Recensione LEGO Jurassic World

Nel 1993, Steven Spielberg entrò nel cuore degli allora bambini con un film ambientato su un’isola in cui vennero riportati in vita i dinosauri. A più di venti anni di distanza, in concomitanza con l’uscita nelle sale di Jurassic World, quarto capitolo della saga cinematografica, arriva sugli scaffali LEGO Jurassic World, l’immancabile parodia dei mattoncini danesi, che ripercorre le vicende dei quattro film e permette di utilizzare anche i mostri giurassici. Disponibile per PlayStation 4, PlayStation 3, PlayStation Vita, PC, Xbox 360, Xbox One, Wii U e 3DS, sarà riuscito il nuovo titolo di TTGames a ripetere l’ottimo lavoro svolto con LEGO Batman 3 lo scorso autunno?

Versione Testata: PlayStation 4

Benvenuti al Jurassic Park

Come LEGO Harry Potter, e LEGO Il Signore degli Anelli, anche LEGO Jurassic World ripercorre gli eventi dei film con protagonisti i dinosauri: Jurassic Park, Il Mondo Perduto, Jurassic Park 3 e l’ultimo arrivato Jurassic World riproponendo le principali vicende della saga nel corso di venti livelli. Tra le scene riproposte non mancano la fuga dal T-Rex sulla Jeep sotto la pioggia incessante, correre al di fuori dell’erba alta per evitare i Velociraptor, affrontare il temibile Spinosauro nella baia e combattere contro il pericolosissimo Indominus Rex.

Rivive le scene clou dei film con l’umorismo LEGO

LEGO Jurassic World è concepito (come i precedenti giochi basati su saghe cinematografiche) per coloro che sanno a memoria ogni battuta dei film, e grazie all’ormai classico umorismo LEGO che pervade ogni enigma e situazione in cui vi troverete dinnanzi, riuscirà a non annoiare durante le dieci ore necessarie a completare il titolo. La completa fedeltà ai film è un’arma a doppio taglio, se da un lato rappresenta il motivo dell’acquisto da parte dei fan sfegatati dei dinosauri di Spielberg, dall’altro è un incentivo minore rispetto a titoli con una trama completamente inedita, come per l’appunto il già citato LEGO Batman 3 o LEGO City Undercover, che potevano essere apprezzati da tutti.

Per gli appassionati sarà un piacere utilizzare Alan Grant, Ian Malcolm e Owen Grady, ognuno con le proprie abilità speciali in grado di aiutare il giocatore a proseguire nel gioco e di raccogliere i tantissimi collezionabili ormai onnipresenti nei giochi di TTGames. Oltre a tutti i personaggi umani, che vanno da i tre protagonisti succitati, al cast di comprimari, fino ad arrivare alle guardie del parco o ai cacciatori di frodo in LEGO Jurassic World potrete utilizzare anche tutti i dinosauri del parco, raccogliendo l’ambra cristallizata nascosta in ogni livello infatti, potrete selezionare nel gioco libero uno dei 25 dinosauri presenti ( Compresi Indominus Rex e i Raptor di Owen) non solo, come ci disse Tim Wileman lo scorso Aprile, potrete fondere il DNA di ogni dinosauro e crearne di nuovi, con abilità diverse e utili alle vostre esigenze. L’Editor dei Dinosauri si aggiunge a quello classico dei personaggi e permette ad ogni giocatore di crearsi la propria specie estinta.

10440956_10207017244217305_8420529800494073960_n
Una volta completata la trama di ogni film, verranno resi disponibili i livelli Inseguimento, in cui il giocatore impersonerà il dinosauro invece che l’umano, in una breve corsa su binari: sebbene un paio di questi segmenti siano divertenti ( Inseguire la Jeep nei panni del T-Rex n.d.Guido) il tutto risulta molto scialbo e poco curato rispetto ai 20 livelli principali, invitando il giocatore a sbizzarrirsi coi dinosauri sulle due isole, piuttosto che nelle corse; inoltre la scena dei Raptor nelle cucine ( iconica nella serie) non è giocabile nei panni dei predatori (se non nel gioco libero, dove vi troverete comunque ad affrontare i raptor con dei raptor): sarebbe stato apprezzabile ripercorrere completamente il gioco dal punto di vista dei dinosauri, giovando anche all’effettiva longevità del titolo.

Se lo facciamo, lo facciamo a modo mio

In LEGO Harry Potter avevamo le magie, in LEGO Batman e LEGO Marvel Super Heroes i costumi e i poteri, in LEGO Jurassic World ci troviamo di fronte ai lavori di ogni personaggio (un po’ come accadeva in City Undercover) che permetteranno al giocatore di procedere nelle vicende e di, come già detto, raccogliere pezzi d’ambra e minikit. Le abilità sono varie e ben distribuite: ad esempio, Alan Grant, paleontologo, potrà ricostruire i Lego di ossa (come gli appassionati del mondo dei dinosauri) e tagliare funi e cavi con l’artiglio di Raptor, Owen Grady oltre usare l’unghia di Indominus per lo stesso fine, potrà arrampicarsi sulle pareti e immergersi negli escrementi di Dinosauro per trovare oggetti utili e indizi (l‘abilità più utilizzata nel gioco); Ellie Sattler, oltre al tuffo appena citato, potrà annaffiare le piante per donargli una rapida crescita, un addestratore come Barry di Jurassic World potrà elettrificare i portali e seguire le tracce, Ian Malcolm risolverà equazioni e sarà in grado di accendere un bengala per esplorare le zone buie e i Raptor potranno saltare molto in alto e seguire gli odori grazie al loro olfatto. Come al solito TTGames non ha reso nessun personaggio invincibile ed in grado di far tutto, stimolando il giocatore a cambiare spesso, soprattutto nel gioco libero, il protagonista da utilizzare.

11247709_10207035259347672_8695032585861978724_n

 

Ed è proprio nel Gioco Libero che troviamo il principale miglioramento di LEGO Jurassic World rispetto ai precedenti titoli sui mattoncini danesi: mentre esplorate liberamente a piedi, sotto forma di dinosauro o su un mezzo Isla Sorna e Isla Nublar, basterà tener premuto triangolo per passare alla ruota di selezione dei personaggi: qui, uno slot è dedicato alla lista tra cui scegliere quale nuovo protagonista interpretare. Se questo miglioramento verrà mantenuto anche nei prossimi titoli, potremo finalmente dire addio al fastidioso difetto che (specialmente nei titoli dedicati ai supereroi) portava l’omino LEGO a trasformarsi invece che a farci cambiare personaggio.

Selezione personaggio migliorata

Ovviamente restano immutate le altre caratteristiche della modalità Gioco Libero: poter rigiocare i capitoli della storia con i personaggi che preferiamo, in modo tale da sbloccare le aree ristrette a determinate abilità, salvare i lavoratori in pericolo o raccogliere i mattoncini dorati nelle due isole e ovviamente le corse sui mezzi, a cui in LEGO Jurassic World si aggiungono anche quelle sottoforma di Dinosauro. Come extra troviamo invece dieci dinosauri malati (da curare utilizzando le varie abilità per raccogliere i tre cibi richiesti) e venti postazioni fotografiche, che regaleranno degli scatti divertenti di alcune zone iconiche della saga.

11428028_10206986862057770_329240997179861394_n

Nessuno… muova… un muscolo!

Se dal punto visivo LEGO Jurassic World non si differenzia praticamente per nulla da LEGO Batman 3: Gotham e Oltre, un lavoro certosino è stato fatto sotto il lato del sonoro: oltre alle colonne sonore originali dei quattro film, sono state utilizzate le voci italiane (e inglesi ovviamente)

ottimo lavoro di doppiaggio

per tutte le scene dei primi tre capitoli. Anche durante le fasi di gioco di Jurassic Park, del Mondo Perduto e di Jurassic Park 3 sono state ripiegate linee di dialogo esistenti seppur ci siano grandi assenti come lo storico “Senta, è previsto che si vedano dei dinosauri nel suo Parco dei Dinosauri?” ma riescono comunque a ritrasmettere le atmosfere dei titoli su pellicola. Un lavoro ancora migliore è stato fatto per Jurassic World, che ripropone i doppiatori del film, tra cui Andrea Mele (che presta la voce a Chris Pratt/Owen) sia nelle scene con i dialoghi del film, sia durante le fasi di gioco con esclamazioni completamente inedite e riguardanti quello che il giocatore si appresta a fare.

Verdetto
7.5 / 10
Senta, è previsto che si vedano dei dinosauri nel suo Parco dei Dinosauri?
Commento
LEGO Jurassic World risolve finalmente uno dei principali difetti degli ultimi giochi LEGO, migliorando nettamente l'esperienza del Gioco Libero. Purtroppo su tutto il resto risulta in definitiva meno attraente di un LEGO Batman 3 o di un LEGO City Undercover, ma sicuramente un ottimo acquisto per gli amanti della saga inaugurata da Spielberg nel 1993. Se volete un gioco LEGO ma non vi piacciono i film sui predatori giurassici (e soprattutto se siete tra quelli che non hanno apprezzato Jurassic World, che risulta il più curato e il migliore dei quattro in questa versione a mattoncini) concentratevi su un altro titolo della serie di TTGames, se al contrario siete cresciuti a pane e dinosauri, salite su una girosfera e correte a comprarlo.
Pro e Contro
Voci originali dei film
Ottimo per i fan della saga
Nuovo sistema di gioco libero riuscito

x Livelli d'inseguimento scialbi
x Adatto solo ai fan della saga

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion