Anteprima The Witcher 3: Wild Hunt

Quando nel 2007 CD Projekt Red pubblicò in esclusiva PC The Witcher, sugli scaffali delle librerie italiane non erano ancora approdati i libri da cui è tratta la serie, e sicuramente nessuno pensava che il GDR polacco avrebbe avuto il successo riscosso negli anni successivi. Nel 2011 Geralt tornava con il secondo capitolo, ancora più maestoso del primo ed esordì anche su Xbox 360, lasciando orfani (per quanto riguarda il mercato console) ancora una volta i possessori di PlayStation 3.
Il prossimo 19 Maggio verrà colmata anche questa lacuna, con l’arrivo di The Witcher 3: Wild Hunt su PC, Xbox One e PlayStation 4: ospiti in quel di Milano di Bandai Namco, che ne curerà la distribuzione europea, abbiamo potuto assaporare una minuscola parte della nuova avventura di Geralt di Rivia.

Versione Testata: Xbox One

A caccia di donne e di grifoni

Sotto lo sguardo vigile di Damien Monnier, Senior Gameplay Designer di CD Project Red, veniamo catapultati in una piccola sezione della mappa di gioco, nel bel mezzo di una foresta ricca di vegetazione e di lupi affamati, dove il nostro Geralt dovrà indagare sulla causa della morte di un gruppo di avventurieri mentre al contempo cerca informazioni su Yennefer, il suo grande amore.
Attivando i sensi del Witcher (una delle qualità principali della “razza” del protagonista) il nostro eroe individuerà delle orme di sangue, che lo condurranno sul crinale di una montagna, dove lo aspetta uno spettacolo ancora più macabro delle pozze di sangue di poco sopra. Un enorme grifone femmina giace sgozzato e inerte, fornendo a Geralt informazioni sull’autore del massacro: analizzando la carcassa infatti, il Witcher scopre che la bestia è stata uccisa da un suo simile dopo l’accoppiamento in preda ad una furia omicida il Grifone maschio si è lasciato una lunga scia di morte. Tornato al villaggio, Geralt decide di attirare la bestia allo scoperto e affrontarla in battaglia per garantire lo stesso destino delle sfortunate vittime.

Il gameplay delle fasi di combattimento di The Witcher 3 sembra rimasto praticamente immutato da quello visto nei primi due capitoli: con X l’eroe utilizzerà la spada, a B sarà affidata la schivata, alle frecce direzionali gli oggetti di supporto (cibo, pozioni e quant’altro), ai dorsali Segni (le “magie”) e armi secondarie (nel nostro caso la balestra), all’analogico destro infine il Lock On per mirare nemici e avversari. Purtroppo nella build provata (risalente a Gennaio) il targeting si limita a spostare la telecamera alle spalle di Geralt, rendendo difficoltosa mirare un nemico in volo; fortunatamente Monnier ci ha confermato che il team è già al lavoro su una soluzione.
Durante le fasi esplorative invece, il “Lupo Bianco” potrà correre con A, saltare con B e utilizzare i sensi del Witcher con il dorsale sinistro, evidenziando punti d’interesse e collezionabili.

In questo mondo di lupi

Passiamo a parlare della mappa, o meglio della piccola sezione in cui ci siamo potuti muovere, sia a cavallo che a piedi, per indagare sul cattivissimo Grifone. CD Projekt Red ha confermato che l’area di gioco sarà 30 volte più grande rispetto a quella vista nel secondo capitolo, e che per raggiungere alcune zone bisognerà utilizzare una nave.
Già dalla nostra prova, sembra che il mondo di Geralt questa volta sia davvero vastissimo, la conferma delle oltre 200 ore di gioco necessarie per portare a termine tutto il fattibile da parte di Monnier è l’ulteriore prova di quanto Wild Hunt si appresta ad essere il capitolo definitivo della serie.
Mentre cavalcavamo con Geralt, abbiamo inoltre notato come il tempo all’interno del gioco modifichi l’ambiente e il comportamento dei PNG, di notte infatti sarà quasi impossibile trovare contadini nei campi, mentre nei boschi troveremo una nutrita schiera di nemici, a differenza di quanto accade nelle ore diurne.
Visivamente il titolo sfrutta il REDengine 3 (motore proprietario di CD Projekt Red) che permette un alto numero di elementi a schermo, non abbiamo constatato bug grafici, escludendo qualche compenetrazione mentre ci trovavamo a cavallo. I menù della build, e tutte i dialoghi erano completamente sottotitolati in italiano, mentre il livello di doppiaggio originale si attesta sul buon livello già sentito nei primi due capitoli.

Commento
The Witcher 3: Wild Hunt si appresta a migliorare ulteriormente il lavoro svolto da CD Projekt Red con i precedenti episodi: dalla mappa di gioco alla profondità di inventario e menù, fino alla quantità di PNG e missioni presenti risulta più grande e numerosa. Purtroppo restano alcuni difetti di base nelle meccaniche di combattimento, come ad esempio il sistema di targeting, che speriamo siano risolti nella versione completa in uscita il prossimo 19 Maggio.
Pro e Contro
Vasto e pieno di cose da fare
Stilisticamente curato

x Lock On da rivedere

Hai altre domande, bisogno di aiuto o semplicemente ti va di parlare di videogiochi? Ci trovi anche al Baretto Videoludico, a cercare di portare il nostro medium preferito oltre le regole.

#LiveTheRebellion