Recensione Starcraft II

Blizzard è sempre sinonimo di qualità , la bellissima serie strategica Warcraft, la sua arma di distruzione di massa chiamata World of Warcraft e lo storico Diablo la rendono l’azienda di gaming PC più conosciuta e potente al mondo. Ma se dobbiamo parlare di un gioco che ha cambiato una generazione di videogiocatori e creato un vero e proprio fenomeno sociale dobbiamo parlare del re degli strategici, Starcraft. Il primo Starcraft ha rivoluzionato il settore con la straordinaria giocabilità  e il rivoluzionario comparto multyplayer Battle.net. Il gioco ha continuato a essere una delle colonne del multyplayer internazionale fino al rilascio del secondo capitolo, in paesi come il Sud Corea i giocatori sono acclamati come star e i tornei sono questione quotidiana. Dopo anni di posticipazioni e date incerte la Blizzard ha finalmente messo in commercio il suo gioiellino, scalando in pochi giorni le classifiche degli RTS PC.

LANCIO NUCLEARE RILEVATO…

La prima cosa che salta all’occhio quando avviamo il gioco sono i menù, un’interfaccia ben ideata rende ogni “movimento” facile e intuitivo senza dover girare mille pagine e sottopagine. Il gioco è semplicemente diviso in due parti, Singleplayer e Multiplayer. Nella sezione Giocatore Singolo potremo continuare le spericolate avventure di Jim Raynor e i suoi randagi nella splendida Campagna o cimentarci in sfide a premio che metteranno a dura prova le nostre abilità da comandante. La Campagna si connette direttamente ai fatti raccontati in Brood War e in questo primo capitolo si incentrerà sui Terran. Si ho scritto primo capitolo, perchè Starcraft II è una trilogia (Wings of Liberty, Heart of the Swarm e Legacy of the Void) dove in ogni episodio intraprenderemo le gesta delle diverse razze sotto vari tipi di gameplay. Wings of Liberty si basa sul puro gioco strategico in tempo reale. Durante la Campagna ci verranno proposte delle missioni bivio che cambieranno in parte la storia stessa, ad esempio se accetteremo di aiutare un alleato rispetto a un altro riceveremo nuove unità di diverso tipo me le missioni scartate potranno essere rigiocate nel menù di gioco una volta completata la Campagna. Piccole chicche arricchiscono la già ottima storyline, la presenza di un Armeria dove si possono modificare le unità aggiungendoci armi, armature o abilità , un laboratorio dove studieremo le tecnologie Zerg e Protoss per poterle integrare in quelle Umane e la possibilità  di assoldare super unità  Mercenarie rendono il tutto vario e mai ripetitivo. La storia è davvero ben creata, i colpi di scena non mancano e i filmati in Computer Grafica lasciano senza fiato. Per quanto riguarda la grafica, il gioco richiede schede grafiche potenti per essere goduto al meglio, nelle maggior parti dei computer comuni il gioco dovrà essere girato a normale o basso per ovviare le cadute di framerate, cosa che rovina il coinvolgimento della campagna, dove il 70% dei filmati è creata direttamente dal motore di gioco. Gli effetti in partita rendono abbastanza bene anche ai livelli minimi di grafica e quando settati al massimo creano un fantastico spettacolo visivo; ottimo anche il doppiaggio.

FORMULA CHE VINCE NON SI CAMBIA

Se la campagna già  per se rende il gioco eccezionale, il comparto Multiplayer lo rende ai limiti della perfezione. Vedendo che il successo di Starcraft era dovuto per la maggiore dal comparto online, la Blizzard ha praticamente “aggiornato” quella vecchia, il gameplay è rimasto invariato così come la maggior parte delle tattiche (a parte qualche discutibile bilanciamento di unità ). Le mappe sono ben disegnate e offrono un buon livello tattico, importante accessorio che rende il gioco online teoricamente “infinito” è l’editor di mappe. I giocatori più esperti potranno creare la propria mappa o addirittura il loro gioco tramite questo editor, potremmo definirlo un LittleBigPlanet per PC. Il multiplayer è suddiviso in Leghe che variano in base alla bravura dei giocatori: Campione, Diamante, Oro, Argento, Bronzo. Tramite 5 partite di prova verrete giudicati e inseriti nella lega corretta e potrete salire di lega distinguendovi tra gli altri scalando la classifica. Le modalità online sono standard: tutti contro tutti, 1v1, 2v2, 3v3, 4v4, che permettono a ogni giocatore nel cimentarsi nello stile di gioco preferito, dai tesi scontri faccia a faccia 1v1 al gioco di squadra del 4v4, ogni lega è separata dalle altre. Le unità  disponibili per razza sono varie, anche se la maggior parte delle volte la creazione di massa dell’unità di punta basterà  per vincere. L’online di Starcraft II non è molto adatto ai videogiocatori che si cimentano per la prima volta negli RTS, la pesante competitività e abilità di certi giocatori porteranno quasi sempre a una lunga serie di sconfitte iniziali. Per il lancio del gioco Blizzard ha rinnovato il Battle.net, creando una rete di gioco multi-titolo. Gli amici che avrete aggiunto tramite l’ID Battle.net saranno sempre collegati con voi anche se stanno giocando a World of Warcraft o il prossimo Diablo.

Verdetto
9.5 / 10
NON è come giocare a Warcraft!
Commento
Starcraft si ripresenta perfetto anche in questa nuova incarnazione. Quello che doveva fare l'ha fatto e si è ripreso il trono tra gli strategici in tempo reale. I vecchi fan potranno vedere un gioco che hanno amato sotto un nuovo e bellissimo comparto grafico e i neofiti saranno in grado di prenderci confidenza velocemente. Non potete dire di essere fan degli RTS senza possedere questo grande titolo che per la seconda volta ci porta al centro della battaglia. FOR THE SWARM!
Pro e Contro
Campagna coinvolgente e ben curata
Multiplayer perfetto
Effetti grafici ottimi

x In fondo è un restyling dello Starcraft originale
x Richiede requisiti esosi

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion