Lunediscord #1: Je suis Valve

Recensione Life is Strange Ep.1 – Chrysalis

Telltale è riuscita, con il suo particolare modo di concepire le avventure grafiche, ad aprire la strada ad un nuovo filone videoludico: i titoli ad episodi. E’ normale, quindi, che altre software house di talento tentino di sfruttare questa caratteristica per dare vita a racconti basati sulle scelte morali e utilizzando in modo intelligente l’abile arte del cliffhanger, ovvero la tecnica con la quale si conclude un episodio tramite un colpo di scena o in un punto di fondamentale importanza narrativa. I ragazzi di Dontnod Entertainment, famosi per aver realizzato il buon Remember Me, hanno quindi provato a gettarsi in questo genere con Life is Strange, titolo suddiviso in 5 episodi e distribuiti a 6 settimane di distanza l’uno dall’altro. Ricordiamo che il primo episodio è disponibile per PlayStation 3, PlayStation 4, PC, Xbox 360 e Xbox One a 4.99€, ma è possibile acquistare la stagione completa a 19.99€. Saranno riusciti nella loro impresa oppure si tratterà di un tentativo andato a vuoto?

Versione testata: PlayStation 4

The human time machine!
L’atmosfera surreale di Life is Strange è qualcosa di unico ed affascinante

La trama di Life is Strange – Chrysalis (questo il titolo del primo episodio) ruota attorno a Maxine Caulfield, studentessa di fotografia che, dopo 5 anni di assenza, torna nella sua città d’origine (chiamata Arcadia Bay) per concludere gli studi. Qui dovrà cercare di adattarsi alla dura vita del campus, affrontare la ragazza più celebre di tutta la scuola e cercare di recuperare i contatti con la sua ex migliore amica, con la quale non ha più avuto contatti da quando decise di andarsene. Tutto sembrerebbe normale, se non che un giorno Max scopre di avere il potere di riavvolgere il tempo e comincia ad avere misteriosi incubi collegati ad un gigantesco uragano. La trama di questo primo episodio funge da prologo all’intera vicenda, ma riesce, grazie all’ottima caratterizzazione della protagonista e alla montagna di citazioni pop, a coinvolgere sin da subito e a creare un’atmosfera onirica che sicuramente riuscirà a conquistare il giocatore. Life is Strange è un titolo che procede con una narrazione lenta, ma mai noiosa e che riesce, grazie alle tematiche trattate, agli ottimi dialoghi e alla possibilità di effettuare scelte che cambieranno la storia, a porsi tra l’Olimpo di questo genere videoludico. Nonostante alcune ripercussioni sulle scelte fatte in questo episodio siano già evidenti, bisognerà però attendere il rilascio dei futuri capitoli per scoprire quanto, effettivamente, le nostre decisioni vadano ad influenzare la storia. Ad ogni modo le ottime premesse ci sono e, narrativamente, si tratta di un titolo che senza dubbio ci sentiamo di consigliare agli amanti delle buone storie e a coloro che cercano atmosfere simili ad opere come Donnie Darko e Twin Peaks (quest’ultimo omaggiato anche con un easter egg all’interno del titolo).

Back to the future!
Un gameplay che ricorda i titoli Telltale, ma con una maggiore interazione con l’ambiente

Il gameplay di Life is Strange – Chrysalis pesca a piene mani dai titoli targati Telltale, con movimenti limitati, dialoghi a scelta multipla e decisioni capaci di influenzare la narrazione. C’è da dire che, rispetto al team di The Walking Dead, i ragazzi di Dontnod puntano maggiormente sull’interazione con l’ambiente, offrendo un maggior numero di elementi da analizzare e, di conseguenza, un maggior numero di riflessioni da parte della protagonista che, in questo modo, appare ottimamente caratterizzata e, in alcuni momenti, quasi “viva” grazie alla valanga di citazioni film, videogames e fumetti. La possibilità di riavvolgere il tempo, in questo primo capitolo, viene utilizzata soprattutto per vedere possibili conseguenze delle nostre azioni che, nel caso non ci andassero a genio, sarà possibile annullare per intraprendere soluzioni differenti. Sarà inoltre possibile utilizzare il nostro potere anche per conquistare la simpatia dei vari personaggi secondari che potremo stupire grazie a risposte sempre corrette (dopotutto, nel caso sbagliassimo, basterebbe tornare indietro di pochi secondi) e ad atteggiamenti consoni al loro carattere. Speriamo comunque che nei prossimi episodi i puzzle legati a questa nostra particolare abilità possano essere più complessi e capaci di spremere a fondo la mente dei giocatori. Ogni episodio di Life is Strange, inoltre, nasconde una serie di fotografie opzionali che dovremo scattare effettuando dialoghi e/o azioni particolari e che vanno ad aumentare la longevità di un titolo che, in caso decidessimo di affrontare solamente la storyline principale, non durerebbe più di un paio d’ore.

Syd Matters is the answer
La musica in Life is Strange è qualcosa di più di un mero contorno

Il comparto tecnico di Life is Strange – Chrysalis, nonostante le animazioni talvolta legnose, convince grazie ad un character design azzeccato, ad una modellazione poligonale dei personaggi principali convincente e, soprattutto, grazie ad una colonna sonora a dir poco stupenda. Tra le numerose tracce che compongono la surreale soundtrack di questo titolo, infatti, spicca Syd Matters con un paio di canzoni che, sicuramente, riusciranno a conquistare il videogiocatore che non potrà fare a meno di ascoltarle anche una volta terminato questo primo episodio. Il doppiaggio in lingua inglese (privo dei sottotitoli in italiano) risulta ottimamente realizzato e sin da subito contribuirà alla totale immedesimazione all’interno di questa storia che fa del comparto sonoro non solo un elemento di secondaria importanza, ma fulcro della vita caotica di Maxine Caulfield.

Verdetto
8.5 / 10
Come sfidare Telltale a testa alta
Commento
Life is Strange – Chrysalis riesce appieno nel suo intento. Il titolo targato Dontnod Entertainment coinvolge, emoziona, diverte e sorprende al punto giusto grazie ad una narrazione di altissimo livello che, tramite ottimi dialoghi e citazioni pop, cattura sin da subito il giocatore trainandolo in una storia onirica e ricca di spunti e temi interessanti. Bisogna vedere come alcuni di questi spunti e le decisioni prese in questo capitolo vadano ad influire sulla narrazione dei prossimi episodi, ma al momento le ottime premesse ci sono tutte.
Pro e Contro
Narrativamente coinvolgente e surreale
Scelte multiple già da ora interessanti
Comparto sonoro stellare

x Peso delle scelte morali da verificare
x Mancanza di localizzazione in italiano