza anche l'etere.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su