Live #0: Di che colore sono i soldi su iCrewPlay?

Anteprima Doom and Destiny Advanced

Con netto ritardo rispetto al resto dell’industria, nell’ultimo periodo, sopratutto grazie all’enorme crescita del mercato indipendente, molte software house nostrane si stanno pian piano creando un nome nel mercato videoludico. Se da una parte alcune di esse si sono ormai affermate in maniera netta tra le società di spicco del settore (vedasi, ad esempio, Milestone), dall’altra, la più numerosa, troviamo tantissimi piccoli studi che cercano di portare ad un pubblico più vasto possibile la propria creatività sfruttando ogni canale ed ogni piattaforma a loro disposizione (dalle piattaforme digitali, alle console sino ai dispositivi mobile). Di questa seconda categoria fanno parte i ragazzi di Heartbit Interactive, noti agli utenti grazie al loro RPG (o come lo definiscono loro stessi, I-RPG, Italian Role Playing Game) Doom and Destiny.
Quest’ultimo era un prodotto interessante ma, anche a detta degli sviluppatori, ancora incompleto. Quello che vi presentiamo oggi è infatti la versione rivista del progetto, contemporaneamente sequel, prequel e reboot, finalizzato a fornire un esperienza più ricca e, sostanzialmente, definitiva denominata Doom and Destiny: Advanced.

 

Noob and Destiny Advanced

doom and destiny advanced

 

 

Doom and Destiny Advanced inizia mettendo subito le cose in chiaro e buttandoci da subito in mezzo alla mischia

Doom and Destiny Advanced inizia mettendo subito le cose in chiaro e buttandoci da subito in mezzo alla
mischia, con i quattro nerd protagonisti impegnati a trovare la via d’uscita dalle fogne nelle quali saranno ostacolati da un golem di cacca, per poi ritrovarsi a dover fuggire da una torre in fiamme. Lo spaesamento iniziale del giocatore sarà presto placato da un lungo flash back che vedrà i nostri “eroi” che, nel mezzo dei preparativi per una partita a Doom and Destiny (gioco da tavolo parodia di Dungeons and Dragons) si ritrovano catapultati all’interno di un misterioso ed oscuro mondo fantasy e costretti a vivere quelle imprese che fino a quel momento avevano soltanto immaginato, con tutti i problemi del caso.

 

 

doom and destiny advanced

 

A non mancare sono ovviamente le citazioni, a volte ben inserite all’interno del contesto, altre volte un po’ troppo forzate, almeno per quanto visto sino ad ora.

 

doom and destiny advanced

 

L’humor del titolo è purtroppo altalenante con alcuni tocchi di sarcasmo e satira ben congegnato a cui fanno da contraltare alcune battute di basso livello, sì contestualizzate ma davvero poco ispirate.

 

Un Final Fantasy con baffi neri e mandolino

 

doom and destiny advanced

 

Come accennato in precedenza, Doom and Destiny Advanced è un RPG di stampo classico in piena regola, un tributo

un tributo a tutti gli effetti a quelli che sono i titoli cardine del genere.

a tutti gli effetti a quelli che sono i titoli cardine del genere. L’avventura si dividerà infatti in due momenti principali, l’esplorazione del mondo di gioco ed i combattimenti a turni contro i nemici di vario tipo. Ogni personaggio potrà incarnare diversi archetipi (partendo da alcuni più standard sino ad altri, perlomeno, bizzarri) dei classici eroi dei giochi di ruolo, dal barbaro, al mago, al paladino, al sacerdote (del dio Spaghetti), al ladro sino ad altre molto più particolari come il cuoco. Ognuna di esse, inoltre, oltre a permettere di avere accesso a diverse abilità, darà modo di interagire con i vari enigmi ambientali. Ma non finisce qui, le suddette classi saranno dei veri e propri cosplay, dando così la possibilità di personalizzare il proprio vestiario sbloccando nuovi stili con il prosieguo dell’avventura.

 

doom and destiny advanced

 

Prima si è parlato del mondo di gioco, e di sicuro questo è uno dei punti forti della produzione in grado di rivelarsi vasto, diversificato e ricco di attività e missioni secondarie a disposizione del giocatore. A non mancare è anche una modalità multigiocatore ispirata che riprende meccaniche già viste in titoli come Dark Souls o Dragon’s Dogma con tanto di mercenari da inviare ad altri giocatori, duelli ed invasioni. Il tutto supervisionato dallo sguardo vigile del direttore dell’arena extra-dimensionale, Hulk Hogan.

doom and destiny advanced

 

La cara vecchia pixel art

 

 

 

La pixel art, il ritorno ad uno stile che ricalchi quello dei vecchi titoli a 8, 16 e 32 bit, è forse uno degli elementi più abusati al giorno d’oggi dai vari team di sviluppo indipendenti grazie alla sua adattabilità ed alla possibilità di contenere enormemente i costi accontentando al contempo i giocatori più nostalgici.

doom and destiny advanced

Ma nonostante il mercato sia, appunto, ormai saturo di questa specifica scelta artistica, in Doom and Destiny viene utilizzata a dovere, anche grazie all’ironia di fondo del titolo che viene ulteriormente accentuata dai pixel, accompagnata però da alcune tavole che ricalcano uno stile fumettistico estremamente caricaturale.

Commento
Doom and Destiny Advanced è il perfezionamento di un progetto che si muove sì all'interno di una zona sicura come quella degli RPG di stampo classico ma in maniera estremamente personale, condito di tutte le bizzarrie e di tutti quegli elementi pop che hanno influenzato gli sviluppatori. Peccato soltanto per un'ironia qualitativamente altalenante.
Pro e Contro
Bizzarro ed esagerato
Tante Classi e tante abilità diverse

x Diverse battute e gag risultano forzate e poco divertenti