Speciale
di
il 8 agosto 2017, 08:37
in Speciali

40°, niente aria condizionata, madido di sudore ma sempre pronto a redigere la consueta guida mensile per voi, cari abbonati PlayStation Plus! La Instant Game Collection di questo rovente agosto deve fare i conti con quella scoppiettante e ricchissima del mese scorso, cercando di tenerle testa con un altro pezzo da 90, il tamarrissimo Just Cause 3 di Avalanche Studios, titolo a costo zero (o paramentro zero, essendo in pieno calciomercato) che vi terrà compagnia nel pre-vacanze, post- vacanze o se purtroppo in vacanza non potrete andarci. Partiamo dunque con la gustosissima lista di questo mese, un 6+1 dove la “bonus track” è ancora una volta il party game “Dimmi Chi Sei!“, di cui vi linko la nostra anteprima per non ripetere la stessa descrizione del mese scorso! Rinnovate l’abbonamento e… Partiamo!

Just Cause 3 (Avalanche Studios) – PS4

Abbattere un regime dittatoriale nel modo più spettacolare e spericolato possibile, questo è Just Cause 3, folle open world ad alto tasso di tritolo e pallottole di Avalanche Studios. Rico Rodriguez è incontro perfetto tra Rambo e Spiderman, il primo per il grilletto facile e l’indole da “one man army”, il secondo per un utilizzo anti-fisico del rampino con cui arma il braccio sinistro, che gli permette di volare tra i caratteristici edifici del fittizio arcipelago di Medici, nel Mediterraneo, oltre che giocare con oggetti e scagnozzi del regime. Legare uno di questi derelitti a una bombola di gas, sparare a questa e vederlo volare nel blu dipinto di blu è solo una delle spettacolari chicche di gameplay che vi faranno rimanere con un sorriso ebete stampato in faccia. E poi tonnellate di collezionabili che faranno la gioia dei completisti, sfide e la possibilità di paracadutarsi e sfrecciare in picchiata con la tuta alare completano un pacchetto che non si prende mai troppo sul serio, regalando (è proprio il caso di dirlo questo mese) ore e ore di divertimento sfrenato e senza fronzoli, con una trama pretestuosa e una quantità industriale di esplosioni. BOOOOM BABY!

recensione
Just Cause 3
Se negli anni passati si puntava maggiormente sulla forma in questa ottava generazione, come abbiamo già avuto modo di approfondire, il trend sembra essere quello dei contenuti. In particolare in questo 2015 ormai quasi al termine gli scaffali videol...
Assassin’s Creed: Grido di Libertà (Ubisoft) – PS4

Nato come DLC di Assassin’s Creed IV e disponibile anche, come in questo caso, in versione stand-alone, “Grido di Libertàscava in uno dei capitoli più vergognosi della storia umana, quello della schiavitù negli Stati Uniti d’America tra ‘600 e ‘800. Nei panni dell’afroamericano Adewalé, fuggito da una piantagione, inferno in terra di un’intera popolazione soggiogata da questa follia legalizzata, divenuto poi Assassino e capitano di vascello, dovremo liberare Port-Au-Prince ad Haiti, sfogando violenza e rancori accumulati nei terribili anni di schiavitù e sfociati in una implacabile ferocia a colpi di machete. Un mini-capitolo che affronta un grande tema, quasi mai sfiorato dal nostro medium e capace di intrattenere ma soprattutto di emozionare e far riflettere. Spezzate le catene!

speciale
Assassin’s Creed: l’ultimo grande fenomeno videoludico
Chi siamo noi, benedetti a tal punto da condividere le nostre storie così? Da parlarci attraverso i secoli? Le parole pronunciate da Ezio Auditore in una delle sequenze più emozionanti della saga descrivono alla perfezione il fenomeno Assassin's Cr...
Super Motherload (XGen Studios) – PS3

Scaviamo ora nell’offerta Plus del reparto geriatrico Sony, ovvero PlayStation 3, salendo su di un futuristico escavatore per il “Viaggio al centro della terra” firmato XGen Studios. Super Motherload si rifà ai classici del genere speleologico, come Spelunky, il classicissimo Dig Dug e il più recente Steamworld Dig, differenziandosi dagli stessi per una spiccata indole cooperativa fino a 4 giocatori e un setting marziano pregno di misteri da far rizzare i peli delle braccia. Un po’ sandbox e un po’ puzzle, come una razza aliena ibrida (guardo troppo Focus, scusate), dove l’esplorazione diventa via via sempre più profonda, sia in termini altimetrici sia di meccaniche, sbloccando attrezzature più performanti (e perforanti),grazie alle queli raccogliere minerali, riportarli in superficie per rivenderli, per poi tornare a scavare nel torbido che alberga sotto la superficie del Pianeta Rosso, in un circolo virtuoso-vizioso senza sosta. Un titolo davvero interessante, soprattutto a costo zero, intrigante pur nella sua imperfezione. Andate e trivellatene tutti.

Snakeball (Gamoola Soft) – PS3

Vi mancano le ore passate giocando a Snake sui vostri Nokia 331o, con le mani sotto il vostro banco a scuola, rischiando nota di demerito e ritiro del cellulare? Ebbene, 9 anni fa, Gamoola Soft decise di prendersi carico dello svecchiamento del classico mobile game per eccellenza, portandolo in 3D su PS3 e aggiungendo luci stroboscopiche da disco music. La raccolta di sfere rimane il perno centrale dell’esperienza, a cui sono state aggiunte parecchie variabili, come la necessità di portare le stesse in una particolare zona di raccolta, la necessità di evitare nemici ed attaccarli a nostra volta con un vasto arsenale di power up. Il risultato è un’arcade vecchia scuola basato sul punteggio, il cui scarso appeal visivo e una fastidiosa imprecisione dei comandi lo rende un appetibile scacciapensieri da abbonati. Per tutto il resto, c’è Snake Pass!

Downwell (Ojiro Fumoto / Devolver Digital) – PS Vita

Nato dall’idea geniale di un game designer laureato in canto lirico, Downwell è bizzarro e travolgente come la storia del suo papà, vera e propria attrazione di peso della Instant Game Collection al pari di Just Cause 3. L’eterna caduta in un pozzo senza fondo, bianco, nero e rosso sangue, armati di una concentrazione ai limiti dello Yoga e un paio di stivali dall’infinita riserva di piombo, mentre dal basso creature immonde vogliono impedirci di scoprire cosa giace nelle profondità della voragine in pixel art. Un concept tanto semplice quanto geniale, che reinterpreta gli shooter a scorrimento – per la prima volta rigorosamente in caduta libera – fondendoli con elementi platform e roguelike, dove la precisione vale un’insulto in meno urlato agli inferi. Lanciate una monetina nel pozzo dei desideri.

Level 22: Gary’s Misadventure (Moving Player) – PS Vita

Quando un videogioco ci mette nei panni di un fantozziano impiegato in eterno ritardo al timbro del cartellino” ecco che nasce Level 22, bizzarro titolo di Moving Player dedicato a tutti quelli che arrivano tardi a lavoro, rischiando di beccarsi salati rimproveri dai propri superiori. Gary, Solid Snake dei ragionieri, dovrà infiltrarsi negli uffici della sua azienda senza farsi notare da guardie giurate e colleghi, col fine ultimo di raggiungere la sua postazione di soppiatto e fare come se nulla fosse accaduto. Che tutto questo misunderstanding sia risolvibile chiedendo un’ora di permesso è una realtà che rischia di far sgretolare un titolo che, a un’idea di base accattivante, fornisce un gameplay stealth sui generis decisamente dimenticabile e poco longevo. Una possibilità però non si nega a nessuno, anche solo per impersonare uno sfortunato impiegato con un’incombente nuvola sopra la testa, rendendo omaggio al grande Paolo Villaggio. “Com’è umano lei!“.

Un agosto da bollino rosso

Dopo la scorpacciata di luglio era lecito aspettarsi un calo di temperature dell’offerta ludica made in Plus. Non una cocente delusione, sia chiaro, anche perché tra Just Cause 3 e Downwell i pistoleri virtuali sapranno come divertirsi, mentre chi ha ancora una PlayStation 3 attaccata al respiratore, pardon, televisore, non avrà molti motivi per accenderla, se non per farsi rapire dal buon Super Motherload. Il ritorno dalle ferie sarà addolcito da Sony per i Plus di settembre? Non vi resta che continuare a seguirci per scoprirlo, riposati e abbronzati. Bevete tanto (anche acqua possibilmente) e ricordate la crema solare, come dice sempre il TG5. Buone vacanze e buon gioco a tutti!



due parole sull'autore

Un milanese col cuore sui colli piacentini, “romantico” del videogioco con una spiccata predilezione per tutto ciò che viene da Kyoto e dal passato. Se non lo beccate nel Regno dei Funghi, lo potete trovare su qualche pista virtuale a bordo di qualche bolide che non potrà mai permettersi, a causa della sua sindrome da shopping videoludico compulsivo. Appassionato tifoso dell’F.C. Internazionale, segue anche le imprese dei grandi del ciclismo. Nel tempo libero cerca qualcuno con cui confrontarsi sui film di David Lynch senza che egli muoia di noia.

Commenta con:
Seleziona il sistema di commenti cliccando sull'icona


Torna su