Speciale
di Pietro Iacullo
il 23 dicembre 2017, 07:00
in Speciali

Con DoomGuy, quarta versione ufficiale di I Love Videogames, siamo pronti a prendere a calci nel c*lo tutto quello che vi aspettate dall’informazione videoludica anche nel 2018.

Bayonetta aggiungeva il responsive design

Bayonetta (non il titolo Platinum Games, ma la versione 2.0 di I Love Videogames) in un ottobre di tre anni fa introduceva il design responsive su queste pagine, in modo da rendere il portale navigabile tranquillamente a prescindere dal dispositivo. Periodo diverso – eravamo aperti da veramente pochissimo –, tempi diversi, e anche impegni diversi: macinavamo, io per primo, un decimo dei contenuti che tiriamo fuori dal cilindro adesso e quindi c’era tempo in abbondanza da perdere, anche per scrivere articoli di dubbia utilità che “ufficializzavano” l’uscita dell’aggiornamento.

speciale
I Love Videogames 2.0 “Bayonetta”
In testing da circa una settimana, la versione di I Love Videogames (nome in codice “Bayonetta”) è, toccando ferro, finalmente ultimata.   La novità principale è senza dubbio l’adottamento di un design responsive per il sito web: i nostri...
Coco Bandicoot invece si concentrava sul desktop

Alla nostra versione 3.0 – nome in codice, Coco Bandicoot – è andata peggio per quello. Era un update che andava decisamente festeggiato, perché rendeva più figa l’Esperienza Utente del sito su desktop. La barra dei correlati a destra degli articoli non occupava (e non occupa) più spazio inutile nel caso di notizie brevi, e nei pezzi più impegnativi scorre assieme al testo invece di lasciare un “buco”. Stessa filosofia nella home page, l’home page che avete avuto davanti fino ad oggi, più animata e più efficiente nell’utilizzo dello spazio, andando a nascondere la colonna dei giochi del momento quando la si andava a superare con lo scroll. Non abbiamo scritto due righe in proposito perché non c’è stata occasione, ma per quanto mi riguarda il mio parere da tecnico è assolutamente positivo. Coco Bandicoot è stato un aggiornamento importante poi voi e divertente per me da sviluppare, perché mi ha permesso di arricchire molto il colpo d’occhio del sito, rivedendo anche alcune scelte stilistiche che ci si portava dietro dal day one di I Love Videogames.

 

Oggi però diamo un taglio ancora più netto con il passato con DoomGuy, I Love Videogames 4.0

 

Homepage stravolta: da una parte gli articoli più fighi, dall’altra i contenuti in evidenza. DoomGuy ci trasforma in un vero magazine virtuale

Lo facciamo dicendo addio e grazie per tutto il pesce al carousel che abbiamo tenuto in homepage dall’inizio, una soluzione che dal 2014 ad oggi è passata dall’essere molto in voga a diventare desueta – e che abbiamo mantenuto fino a questo momento anche per quello, nel suo essere anacronistica era distintiva (madonna quanto mi sento Nintendo a scrivere questa cosa). Ma dal 2014 ad oggi siamo cambiati, abbiamo una visione diversa di quello che vogliamo fare su Internet e di quelli che sono i contenuti più interessanti da esibire al primo accesso. Siamo una specie di “rivista 2.0”, con un approccio che ricorda molto quello della carta nelle intenzioni ma che non si dimentica di essere sul web e di essere multimediale – qua fate finta che ci sia il solito product placement a caso di Gameromancer, il nostro podcast. E quindi? E quindi volevo una homepage che riflettesse questa cosa: un approccio da copertina da magazine, ma senza dimenticarci della componente interattiva che la carta non ha mai avuto. Due anime in conflitto, in apparenza, ma che abbiamo sistemato tutte e due al loro posto. La nuova homepage mette subito in evidenza la copertina in stile magazine – che cambierà su base settimanale, a seconda del contenuto principale che vi proporremo (il titolone enorme in alto) e, in fondo a sinistra, gli ultimi tre articoli da non perdere pubblicati su I Love Videogames. La parte a destra invece, se la vostra risoluzione lo permette, spinge i nuovi progetti: l’ultima puntata di Gameromancer (con possibilità sia di ascoltare il podcast direttamente dalla home, sia di andare all’articolo per leggere la scaletta e scaricarlo), il nostro #GiocoCopertina che finalmente trova una sua ragion d’essere anche sul sito principale – indicando l’ultimo articolo pubblicato che fa parte della copertura – e i giochi in evidenza, le ultime recensioni e anteprime pubblicate.

 

i love videogames 4.0 doomguy

Ebbene si, quello li a destra è un player per il nostro podcast, Gameromancer

 

Con l’occasione abbiamo adattato anche la visualizzazione degli articoli subito sotto la copertina, in modo da permettervi di sfogliare il nostro pseudo-magazine in modo più caz*uto. Via definitivamente la colonna a destra, maggior focus sugli articoli veri e propri, che occupano più spazio e vi permettono di capire subito se vale la pena cliccare e approfondire o meno. Personalmente un po’ mi spiace non avere più l’animazione di transizione che “allargava” gli articoli una volta superata la colonna con i giochi del momento, ma bisogna ammettere che non era una soluzione perfetta a livello di Esperienza Utente e che nel complesso adesso regna l’ordine, alla faccia del caos.

 

doombuy_mobile

Da mobile? Magazine batte multimedia, ma l’effetto finale fa maledettamente rivista



due parole sull'autore
Laureato con disonore in Informatica, tra una cosa e l'altra ha a che fare con la tecnologia praticamente da quando ne ha memoria. È il magnaccia a capo degli aspetti creativi del progetto, dal layout fino alle questioni autorali: la sezione Speciali è la sua Mother Base, e Gameromancer - il podcast videoludicamente scorretto il mezzo con cui terrorizza anche l'etere.
Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su