Lunediscord #1: Je suis Valve

Anteprima Sekiro: 12 ore in due notti

Finalmente il momento è arrivato. Sekiro è finalmente giunto nei nostri PC – nelle nostre console – e non vediamo l’ora di iniziare questa nuova avventura. Siamo nel Giappone feudale, siamo un samurai. Sappiamo molte cose e ne abbiamo viste anche troppe. Molte speculazioni sono state sviluppate anche qui, su I Love Videogames, e il tubo inizia ad essere infestato di tubbari che devono sbatterti in faccia i loro accessi anticipati. Noi siamo umili mortali e lo giochiamo come voi, insieme a voi.

Scusate lo sfogo ma l’attesa mi ha reso sensibile.

Sekiro è difficile!!!

Cit. youtuber medio che vuole attirare l’attenzione

Per approfondire:
Sekiro e la Lore nascosta

Iniziato il download del gioco (per correttezza di informazioni la versione provata gira su Xbox One S. Si, ho una One, e allora?) ci accorgiamo che il file pesa relativamente poco. Siamo intorno ai 13 Gb scarsi. Primo indizio di due future considerazione che andremo a risolvere: From Software continua caparbia a non spingere la tecnica nei suoi titoli e, figlia della prima somma, Sekiro non sarà un titolo tecnicamente avveniristico. Sono d’accordo che nessuno si aspettava questo da From. È come stupirsi se i Red Hot Chili Peppers non hanno un quartetto di archi nel loro prossimo disco. Ma 13Gb è meno di Dark Souls 3! Il lato positivo è che il download è veloce e richiede il tempo di lettura di un manga (si consigliano manga a tema samurai per entrare nel sentimento).

Il gioco è pronto. Possiamo iniziare scegliendo la lingua dei dialoghi e i sottotitoli. Consigliamo senza fallo di scegliere la lingua parlata Giapponese e i sottotitoli a piacere. Non abbiamo quindi sperimentato la recitazione dei dialoghi in altri idiomi, visto anche il poco tempo a disposizione. Notevole la scelta del colore e dello stile del menù di selezione, presumibilmente sarà lo stesso in-game. Ogni cosa stuzzica l’immaginario orientale.

Il gioco inizia, e siamo nei guai

La cutscene iniziale è meravigliosa. C’è molto buon gusto nella scelta dei colori e delle coreografie dei duelli. Il mio istinto marziale inizia ad avere il languore. Gli appassionati di film di arti marziali avranno pane per i loro denti. Dalla narrazione, dal principio del gioco, capiamo subito che alcune dinamiche di narrativa non saranno così distanti dai Souls. Ci ritroviamo in un buco, mezzi morti, e veniamo destati, salvati, da una mano amica che -sembra- non conosciamo. La donna è coperta da un ombrello tradizionale, per non rovinare la delicata carnagione e forse nascondersi dalla nostra vista. Ci piace pensarla bellissima ma non credo sia molto inerente alla gameplay. Ci lascia una lettera. Da qui inizia il gioco vero e proprio. Così inizieranno anche le nostre prime considerazioni su questa IP.

La lettera decorata ci viene lasciata dalla misteriosa donna.

Ovviamente siamo nel Tutorial. Activision sembra aver ricevuto il compito, tra gli altri, di curare il tutorial. In effetti ha tinte ben distinte dagli altri tutorial. Ha una coerenza nel far conoscere le movenze del personaggio. È molto comprensibile e chiaro, il che è molto apprezzato. Dopo pochi passi (per valutare una responsività nella norma) risalta subito il feeling del protagonista. La morbidezza ed eleganza dei movimenti. Questa è la prima sorpresa e un accento positivo su tutta la melodia. Il tutorial ha già un obiettivo chiaro: dobbiamo recuperare il Divino Erede, il Signore al quale siamo votati.

Iniziano i dettagli e non abbiamo neanche scalfito il tutorial

Muoversi nei panni di Lupo è stupendo

Muoversi nei panni di Lupo è stupendo. Si sente che siamo pericolosi dispensatori di morte. Il salto è stata una delle prime scelte di gameplay a risaltare, dal primo trailer. Siamo leggeri e dinamici e saltare regala una bella sensazione. È possibile provare sin da subito il nuoto. Possiamo scattare nell’acqua e addirittura saltare durante il nuoto. Lo stile di bracciata è tradizionale, non è il moderno stile libero di The Witcher. Questa volta poi l’acqua profonda è nostra amica e non ci ucciderà al contatto. La scelta di far nuotare Lupo non è dettata solo dalle maggiori possibilità di movimento nella mappa. Nel Giappone feudale i ryu, le scuole dove studiavano i samurai, insegnavano anche tecniche di nuoto in armatura, in piscine/stagni vicino le galopperie. Le tecniche di nuoto suieijutsu erano quindi nel bagaglio professionale di un samurai che, doveva saper nuotare in posizione eretta e in armatura completa. Per ora siamo senza spada, come simbolo del nostro deperire, sparire. Siamo stati destati nel corpo ma è l’anima della spada che ci ridarrà la forza.

Molte novità classiche

Cos’hanno in comune la più famosa archeologa dei videogame e l’appena arrivato samurai? Dirupi, pareti scoscese e tanta natura. Battute a parte, che restano battute perché non vogliamo dire che Sekiro attinge da Tomb Raider, è chiaro che finalmente dinamiche classiche e assodate di gameplay fanno il loro ingresso in un moderno gioco From Software. Dico moderno perché Tenchu (dal quale molto è stato mutuato) presentava già alcune delle accortezze qui discusse. Come anticipato in precedenza il tutorial ci guida per mano. Possiamo saltare, eseguire un doppio salto, facendo leva sul muro, per raggiungere le altezze più impervie, appiattirci contro le pareti per superare le asperità dei precipizi. Le postazioni per saltare e aggrapparci sono chiare grazie al lavoro di un coraggioso imbianchino che ci ha preceduto. Armato solo di secchio e pennello ha pitturato tutte le sporgenze per rendere le nostre azioni più mirate (anche Geralt ringrazia). In queste prime fasi di gioco ci saremmo aspettati la spiegazione dello sword play, invece il tutto è incentrato sul movimento base e sullo stealth.

Le prime scoperte

Apprendiamo i primi rudimenti sullo stealth di Sekiro. Non vogliamo parlare di realismo né di altre amenità che con l’arte fanno a cazzoti. Parliamo invece che c’è una logica in quello che facciamo. Non siamo invisibili nell’erba alta. È necessario che il giocatore sia cauto. Possiamo muoverci in silenzio e senza dare nell’occhio ma basta un minimo errore per scatenare l’ira delle guardie. Ricordo poi che, per adesso, noi siamo disarmati. Abbiamo provato a restare nascosti nel tentativo di ridurre l’agro ma senza risultati, per adesso almeno. Scopriamo ora che abbiamo un eccellente udito da ninja. Origliamo le conversazioni per acquisire informazioni sulla posizione del nostro Signore, il Divino Erede.

Il combattimento in Sekiro è efficace e poetico. Un samurai sa come uccidere.

Raggiunto il nostro obiettivo e senza voler rivelare troppo della trama: possiamo iniziare ad affettare nemici. Sappiamo cosa volete sapere, voi pazzi e potenziali criminali che videogiocano. Com’è il combattimento? Il sangue? Se muoversi con Sekiro da soddisfazione allora come esprimiamo la sensazione di tagliare un avversario? Il feeling è tale che l’idea di evitare gli avversari, passando per i tetti o nell’erba alta (gotta catch’em all) passa in secondo piano. Hai voglia di tagliare e duellare. Il combat system è ricco. Ovviamente noi abbiamo subito provato l’attacco in salto, riuscendo a far leva sulla testa del malcapitato e umiliandolo senza ritegno. È chiaro che servirà attenzione, che le possibilità di movimento, attacco, deflezione e schivata sono tante. Nulla che un giocatore medio non possa padroneggiare in due o tre ore. Una feature fondamentale, sin da subito, sarà la rottura dell’equilibrio. Non è correlata, è proprio fondamentale. Per vincere dobbiamo spezzare l’equilibrio del contendente. Attenzione perché anche loro possono spezzare il nostro, di equilibrio, condannandoci ad una morte impietosa. Abbiamo provato anche la morte e subire i colpi, o il colpo, è percepibile chiaramente.

Questa era la prima ora di gioco

All'inizio ti senti Dio. Poi...

Avete presente una bella passeggiata tra la natura? Il profumo del prato, i colori dei fiori e un albero con la sua ombra rinfrescante. Ora immaginate l’albero che vi insegue per divorarvi. Certamente provereste un po’ di stupore e vi sentireste anche un filino stronzi. Questa è la sensazione che si prova una volta usciti dal tutorial. All’inizio ti senti skillato. Stai imparando e tutto è chiaro. Defletti, schivi e mieti vittime come mai prima d’ora. La sensazione è inebriante e ti concedi una sana spavalderia. Il tutorial termina e non vedi l’ora di far vedere al feudo giapponese chi comanda. Bastano pochi scambi per capire il raggiro. Ti hanno attirato come le api con il miele, come le falene con la luce, come le mosche con la… ci siamo capiti. Prima eri un vero killer che con eleganza dilaniava le carni. Ora sei un poveretto che con una spada, che sembra fatta di paglia arrotolata, non riesce a trovare più il timing giusto. Non scoraggiarti videogiocatore. Ci stiamo passando tutti.

Commento
Sekiro si presenta nel migliore dei modi. Tutta la capacità narrativa e immersiva degli autori viene messa in campo per portare il giocatore in un mondo dilaniato, stanco e sconfitto. Proprio come il protagonista. Non esente da difetti è un must have per gli appassionati del genere action come degli appassionati dei Souls. Per tutti gli altri resta caldamente consigliato, a patto di mantenere una mente aperta e il sangue freddo
Pro e Contro
Ambientazione
Combat system
Narrazione

x Longevità
x Comparto tecnico