Sembrava dover finire a Marzo, l’avventura episodica di Telltale ambientata nel prolifico universo di Minecraft, quando con un annuncio a sorpresa vennero riconfermati altri tre episodi che avrebbero mostrato nuove vicende e imprese di Jesse e compagni. Tre nuovi episodi disponibili sugli store della propria console di riferimento (PlayStation 4 e PlayStation 3, Xbox One e Xbox 30, PC tramite Steam mentre rimane ancora incerta l’uscita Wii U) tramite un Adventure Pass o singolarmente. Scopriamo insieme se A Portal to Mystery conferma le impressioni di Order Up! o ci smentisce collegandosi ai primi quattro capitoli di  Minecraft: Story Mode.

Come ogni recensione episodica, ci saranno Spoiler sugli eventi accaduti nei primi 5 capitoli di Minecraft: Story Mode, in particolare sul finale di Order Up! Mentre non andremo troppo nel dettaglio sulla storia di A Portal to Mystery.

Versione Testata: PlayStation 4

Non esistono cose come le zucche albine

Al termine di Order Up! Jesse e gli altri membri del nuovo Order of the Stone non erano riusciti a tornare a casa, ma avevano trovato un immenso corridoio pieno di portali su altri mondi. Varcata la soglia di uno di questi, i quattro eroi si troveranno in una pianura piena di zombie, decisi in ogni modo ad eliminarli. Mentre combattono l’orda, Jesse troverà un invito ad una villa, un posto sicuro in cui  i non-morti non possono entrare, o almeno questo è ciò che recita il messaggio. Raggiunta la magione l’Order of the Stone farà la conoscenza con degli strani individui, invitati anche loro da misteriosi biglietti, mentre è in corso un litigio verbale le luci si spengono ed uno dei nuovi arrivati muore all’improvviso. Il padrone della villa è White Pumpkin, un killer omicida che pensa  che uno degli invitati abbia la chiave per il portale, inizia così un gioco al massacro eliminando uno ad uno i presenti con trappole arzigogolate. Jesse e i suoi ovviamente non vogliono restare fermi a farsi ammazzare e decidono di scoprire l’identità dell’assassino.

Esattamente come accaduto per Order Up! se escludiamo i due minuti finali che si collegano al prossimo episodio, A Portal to Mystery è giocabile singolarmente, e data l’assenza di praticamente ogni

non serve scomodare Agatha Christie

riferimento alle puntate precedenti, si rivela una storia dalla dubbia utilità ai fini della trama principale. Andare a scomodare Agatha Christie e Dieci Piccoli Indiani non basta per confezionare un mistero facilmente risolvibile, con un enorme buco di trama nel mezzo a cui non verrà mai dato risposta. A Portal to Mystery prova ad intrattenere per un paio d’ore ma la sensazione di “già visto” e di dilatazione dei fatti principali si fa sentire sempre di più ad ogni minuto che passa. I nuovi personaggi introdotti non risultano nemmeno troppo convincenti, e a maggior ragione, non dovendo riapparire in futuro, si dimenticano non appena iniziano a scorrere i titoli di coda.

Il peso dei mesi

La sensazione di déjà-vu si riflette anche nelle poche fasi di gameplay, in cui vengono riproposte tutte le meccaniche degli episodi precedenti dalla fuga al crafting, fino al combattimento finale con White Pumpkin, unico momento leggermente divertente di questo sesto episodio di Minecraft: Story Mode. A poco serve lodare il buon lavoro di doppiaggio che ormai ci accompagna dallo scorso Ottobre, e  l’inclusione di membri attivi della community di Minecraft tra le new entry temporanee di A Portal to Mystery. La storia di Jesse poteva continuare con una seconda stagione (Cosa che a tutti gli effetti è, data la presenza di un ulteriore season pass), ma al momento le nuove vicende dell’Order of the Stone  non riescono a convincere, risultando fin troppo slegate e con solo due episodi al termine (sarà vero questa volta?).

Verdetto
6 / 10
Dieci piccoli indiani in salsa Mojang
Commento
A Portal to Mystery tenta di aggiungere un tocco di mistero alle avventure di Jesse, andando a confezionare un altro episodio quasi del tutto auto-conclusivo e senza proseguire nella trama principale. L'episodio in se non è brutto, ma la sensazione di déjà-vu e, soprattutto, di prolungamento non necessario continua a crescere ad ogni nuovo capitolo, andando a minare anche il discreto lavoro della prima metà di stagione. Mancano due episodi a quella che sarà la nuova conclusione della avventure di Jesse, riuscirà Telltale a recuperare?
Pro e Contro
Un altro episodio autoconclusivo
Buon doppiaggio inglese

x Trama scontata
x Fasi di gameplay ormai ridondanti

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion