Esiste un solo bene, la conoscenza, e un solo male, l’ignoranza

Non voglio che approcciate questa recensione di The Eternal Cylinder come una normale recensione. E no, non voglio neanche che l’approcciate come le “normali” recensioni di I Love Videogames. Questo perché non ho alcuna intenzione di dirvi com’è il gameplay. Vi basti sapere che funziona, con delle piccole riserve sulla parte survival. Per il resto il gameplay di The Eternal Cylinder non è che un accessorio a quella che è una critica alla specie umana e a quello che sta facendo al pianeta e ai suoi simili. Critica che passa anche dal gameplay, ma che non può essere frammentata in parti. E’ un tutto, come la mente collettiva degli esserini protagonisti del gioco. Un titolo che dimostra come i videogiochi siano veicoli prioritari di messaggi importanti grazie alla loro interattività.

The Eternal Cylinder parla di famiglia, quella vera, non quella fittizia creata dalla religione umana

Cosa siamo noi?

Questa è la prima domanda a cui risponde il gioco: cosa siamo noi? Noi come specie cosa siamo? Perché anche senza particolari abilità siamo in grado di sopravvivere? Cosa abbiamo di speciale? La risposta è il passato. Noi umani come i piccoli esserini di The Eternal Cylinder abbiamo la capacità di imparare dalla nostra storia, di essere unici e allo stesso tempo simili a chi ci sta accanto perché accuomunati da uno stesso inizio. I Trebhum hanno l’abilità di mutare a piacimento semplicemente mangiando. Questo rende la loro piccola stazza non un handicap, ma un punto di forza. Sono perfetti per scappare dall’enorme cilindro che sta spianando il pianeta in cui vivono. Non hanno zanne, quindi chiunque vuole ucciderli, ma loro hanno stampati nel cervello i ricordi dei loro antenati che un tempo dominavano quelle terre. Questa memoria è andata perduta dopo anni di terrore e distruzione. Ed è quello che succederà a noi se non ci uniamo e proviamo a cambiare le cose.

Il messaggio di The Eternal Cylinder è chiaro: noi umani non siamo forti o veloci, ma tutti insieme siamo in grado di distruggere o salvare il pianeta. Purtroppo la strada che abbiamo scelto è quella della distruzione. Non siamo diversi da quell’enorme cilindro.

Da The Eternal Cylinder dovremmo imparare che siamo fautori del nostro destino. Anche di quello avverso.

E se fossimo tutti uguali?

La seconda domanda a cui risponde il gioco è: E se fossimo tutti uguali? Se fossimo tutti uno, senza più differenze, forse il mondo sarebbe un posto migliore? Se tutto fosse matematicamente regolato. Se tutto fosse piallato secondo dei canoni geometrici perfetti. Se non esistessero le piante, i colori, le creature, ma solo un’unica distesa di terra e una mente unica in uno spazio assurdo, non sarebbe tutto meglio? Questa è una delle domande più pesanti che una creatura vivente si possa fare. Vedere i proprio simili diversi da sé, vedere che quegli stessi simili si fanno la guerra pensando che un colore di pelle sia migliore di un altro. Domande che troverebbero una soluzione se solo ci liberassimo della prigione corporea e vivessimo per sempre all’interno di uno non-luogo fuori dalle logiche di tempo e spazio.

Soluzione che, però, appiattirebbe tutto. Cos’è la vita se non c’è morte e, soprattutto, cos’è la vita se tutti percorriamo la stessa identica strada. The Eternal Cylinder nella sua semplicità prova a farci ragionare su quanto la diversità sia ricchezza. Come ho detto i Trebhum possono mutare e ogni mutazione è essenziale per la salvezza. Ma non si tratta solo di loro. Si tratta di chi hanno attirato con il loro canto e il loro coraggio. Una specie che non può tramandare la memoria ma che è stata attirata da quegli esserini così pieni di speranza.

Ed è finendo questa recensione un po’ particolare di The Eternal Cylinder che vi dico di pensare quando giocate. E’ tutto bellissimo nel gioco, ma è davvero tutto un contorno. Quello che lascia The Eternal Cylinder è il suo messaggio di speranza, di cambiamento, di unione nella diversità.

Giocate The Eternal Cylinder non per il suo gameplay, ma per capire voi stessi e la specie umana.

Voto e Prezzo
8 / 10
24€ /24€
Commento
The Eternal Cylinder è una piccola avventura da circa 16 ore. Un'avventura dove il gameplay è un contorno. Il messaggio di unione e di fratellanza è il motore di tutto il titolo ed è ciò che davvero rimane di questa esperienza. Giocatelo per voi stessi.
Pro e Contro
Musiche
Design del mondo e delle creature
Storia

x La componente survival
x I controlli

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion